Swing kids (1993)

Il film disegna un ritratto amaro e realistico della Germania nazista di Hitler attraverso gli occhi di un gruppo di giovani ribelli, gli Swing Kids, accomunati dalla passione per la musica scatenata proveniente dall’America; mentre loro amano suonarla, ascoltarla e ballare sul suo ritmo travolgente, il governo ne vieta la diffusione per l’origine ebraica ed afroamericana degli artisti che la producono.

I giovani protagonisti saranno costretti a crescere in fretta, in una società che muta rapidamente e non lascia il tempo per riflettere: passeranno gradatamente dalla spensieratezza del ballo e dei primi amori alla consapevolezza di una realtà dove non c’è posto per la musica e neppure per la tolleranza.

Il passaggio all’età adulta non sarà indolore e metterà a dura prova la loro amicizia quando, di fronte alle scelte imposte dalla vita e dalle loro coscienze, prenderanno strade diverse: Arvid sceglierà il suicidio come via di fuga da una realtà che non può accettare né cambiare, Thomas subirà il fascino della propaganda, arruolandosi nella Gioventù Hitleriana e arrivando a denunciare il proprio padre, mentre Peter, dopo un doloroso percorso di riflessione interiore, sceglierà di ribellarsi al fanatismo dominante a prezzo della propria libertà. Solo alla fine, di fronte al coraggio dell’amico Peter, Thomas sembrerà aprire gli occhi e trovare la forza di rivoltarsi alla divisa che indossa.

Quello che preme al regista non è tanto raccontare la tragedia degli ebrei, quanto descrivere i mutamenti della società tedesca per effetto della propaganda nazional socialista, e le reazioni del popolo germanico, spettatore spesso inconsapevole di questi cambiamenti graduali, a volte impercettibili ma irreversibili.

Persecuzioni e campi di sterminio non appaiono mai direttamente, ma il loro spettro si aggira silenzioso nelle stelle di David dipinte sui portoni, fino a materializzarsi in tutta la sua disumanità nella scena più cruda di tutto il film, quando Peter è incaricato di consegnare ad una donna ebrea un pacchetto, di cui ignora il contenuto, e scopre con raccapriccio che all’interno vi sono le ceneri del marito.

Il film si avvale di un’accurata ricostruzione storica dell’epoca, accentuata dalla cura di costumi e scenografie, e sottolineata da una suggestiva fotografia seppiata in cui si inseriscono spezzoni di filmati originali in bianco e nero. Nei ruoli principali troviamo Robert Sean Leonard, reduce dal successo de L’attimo fuggente e Christian Bale, che all’epoca non aveva nemmeno vent’anni. A loro si aggiunge il meno conosciuto, ma incisivo, Frank Whaley, nel ruolo dell’amico suicida.

Tutti e tre furono nominati per questo film come migliori giovani talenti. Non accreditato, Kenneth Branagh interpreta il comandante della Gestapo, con una recitazione per lui insolitamente misurata, che rende il suo personaggio forse meno credibile, ma sicuramente più umano.

Pur essendo indiscutibilmente un dramma, i toni sono volutamente smorzati, senza mai scendere nel sentimentalismo né tanto meno nel patetico, neppure nella scena del suicidio, mostrato con pudore ed estrema delicatezza. Ne deriva una pellicola che non colpisce allo stomaco come Schindler’s list, ma che comunque commuove e fa riflettere.

Da vedere insieme ai nostri figli, perché possano comprendere quanto, nonostante tutto, siano fortunati.

Trailer originale

Complimenti a Nemo&Nancy, Nonna Pitilla, Austin Dove e NIck Shadow che hanno indovinato.

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

15 pensieri riguardo “Swing kids (1993)”

  1. io lo vido per sbaglio diversi anni fa, perchè pensavo dal titolo fosse altra cosa, invece se vi capita di vederlo fatelo! è davvero un bel film , le atmosfere a volte rarefatte e misurate ne fanno una chicca, ed hai ragione non è dirompente, ma nel suo essere misurato io credo stia proprio la sua bellezza e grazie per averlo riportato alla luce!

    Piace a 1 persona

  2. Vi la cinta Pero y pienso que no solo es una historia de amistad, de una amistad que se ve resquebrajada debido a las consecuencias y momentos, sino que es también una historia sobre personas que sienten pasión por su música, que la disfrutan y la sienten como nadie. La trama es muy intensa e interesante que uno disfruta plenamente, más si te gusta esa clase de música.
    Muy buena tu reseña de la película.
    Manuel

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...