Pomodori verdi fritti alla fermata del treno (1991)

Questa incantevole pellicola è un film d’altri tempi, non solo perché ha ormai 30 anni, ma soprattutto perché la storia e il modo in cui viene raccontata, mantengono una delicatezza che purtroppo appartiene ormai solo alle pellicole del passato.

Tratto dall’omonimo romanzo del 1987 di Fannie Flagg, il film è ambientato nel Sud degli Stati Uniti in un’epoca non lontanissima, quando ancora gli afro-americani erano disprezzati, gli uomini trattavano le donne come oggetti e i poveri si accalcavano lungo i binari dei treni come avviene in Asia ancora oggi.

La trama è composta da una cornice, ovvero da una vicenda di contorno, all’interno della quale si va a sviluppare in forma di racconto, e quindi di flashback, un’altra storia. Ed è una storia tutta al femminile, con quattro straordinarie protagoniste, che si svolge tra passato e presente davanti agli occhi dello spettatore.

Nel presente Evelyn è una donna debole e succube del marito, con una bassissima autostima e insoddisfatta del proprio matrimonio; incontra per caso l’anziana Ninny, ricoverata momentaneamente in un ospizio, e parlando con lei conosce la storia di Idgie e Ruth, due donne che negli anni ’30 erano riuscite ad affrontare con coraggio le difficoltà della vita, tra la violenza di un marito prepotente e quella del razzismo dilagante. Non solo Ninny è la prima persona che ascolta veramente la povera Evelyn, ma tramite il suo racconto, le darà nuovi spunti e nuova forza da cui far ripartire la sua triste vita. La storia che Ninny racconta, e che poi è il cuore pulsante del film, è una storia di amicizia, tra la spericolata e selvaggia Idgie e la precisa e impeccabile Ruth.

In un Alabama della prima metà del ‘900, in cui la condizione dei neri è ancora praticamente di schiavitù, Ruth e Idgie trovano nella loro amicizia la forza necessaria per affrontare gli ostacoli della vita, dalla morte tragica e insensata del fratello di Idgie, alla fuga dal marito violento di Ruth. Il caffè che apriranno insieme e nel quale serviranno i pomodori verdi fritti del titolo, diventerà presto il centro della cittadina.

Ascoltando i racconti di Ninny, Evelyn trova pian piano la forza di reagire e cambiare quello che non funziona nel suo matrimonio e nella sua esistenza piatta e noiosa. E alla fine l’amicizia con l’anziana Ninny le cambierà la vita.

E’ un film piacevole e intenso, che alterna momenti di commozione ad altri di sottile ironia, ben sostenuto dalle interpreti femminili e da una splendida sceneggiatura tratta dal romanzo omonimo. La sua forza sta prima di tutto nella trama, ma anche nell’accurata descrizione dei suoi personaggi, ai quali tutti i protagonisti riescono a dar vita, mostrandone abilmente le varie sfaccettature.

In questo modo il film, che pure ha una durata notevole di più di due ore, appassiona e affascina lo spettatore, rendendolo partecipe quasi diretto delle vicende narrate. Le quattro interpreti, Kathy Bates, Jessica Tandy, Mary Stuart Masterson e Mary-Louise Parker sono assolutamente perfette nei rispettivi ruoli, ma la struttura del film penalizza notevolmente la coppia Bates-Tandy relegata ad un ruolo marginale, quasi esclusivamente di voce narrante o al massimo di cornice.

Un film decisamente femminista, che si propone di mostrare tutta la forza di cui possono essere capaci le donne, anche se finisce per far apparire la ribellione di Evelyn banale e quasi ridicola, rispetto a quella di Idgie, avvenuta negli anni ’30. Inoltre va detto che, nel romanzo, Idgie e Ruth sono qualcosa di più che amiche, diventano amanti. Il film invece si limita a suggerire questo rapporto intimo tra di loro, senza soffermarvisi più di tanto.

Forse perché in definitiva non è così importante. Il messaggio che il film vuole trasmettere è che ognuno di noi è in grado, se vuole, di costruire la propria libertà intorno a sé, anche quando per farlo occorre sfidare le convenzioni, o ancor più se stessi e le proprie paure, la propria pigrizia o la comoda rassegnazione. E questo film intenso, intimo e struggente, di una bellezza profonda come quella dei luoghi che descrive, ci racconta il coraggio di chi vuole vivere a modo proprio, l’amore per le persone care e per gli amici, ma soprattutto la solidarietà che alimenta gli affetti e nutre la felicità più semplice e vera.

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

33 pensieri riguardo “Pomodori verdi fritti alla fermata del treno (1991)”

  1. Non so perché, ma ero convinto che la fermata fosse quella dell’autobus. 😮
    E’ passata una vita da quando l’ho visto: grazie per il ripasso odierno! 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

positivitymonger

write. doodle. express.

Printer Driver

Download Software Driver

Ammartaggio

Consigli di lettura non richiesti ma simpatici

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

LOSPROJM

Losprojm is a creator of content, arts and videos.

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Il ballo dei Zanzoni

altri tempi, altre situazioni, altro modo di vedere

blog viaungarettidue

18-3-2022 ( testi e fotografie dell'autore)

Monica e lo Scrapbooking

Trovate tutorial e suggerimenti per creare con le vostre mani. Tutto sullo Scrapbooking.

Scienziati Matti

Alla ricerca del Bello nella Scienza

Make Yummy Recipes

En lezzetli yemek tariflerine buradan ulaşabilirsiniz.

Volevo fare

Volevo fare tante cose... Alla fine ho scelto di scrivere ciò che mi passa per la testa o che vedo nel mondo

Vita di Speranza

Vivere in Sardegna

Banter Republic

It's just banter

Law that attracted me!

My transition from outwardly rituals to internal mantra of sub conscious mind

Tauty World

Blog Blogging Story Magazine eBook Podcast

Le cose minime

Prendo le cose gravi alla leggera, e le cose piccole molto sul serio.

hindi cool blog2.com

hindi cool blog2.com

ATFK

𝖠𝗇𝗈𝗍𝗁𝖾𝗋 𝖶𝗈𝗋𝖽𝖯𝗋𝖾𝗌𝗌.𝖼𝗈𝗆 𝗌𝗂𝗍𝖾.

Fiorisce nel buio

Poesie, disegni, fotografie, racconti, pensieri ed altre amenità di Carlo Becattini. Tutti i diritti sono riservati.

Tiny Life

mostly photos

GOOD WORD for BAD WORLD

Residieren mit Familie, Job und einem Rattenschwanz

Patricia Furstenberg, Author

Travel through Books

Franaglia

Se ti senti sbagliato non è il posto giusto.

Comodamentesedute

un angolo confortevole dove potersi raccontare

Super Giulia

La felicità è nelle piccole cose che facciamo ogni giorno.

Letture che passione!

Il mio mondo sono i libri!

Driver Printers

Download Printer Drivers and Software

Rtistic

I speak my heart out.

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

BloodRose

Fear is just a limit.

Petali Azzurri!

*I Petali delle Rose...quando cadono...diventano Angeli Silenziosi.*

ARBIND KUMAR BLOG

arbindkumar475151597. wordpress.com

pflkwy

Blog sobre notícias e política com um viés de esquerda, onde os bravos nunca ousaram percorrer e que não espere deste o obsequioso silêncio dos covardes, amortecendo consciências, desarmando resistências que só no fátuo da retórica da ideia, da moral e da ética é que se venera seu oponente evitando a sedição!

介護士サウナーddのlife blog

介護の仕事をする人、している人。また、サウナ情報を身につけたい、秋田のサウナを知りたいという方はぜひみてください!!

nginx99.wordpress.com/

Nginx99 design services

Mensensamenleving.me

Mensen maken de samenleving en nemen daarin een positie in. Deze website geeft toegang tot een diversiteit aan artikelen die gaan over 'samenleven', belicht vanuit verschillende perspectieven. De artikelen hebben gemeen dat er gezocht wordt naar wat 'mensen bindt, in plaats van wat hen scheidt'.

Printer Drivers

Download Driver Software

2010: Fuga da Polis

Perché a volte un blog non basta.(A noi ce lo sfoderate parecchio!)

JN通販

満足溢れる買い物を。

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: