Yul Brynner, il magnifico

Il suo nome completo era Julij Borisovič Briner, nato a Vladivostok, in Siberia, l’11 luglio 1920, da padre elvetico di discendenza mongola e da madre rumena di ceppo tzigano; gli fu poi riconosciuta la cittadinanza americana pur essendo ufficialmente cittadino svizzero. Si conosce poco del suo passato antecedente alla sua carriera cinematografica, neppure attraverso la biografia ufficiale, Yul, the man who would be king, scritta dal figlio primogenito Yul jr.

Prima di approdare negli USA è passato di nazione in nazione, Svizzera, Francia, Inghilterra, Cina, sbarcando il lunario con lavori saltuari tra cui macchinista teatrale, trapezista al circo, stunt per il cinema, e cantante nei locali. Contrariamente a quanto si possa pensare, la capigliatura, anche se non folta, era comunque presente, ma si rasava ogni qualvolta affrontava le scene. Attraverso il look della testa rasata, all’epoca innovativo, attirò su di sé l’attenzione di milioni di spettatori, che però lo abbandonavano quando recitava con il parrucchino.

Con lo sguardo penetrante e i lineamenti asiatici, Brynner si è affermato negli anni ‘50 interpretando personaggi dal fascino esotico e dalla potente fisicità, prima nei kolossal biblici di Cecil B. DeMille e King Vidor e, successivamente, in numerosi film d’avventura e spy stories. Ha interpretato molti ruoli sia brillanti, sia drammatici, mostrando di essere un artista molto versatile, e stemperando una recitazione dai toni energici in prestazioni attente anche ai sottili risvolti psicologici. Nel 1934 a Parigi iniziò a frequentare il mondo della musica e del teatro. Nel 1941 si trasferì negli Stati Uniti dove, pur continuando l’attività teatrale, si dedicò anche alla televisione.

Dopo un esordio cinematografico poco convincente, il suo talento teatrale si rivelò a Broadway nel 1951 con Il re ed io, il musical che Brynner interpretò, ricoprendo la parte del Siam Mongkut, anche nell’omonima versione cinematografica del 1956, riscuotendo un enorme successo di pubblico e di critica, e vincendo l’unico Oscar della sua carriera. Nello stesso anno si fece apprezzare nel ruolo del faraone Ramsete ne I dieci comandamenti, e nel melodramma storico Anastasia di Anatole Litvak, accanto a Ingrid Bergman.

Fra la fine degli anni ‘50 e i primi anni ‘60 affiancò all’interpretazione di personaggi storici e avventurosi, come il re Salomone in Salomone e la regina di Saba, del 1959, o il pirata Jean Lafitte ne I bucanieri, figure d’ispirazione letteraria, come Dimitri Karamazov in Karamazov, del 1958, e Jason Compson ne L’urlo e la furia, del 1959, adattamenti cinematografici degli omonimi romanzi di F.M. Dostoevskij e W. Faulkner.

Il 1960 segnò la piena maturazione artistica e il successo a livello internazionale: il suo volto è rimasto inconfondibilmente legato al personaggio del pistolero Chris Adams, ne I magnifici sette di John Sturges e nel sequel del 1966, dal titolo Il ritorno dei magnifici sette, diretto da Burt Kennedy. Se si escludono alcune interessanti interpretazioni in film minori come Invito a una sparatoria, del 1964, o Il romanzo di un ladro di cavalli, del 1971, negli anni successivi continuò a proporre, senza particolari innovazioni stilistiche, il cliché dell’eroe calvo dal fascino magnetico.

Verso la fine della carriera ha saputo trasferire con intelligenza i modi e le caratteristiche del genere western in un mondo fantascientifico e visionario. Nel 1973, ne Il mondo dei robot, esordio nella regia dello scrittore Michael Crichton, seguito nel 1976 da Futureworld 2000 anni nel futuro, offrì una magistrale e avveniristica interpretazione del pistolero robot, attrazione in un futuribile e violento parco dei divertimenti, nella sua umanizzata ribellione contro gli uomini.

Attore eccentrico, amante del lusso e di se stesso, è stato un convinto maschilista e non rinunciava, neanche in pubblico, a manifestare apertamente le sue convinzioni. Accanito fumatore di oltre 60 sigarette al giorno, si fece promotore, tramite uno spot televisivo impressionante, andato in onda dopo la sua morte, di una campagna contro il fumo, quando venne a conoscenza di essere affetto da un cancro ai polmoni. La diagnosi è del 1983 e l’attore muore il 10 ottobre del 1985 a New York, all’età di 65 anni.

Sposato quattro volte con tre divorzi: primo matrimonio con l’attrice Virginia Gilmore (un figlio, Yul jr.), poi con la giornalista Doris Kleiner (una figlia, Victoria), in seguito con la pubblicista francese Jacqueline de Croisset (due figli vietnamiti adottati, Mia e Melody), ultimo con l’attrice Kathy Lee. Ha un’altra figlia, Lark, nata fuori dal secondo matrimonio con Doris Kleiner ma ugualmente allevata dalla moglie.

«Il successo ha un rovescio della medaglia, ed è la perdita di ciò che c’è di più prezioso al mondo: la propria privacy.»

FONTI: Enciclopedia del cinema, Treccani – cinekolossal.com

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

6 pensieri riguardo “Yul Brynner, il magnifico”

  1. Un personaggio.
    Bisogna sempre distinguere tra vita professionale (che ci affascina) e vita privata (che spesso disapproviamo).
    Apprezzo la sua “redenzione”, seppure tardiva, riguardo il fumo. Possibile che ancora oggi il fumo sia così tanto diffuso, nonostante se ne conoscano i rischi?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Bestprinterhelp

Drivers & Downloads

JaZzArt en València

Faith saved us from the savages that we were, losing faith makes us savages again

PENSER TIMES

Just another WordPress site

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: