Gregory Peck, il divo dal vestito grigio

Il suo nome completo era Eldred Gregory Peck.
Tra i più amati attori americani e tra i colossi del cinema hollywoodiano di sempre. La sua eleganza e il portamento, l’espressione pensierosa, il modo di fare taciturno ma risoluto e l’omogeneità dei suoi ruoli ne fanno da subito una star capace di esprimere, come pochi altri, il perfetto interprete della semplicità e delle virtù dell’uomo medio americano.

Dalla California si trasferisce a New York per studiare, e per mantenersi si adatta a qualsiasi lavoro, compresi quelli d’intrattenitore radiofonico e venditore porta a porta.
Nel cinema entra dalla porta principale ed è subito protagonista dall’esordio in Tamara, figlia della steppa. Subito dopo recita in altri due film importanti come Le chiavi del Paradiso del 1944 e Io ti salverò dell’anno successivo.

Ottiene un contratto dalla 20th Fox a lunga scadenza, ma allo stesso tempo, con clausole ben precise protette da qualsiasi cavillo giuridico, ne firma altri tre: con la MGM, la RKO e la Selznick Productions. Un caso unico e mai più ripetuto nell’epoca dello Star-System.

In Duello al sole, scambiò il ruolo all’ultimo istante con Joseph Cotten, quando il copione originale prevedeva il contrario: Cotten nel ruolo del cattivo e Peck in quello del fratello buono.

Credendo ciecamente, al contrario di tutti, nella capacità professionale di Audrey Hepburn, chiede di averla al suo fianco in Vacanze Romane e pretende il nome dell’attrice a fianco al suo nei titoli di testa. In questo modo facilitò la rapida ascesa di un’attrice ancora sconosciuta. Inoltre proprio per questo film, pronosticò per la Hepburn il premio Oscar; tra lo sbigottimento generale, dal momento che si trattava di attrice esordiente e soprattutto anonima, la statuetta arrivò puntuale.

Il suo grande rimpianto, che si portò appresso per tutta la vita, fu quello di aver rifiutato il ruolo poi andato a Gary Cooper in Mezzogiorno di fuoco. Leggendo il copione, aveva creduto che fosse una storia molto simile ad un film da lui già interpretato nel 1950, Romantico avventuriero, ma dovette poi ricredersi.

Pur attraversando tutti i generi, dal western alla commedia, dal film di guerra al giallo, non si è mai cimentato in kolossal in costume di carattere storico-religioso, all’infuori di Davide e Betsabea, dove fu scelto dal produttore Darryl Zanuck per il suo viso definito dal regista biblico.

Negli primi anni sessanta si conferma ancora una volta star di prima grandezza, interpretando in rapida successione tre film di successo: I cannoni di Navarone, Il promontorio della paura (presente anche nel discutibile remake di Martin Scorsese del 1991) e, su tutti, Il buio oltre la siepe, dove finalmente vince l’Oscar come miglior attore protagonista, in una prova eccellente ma non la migliore in assoluto tra quelle prestate in 50 anni di carriera.

Nel decennio successivo, con il cinema che cambia tematiche e linguaggio, Gregory Peck appare spaesato e non del tutto convinto delle prove offerte in film decisamente lontani dalle sue inclinazioni. Riesce ad essere efficace ne Il presagio, ma appare molto fuori parte ne I ragazzi venuti dal Brasile dove interpreta il perfido dott. Mengele, il medico dei campi di sterminio nazisti. Addirittura recita contro la propria natura in Mac Arthur, il generale ribelle, lui dichiaratamente democratico, pacifista e antirazzista.

Sul finire della carriera, quando ormai le sue apparizioni sullo schermo si contano sulle punta delle dita, riesce ancora a dare la zampata del leone con tre magistrali e brevi interventi ne I soldi degli altri, Ritratti e nel tv-movie Moby Dick (remake dell’omonimo film del 1950 di John Huston da lui interpretato) dove, in un incisivo piccolo ruolo, riesce a vincere il Golden Globe come miglior attore non protagonista.

Nel 1978 ha scritto un’autobiografia dal titolo An Actor’s Life dove, oltre a tracciare la propria carriera artistica, disegna la metamorfosi di Hollywood, osservata in prima persona, dai fulgidi anni ’40 all’inversione di tendenza negli anni ’70.

L’autorevole American Film Institute, ha stabilito che il personaggio eroico più famoso nella storia del cinema di ogni tempo è, senza ombra di dubbio, Atticus Finch, l’avvocato interpretato da Peck ne Il buio oltre la siepe. Al secondo posto si è classificato Indiana Jones e al terzo James Bond.

Muore a 86 anni per insufficienza respiratoria a seguito di una grave forma di polmonite.

Si è sposato due volte: con un’imprenditrice finlandese dalla quale ha avuto tre figli, e con una giornalista, conosciuta sul set italiano di Vacanze romane, da cui ha avuto due figli.

“Nella vita devi sognare, devi avere una visione e devi fissare un obiettivo da raggiungere, anche se a volte ti sembrerà che vada oltre le tue possibilità”

FONTI: cinekolossal – Enciclopedia del cinema, Rusconi editore

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

35 pensieri riguardo “Gregory Peck, il divo dal vestito grigio”

  1. davvero un grande grande! io l’ho amato molto e penso che il film “il buio oltre la siete” sia diventato un capolavoro proprio per merito suo! e poi capperi, bello da torgliere il fiato, un viso moderno… ah sì.. buona giornata e grazie sempre bravissima amica1

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Covid, vaccini e green pass. Le verità nascoste

Tutto quello che Governo, Regioni e media vi nascondono sul Covid, vaccini e green pass

Mădălina lu' Cafanu

stay calm within the chaos

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

Paola Pioletti

Ognuno ha la sua cantina d'anima

Mila Detti

"Antes y después el mundo se ha hecho pedazos y hay que nombrarlo de nuevo, dedo por dedo, labio por labio, sombra por sombra." Julio Cortazar.

Luca Maranò Attore

E' bello vedere qualcuno che mi esalta, soprattutto quando recito, perché riesco ad essere me stesso e a dare il meglio di me. Forse non lo sarà per tutti, ma la vera risposta la potranno trovare solo in Dio. Quello che sono capace di fare oggi, è ciò che sono riuscito a costruire e solo grazie al mio Signore Gesù. Se lui mi ha messo al mondo e ha voluto che diventassi suo figlio posso soltanto essere grato a lui di ciò che mi ha donato. So benissimo da dove viene il mio talento, da Dio. E io non voglio recitare soltanto per diventare famoso. Ma per essere un giorno il testimone di Cristo che è morto sulla croce per i nostri peccati. Se c'è un posto in paradiso è grazie a lui che ci aspetta. Questa consapevolezza un giorno vale più di vincere un Oscar.

La Custode della Luna

Segreti e misteri di una strega "lunatica"

uncucchiainodizucchero

consigli di cucina

Sorridi, sii grato e AMA!

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.”

Beautyblog

Instagram @marymignucci

When The Soul Writes

A Place For Readers

Ottavanota

Viaggio alla scoperta delle canzoni

Progresif rock

Rock müziğin temelidir.

ZahraAli

Iraqi news

Penjiri

Where Pen Meets Jiri

Geo Franz

Après moi, le déluge.

Poet The Mirror

Poetry My Religion

IL BLOG DELLO SCRITTORE

Un blog che parla di emozioni e moti dell’animo umano

Costa de Souza

Caricatura | Ilustração

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

Moments of my life

We are different

Yard Sale of Thoughts

Treasured poetry and bargain prose await all who enter here.

Lividi e Musica

La buona musica fa male

Emanuele Cazzaniga

Qualche foto, niente di più...

È pizza 🍕

Pizza & hinterland....

YOUNGREBEL

Blog about life, positivity, selfcare, food and beauty.

LE MONDE DE SOLÈNE

"Si tu ne vas pas dans les bois, jamais rien n'arrivera, jamais ta vie ne commencera, va dans les bois, va."

KAGO WA KIMANI

Tears Of The Pen

SaphilopeS

ne güzel blues, ne güzel karanlık

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

Preghiamo così!

preghiera, amore, speranza, religione

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Nemesys

Il mio modo di esserci

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

HysterEg.com

HYSTER TEAM

Ontologia,Psicoanalisi,Logica.

Logica, filosofia della scienza.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: