Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Amabili resti (2009)

Una giovane ragazzina scompare. I genitori fanno di tutto per scoprire il rapitore che potrebbe nascondersi proprio tra i vicini di casa, ma non si arrendono all’idea che possa essere morta. Susie invece è stata uccisa subito dopo il rapimento, ma il suo spirito vaga tra le terra e il cielo, in una specie di limbo fatto di ricordi e fantasie, un mondo intermedio in cui può vedere quello che accade ai suoi cari e al suo assassino. Assiste, senza poter intervenire, al dolore della sua famiglia, alle difficoltà incontrate dalla polizia che indaga sul suo caso e all’amicizia che nasce tra il ragazzo dei suoi sogni e la sua strana compagna di scuola.

Intanto il suo assassino si prepara ad un altro omicidio, mentre lei aspetta di avere giustizia. Ci riuscirà, ma non sarà per mano della polizia, e dovremo aspettare, insieme a lei, gli ultimi fotogrammi del film.

Peter Jackson firma una pellicola originale, a metà tra thriller e fantasy, senza essere né l’uno nell’altro, ma riuscendo a regalare allo spettatore le emozioni di entrambi i generi. Tratta dal romanzo The lovely bones di Alice Sebold, la triste storia della piccola protagonista affronta in modo nuovo il tema della morte e anche quello della pedofilia. Temi difficili e dolorosi, affrontati dal regista con potenza e sviscerati nella loro essenza più misteriosa, ma sempre cercando di dare un’impronta positiva alla vicenda, ed evitando le sfumature più deprimenti.

Del thriller c’è sicuramente la suspense, l’intreccio e la tensione, anche se il colpevole è noto fin dall’inizio e la polizia non brilla per capacità investigative, perciò gli amanti del genere non si aspettino il classico poliziesco; del fantasy c’è una dimensione onirica molto poetica, forse simile in qualche modo a quella vista in Al di là dei sogni, ma con effetti speciali molto più ridimensionati.

Era un argomento difficilissimo da trattare, che poteva facilmente risultare disturbante per lo spettatore; forse anche per questo nella sequenza madre, ovvero l’assassinio della piccola Susie, Jackson preferisce solo accennare le immagini, lasciando allo spettatore il compito di ricreare la scena nella propria mente, concedendogli ampia libertà interpretativa e permettendogli anche di rimuoverla. Dopo l’omicidio il film procede su un doppio binario, tra il mondo terreno e l’aldilà, che inizialmente sembrano separati, ma che pian piano finiscono per avvicinarsi fino a sfiorarsi. Non è un horror, sia chiaro, non ci sono presenze inquietanti né fantasmi in vena di comunicare. Anzi, la dimensione più inquietante del film è quella terrena, e l’impossibilità per Susie di comunicare è uno degli aspetti più angoscianti della storia.

Il regista affronta il tema della pedofilia e della violenza in maniera molto delicata, utilizzando il punto di vista della vittima, che non è animata da desiderio di vendetta, ma semplicemente di giustizia. E anche lo spettatore, dopo l’orrore iniziale e la rabbia che porta a desiderare di veder vendicato l’omicidio, sente via via esaurirsi questi sentimenti e riesce a guardare tutto da un punto di vista diverso. È come se la protagonista, che non ha avuto modo di diventare adulta a causa della morte prematura, crescesse e maturasse in quella dimensione ultraterrena in cui si trova suo malgrado bloccata, e la sua maturazione, il suo tentativo di comprendere e di perdonare l’assassino, in qualche modo finiscono per contagiare anche lo spettatore.

I ruoli principali sono ovviamente quelli della vittima, Susie, e del suo assassino, descritti meravigliosamente nel romanzo e portati sullo schermo in maniera superba da Saoirse Ronan e Stanley Tucci. La prima, giovanissima, quasi esordiente, al primo ruolo da protagonista, mostra una sensibilità interpretativa che l’ha fatta paragonare dai critici a una giovane Meryl Streep, mentre Tucci è la vera sorpresa del film: abituati a vederlo in ruoli meno impegnativi, spesso ironici e leggeri, dimostra qui un talento drammatico fuori dal comune, che gli è valso la candidatura all’Oscar. Riesce ad essere sciatto, anonimo, e al tempo stesso patetico e disgustoso, proprio come il pedofilo della porta accanto, quello che nessuno sospetta.

Altra sorpresa è Mark Wahlberg, nel ruolo del padre di Susie, inconsolabile, incapace di accettare la perdita, farsene una ragione e andare avanti, un uomo che ama la propria famiglia, ma che improvvisamente si trova solo, privato delle sue stesse certezze. Meno incisive Rachel Weisz e Susan Sarandon, ridotte a figure di contorno, che sembrano apparire nel film più per la volontà del regista di rispettare il romanzo, che per un’effettiva utilità alla narrazione. Allo stesso modo anche il personaggio dell’amica Ruth, che nel romanzo è ben tratteggiato, nel film non viene sufficientemente approfondito.

Dove invece il regista omaggia il romanzo della Sebold è l’aspetto onirico. L’impegno che Jackson usa per ricreare i panorami ultraterreni immaginati e descritti nel romanzo, attraverso gli effetti speciali, è più che notevole e riesce ad accentuare il contrasto tra le atmosfere ovattate dell’Aldilà e quelle più cupe della realtà terrena.

Nel complesso Amabili resti è un film malinconico ma gradevole, che riflette sull’influenza che la morte di una persona esercita su quelle ancora in vita, e sul ricordo indelebile che essa lascia, fonte di dolore ma anche risorsa di rinascita. Questi dunque sono gli amabili resti: quei legami talvolta tenui, talvolta frutto di grandi sacrifici, che si formano dopo la morte di una persona cara. E con tutto il dolore, il vuoto e la disperazione che si possono provare, infine si può andare avanti e trovare la pace, sia per i vivi che per i morti.

“E cominciai a vedere le cose in un modo che mi lasciava concepire il mondo senza di me.” Con queste parole si conclude l’odissea terrena di questa piccola grande donna, mai cresciuta, ma che alla fine ha saputo scegliere l’amore, preferendo il perdono alla vendetta. E questa è anche la morale, non trascurabile, del film.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

27 pensieri riguardo “Amabili resti (2009)”

  1. Ho amato molto questo film.
    Tucci ha raccontato in una intervista che ho visto da poco, che dovendo interpretare il ruolo di un pedofilo nel film Amabili resti, decise di camuffarsi il più possibile perché si sentiva a disagio all’idea di essere associato a un simile personaggio. Per questo motivo ha infatti indossato dei denti finti, delle lenti a contatto azzurre, dei baffi finti, delle imbottiture per apparire più corpulento e degli occhiali da vista.
    È risultato particolarmente credibile e spaventoso nel suo ruolo, tanto da conquistare immediatamente le lodi della critica, che ha indicato la sua come una delle performance migliori dell’anno.Ricevette infatti numerose nomination a importanti premi nel corso della stagione, arrivando poi a guadagnare la sua prima candidatura come miglior attore non protagonista ai premi Oscar.
    😊

    Piace a 1 persona

  2. Ciao Raffa,
    complimenti per il tuo articolo, una recensione non facile, ma piena di sentimento, di considerazioni personali, di introspezione. Io non ho visto il film, ma ho letto il romanzo, parecchi anni fa. Mi è rimasto particolarmente impresso, l’ho trovato bello, profondo, inquietante, angoscioso, ma mi ha fatto venire voglia di entrare in scena per cambiare la storia. Per carità, lo so che non possiamo salvare il mondo, ma io non sono mai insensibile al dolore altrui e di sicuro la lettura di questo libro mi ha suscitato molte emozioni.
    Buona serata
    Valy

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cucina da Chef

della serie "umiltà prima di tutto ...."

pk 🌍 MUNDO

Blog educativo y diario de aula principalmente. Recopilación de los mejores recursos educativos de la red. Filosofía, escritos, aficiones e inquietudes personales.

Il Teatro dell'Anima

Un balbettio che pian piano diventa linguaggio

Frugal Average Bicyclist

The goal here is to help you keep cycling on a budget.

ChronosFeR2

Fotografia, Literatura, Música, Cultura.

I TESSA

simple pages of relief - to ink on the thought - that much - troubles the mind

Il Cammino per Agarthi

Hollow Earth Society

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Aureliano Tempera

Un po' al di qua e un po' al di là del limite

Postcardsfromhobbsend

Film reviews as you know them only much....much worse

Life target

exploring the right target of life

INDEPENDENT SANA

Positivity and motivation.

Coisas da SIL

Escrevo o que percebo e sinto ao meu redor./ write what I perceive and feel around me.

Mwendia's Blog

Living is balancing good and bad.

Kiran ✨

Reading And Writing is the best Investment of Time ✨ ( Motivational Thoughts) "LIFE IS A JOURNEY"

CarloTomeo Teatro e Teatro

Comunicati stampa e Recensioni Teatrali

Diario di bordo

Poi riflettei che ogni cosa, a ognuno, accade precisamente, precisamente ora. Secoli e secoli, e solo nel presente accadono i fatti; innumerevoli uomini nell’aria, sulla terra e sul mare, e tutto ciò che realmente accade, accade a me.

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Narsulante

"Tutto è uno e accade ora"

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: