Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Il commissario Montalbano (1999 – 2021)

Si è conclusa la settimana scorsa la serie prodotta dalla Rai, tratta dai romanzi di Andrea Camilleri. Ho amato moltissimo questa fiction, sia per motivi personali, sia perché è una delle poche serie televisive italiane, a mio avviso, fatte veramente bene. Ambientazione, recitazione, sceneggiatura e regia impeccabili, e storie relativamente credibili. Interpretata da attori tutti di qualità, a cominciare dai personaggi fissi, che sono cresciuti e invecchiati con la serie, fino agli interpreti occasionali, che di puntata in puntata hanno dato vita ai variegati personaggi delle storie di Camilleri: sempre la faccia giusta, le movenze, i tratti caratteristici, mai nessuno sopra le righe o fuori parte.

In una puntata sono riusciti persino a far recitare Belen, con risultati più che discreti, e in uno dei primi episodi, forse qualcuno la ricorda, pure Alessia Merz diede il meglio di sé nel ruolo del cadavere, rinvenuto completamente nudo e prono, steso sul tavolo.

Scherzi a parte, durante questi ventidue anni, tanti grandi attori si sono avvicendati in piccoli e grandi camei, da Alessandro Haber a Fabrizio Bentivoglio, da Sergio Fantoni a Leopoldo Trieste, e poi Stefano Dionisi, Giulio Brogi, Teresa Mannino, Barbara Bobuľová e tanti altri. Ma anche i caratteristi meno noti si sono sempre difesi egregiamente.

Perfetta anche l’ambientazione, curata nei particolari, che ci ha fatto conoscere di volta in volta angoli suggestivi di quella meravigliosa isola che è la Sicilia, ce ne ha fatto sentire il calore, tra i riflessi di luce sull’azzurro del mare e il bianco accecante delle case accarezzate dal sole di mezzogiorno, e ce ne ha fatto percepire l’anima, tra il profumo dei suoi agrumeti e l’afa polverosa dei viottoli di campagna.

Ma ci ha mostrato anche aspetti intimi e segreti di quel mondo sconosciuto ai più, fatto di case dall’esterno spesso fatiscente, che nascondono all’interno arredi signorili e architetture pregiate, antiche vestigia di un passato nobiliare, ormai decaduto. E ogni tanto, come perle incastonate in un paesaggio di rara bellezza, palazzi raffinati ed eleganti, come non ci si aspetterebbe mai di vedere in piccoli borghi di campagna.

In questi ventidue anni le storie hanno parlato di omicidi, certo, ma anche di temi difficili come la violenza sulle donne, la prostituzione e il traffico di minori; ci hanno raccontato vicende di amore, rabbia, gelosia, ma anche storie di abbandono, solitudine e demenza senile. Più di recente hanno trattato anche argomenti di attualità come l’immigrazione e le violenze della polizia, sempre nello stile inconfondibile di Camilleri, in bilico tra ironia e malinconia, con l’inquietudine di chi è costretto a vedere ogni giorno il lato peggiore dell’umanità e la leggerezza di chi riesce comunque a coglierne gli aspetti più grotteschi e, a volte, persino divertenti.

La settimana scorsa, dunque, l’ultimo episodio, quasi sicuramente quello finale (salvo ripensamenti), che ha chiuso definitivamente la serie. Personalmente sono felice che Camilleri sia passato a miglior vita e non abbia dovuto vederlo, perché l’epilogo è stato davvero inglorioso. A parte le polemiche assurde sulla fine della storia d’amore tra Montalbano e Livia, la fidanzata storica, la puntata è stata caratterizzata da una delle peggiori prove di recitazione mai viste in una fiction Rai (il che è tutto dire!).

Premesso che per me Montalbano ha fatto benissimo a mollare Livia, una rompiscatole, anzi, scassa cabasisi, come dice lui, di prim’ordine, con cui è riuscito a stare per tutti questi anni solo perché lei abitava in Liguria e lui in Sicilia, la cosa che più mi ha colpito è stata l’assoluta mancanza di passione in quello che avrebbe dovuto essere il Montalbano innamorato. Fossi negli amici siciliani, da sempre famosi per la loro passionalità, mi lamenterei di essere rappresentato da quella specie di pesce lesso imbalsamato che sembrava un sedicenne alla prima esperienza.

Dov’è finita l’anima focosa per cui i siciliani sono invidiati e ricercati dalle donne di tutto il mondo? Che fine hanno fatto il Peppino Califano di Sedotta e abbandonata o il Percolla di Don Giovanni in Sicilia?

Montalbano, ma che fai, babbi?!

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

19 pensieri riguardo “Il commissario Montalbano (1999 – 2021)”

      1. A volte mi è capitato di recuperare altre fiction su raiplay o su altre piattaforme, ma questa non l’ho mai cercata. Piuttosto mi prenderò i libri, in futuro…

        Piace a 1 persona

  1. Buongiorno….
    Hai ragione da vendereeee!!!! Sembrava davvero un pesce lesso, non un uomo preso da passione 😂…. vedremo il futuro cosa ci riserverà. La serie è stata davvero un cult, per me. Mi ha fatto innamorare ancora di più della Sicilia, che già era nel mio cuore. Ho visitato angoli davvero bellissimi!

    Piace a 1 persona

    1. Mi ha meravigliato perché Zingaretti di solito è bravo, anche al di fuori di Montalbano. La Sicilia è splendida, se penso che tanti vanno in vacanza all’estero quando noi abbiamo dei posti meravigliosi in Italia….

      Piace a 1 persona

    1. Forse la prima attrice che l’ha interpretata, l’ultima era insopportabile. Io non ho notato un peggioramento nella serie in generale, ma Montalbano innamorato è stato penoso.

      "Mi piace"

  2. Ho visto solo qualche episodio… gradevoli, ma nulla di più, per me. Dopo un po’ diventavano ripetitivi, con quei personaggi stereotipati che facevano e dicevano sempre le stesse cose. Devo aggiungere che nemmeno leggo Camilleri… sono proprio eretica! 🙂

    Piace a 1 persona

    1. E’ uno scrittore molto particolare, che tra l’altro non è di facile lettura perché usa molti termini dialettali. Mio padre era siciliano, perciò per me è un discorso affettivo….

      "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα  ♥ Diciassettesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: