John Ford, il maestro del western

Era il nome d’arte di Sean Aloysius O’Feeney, regista cinematografico statunitense, di origine irlandese, nato a Cape Elizabeth, nel Maine, il 1° febbraio 1894. È stato uno dei più importanti registi del cinema classico hollywoodiano; meglio di ogni altro ha saputo raccontare il grande mito degli Stati Uniti, cogliendone gli aspetti affascinanti, ma anche contraddittori, soprattutto attraverso il genere nel quale spesso si identifica il cinema americano, ossia il western. Con i suoi indimenticabili protagonisti: i pionieri, la cavalleria, i cowboy, gli indiani.

Apparentemente legato alle tradizioni, al passato e agli ideali dell’epopea americana e sostanzialmente fedele alla sua identità complessa di irlandese immigrato, con le sue storie ha raccontato l’odissea avventurosa e difficile di uomini e donne capaci di affrontare ostacoli e difficoltà pur di seguire il proprio destino. A una prima lettura nei suoi film sembrano esaltati soltanto valori come l’individualismo, la famiglia, la libertà, la giustizia e l’orgoglio di appartenere alla nazione americana, ma a uno sguardo più attento vi affiorano spesso aspetti conflittuali e controversi che di quella stessa realtà rappresentata evidenziano problemi e drammatiche contraddizioni.

A partire dal 1917 cominciò a girare film a Hollywood e raggiunse il successo nel periodo del muto, realizzando numerose opere amate dal pubblico, tra cui Il cavallo d’acciaio (1924), sulla costruzione della ferrovia nel West. Già in questa fase sono presenti alcuni importanti elementi, poi costanti nella sua vasta produzione: la profondità con cui viene delineata la psicologia dei personaggi, lo stile rigoroso e la nitidezza della fotografia nel rendere sullo schermo gli sterminati spazi della frontiera, ma soprattutto la ricostruzione accurata delle ambientazioni, basata sulla documentazione, le fotografie e le opere dei pittori americani della seconda metà dell’Ottocento. Successivamente girò molti film apprezzati dal pubblico, prima e dopo l’avvento del sonoro, ispirati a romanzi o commedie di largo consumo, spesso a carattere melodrammatico. Ma il suo nome resta legato al genere western.

Nel 1939 riuscì a mettere in scena un western a basso costo, rifiutato dai più grandi produttori, Ombre rosse, forse il più celebre classico del cinema western, dove la diligenza con i sei passeggeri in viaggio nel territorio controllato dagli Apache in guerra, diviene l’indimenticabile simbolo della lotta contro i pericoli esterni, ma anche contro le proprie paure. Il film ottenne nel 1940 due Oscar per il miglior attore non protagonista e la migliore colonna sonora, il pubblico andò in delirio e Ford lanciò l’attore John Wayne, ancora poco conosciuto ma destinato a un grande futuro. Nello stesso anno il regista girò, uno dopo l’altro, due capolavori: Alba di gloria e La più grande avventura, il suo primo film a colori. Questi film segnarono l’inizio della collaborazione con Henry Fonda, altro grande interprete che sarebbe poi diventato un mito.

Ma Ford non esitò a realizzare anche un forte atto di accusa contro la società americana, girando Furore nel 1941, dal romanzo di John Steinbeck. Il film narra l’odissea di una famiglia di piccoli contadini, cacciati dalle loro terre dalla logica spietata e brutale del capitalismo, ed è ambientato nell’America devastata dalla Grande depressione.

Nel 1941 Ford ottenne un altro successo memorabile con un lavoro molto impegnativo e costoso, Com’era verde la mia valle, per il quale vinse nel 1942 numerosi Oscar, tra cui quello per il miglior film e per la miglior regia. La pellicola descrive la vita di una comunità di minatori del Galles, caratterizzata dalla miseria, dalla dignità, dagli scioperi, ma anche dalla grettezza e dai pregiudizi. Il film impressionò il pubblico americano, affascinato dalla rievocazione di un mondo arcaico, fiero e sicuro dei propri valori, proprio nel momento in cui ogni valore sembrava precipitare nell’abisso della Seconda guerra mondiale.

Dopo aver raccontato la storia del mitico sceriffo Wyatt Earp nel film Sfida infernale, del 1946, ultimo film con la Fox, Ford fondò una casa di produzione indipendente, la Argosy, che gli permise di esprimersi con maggiore libertà e di realizzare i suoi film più famosi, quasi tutti western: Il massacro di Fort Apache del 1946, I cavalieri del Nord-Ovest del 1949, Rio Bravo e La carovana dei mormoni del 1950. Universalmente stimato, non ebbe timore di mettere a repentaglio la sua reputazione e, durante il periodo del maccartismo, difese apertamente i colleghi Joseph L. Mankiewicz e Frank Capra, accusati di simpatie per il comunismo.

Nel 1952 il suo ultimo film con la Argosy, Un uomo tranquillo, gli valse un nuovo Oscar per la regia e un successo commerciale notevolissimo, che venne però rovinato da una lite giudiziaria. Inasprito dalla controversia, gravemente colpito da lutti e malattie, il regista entrò in una fase depressiva che sfociò in un intensificarsi dei problemi connessi all’alcolismo. Tuttavia, il risultato di questo periodo di crisi e di conflitti fu uno dei suoi western più riusciti, Sentieri selvaggi, del 1956, magistralmente interpretato da John Wayne, in cui Ford descrive con notevole finezza psicologica un eroe che gli somiglia: un uomo di mezza età che ha subito terribili traumi ed è ossessionato dal desiderio di rivincita, spinto verso comportamenti aspri e violenti.

Successivamente abbandonò le sicurezze del cinema hollywoodiano e si gettò nell’avventura di un’ultima stagione piena di malinconia, portando sullo schermo personaggi ambigui e sconfitti, elevando al ruolo di eroi individui da sempre ai margini dei film americani, come i neri e gli indiani o prestando una diversa attenzione alle figure femminili. Fanno parte dei lavori di quest’ultimo periodo Soldati a cavallo, del 1959, Cavalcarono insieme, del 1961, e soprattutto il western crepuscolare L’uomo che uccise Liberty Valance, una straordinaria riflessione sul mito del West e sul rapporto tra storia e leggenda, e tra verità e finzione.

E con la stessa coerenza morale che lo accompagnò sino alla morte, il 31 agosto del 1973, non esitò a incentrare il suo ultimo western, Il grande sentiero del 1964, sulla fuga dei Cheyenne verso il Nord-Ovest. Fu in qualche modo un risarcimento nei confronti di coloro che in tanti suoi film erano stati rappresentati come un micidiale pericolo, e che ora venivano finalmente presentati nella loro triste realtà di vittime.

“Se sei in dubbio sul da farsi,
gira un film western.”

FONTE: Enciclopedia del cinema, Treccani

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

12 pensieri riguardo “John Ford, il maestro del western”

  1. Ombre Rosse è stato un film estremamente importante che ancora oggi si dimostra molto moderno a livello registico.
    Comunque è stato un regista veramente importante e sono contento che verso la fine abbia dato un pò di giustizia agli indiani.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

Inbiancomoltonero

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: