Amleto (1990)

Da giugno 2021 tutte le recensioni sono spostate su Solorecensioni

La trovi qui

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

15 pensieri riguardo “Amleto (1990)”

  1. A me Branagh piace molto da sempre, ma in questo gli preferisco Zeffirelli…sarà che la sua è la prima versione cinematografica che ho visto e mi colpì tantissimo…come si dice:”il primo amore….” 😉

    Piace a 3 people

  2. Io invece non riesco a preferirlo a Branagh, e lo trovo fin troppo simile alla versione di Laurence Olivier, ma è comunque un signor film, a mio avviso uno dei migliori di Zeffirelli, regista con il quale ho un rapporto di amore-odio!

    Piace a 2 people

      1. In molti mi parlano del narcisismo di Branagh, che però io non colgo quasi mai… in tanti film shakespeariani che dirige, lui non appare… ma vabbé, sono percezioni!
        In effetti il suo finale del primo atto, nel suo film («From this time forth my thoughts be bloody or be nothing worth!»), lo imposta solo con lui: ma è anche vero che il gigantismo del monologo è del tutto riflesso nelle riprese, nel piano sequenza lento, che però cresce in spazio (come è lento e crescente il monologo), accompagnato anche in crescendo dalla musica: tutte cose che riscattano l’unico personaggio/attore inquadrato: cioè, nel profilmico, c’è ben altro oltre che al solo attore!
        In effetti, certo, sì, l’issarsi di Hamlet nel finale, portato a braccia come un “eroe”, è quasi più un issarsi di Branagh che del personaggio…
        Ma dell’Hamlet di Branagh mi piace molto la rappresentazione del plot nelle scenografie (sotterfugi e inganni che si riflettono in un castello pieno di passaggi segreti e anfratti)…
        Molti mi dicono anche che Branagh è migliore come regista che come attore e io mi sento quasi d’accordo (in effetti il suo Iago, nel film di Oliver Parker, non regge granché)…
        Ma in Hamlet in particolare, quello di Zeffirelli, pur splendido e lussuosissimo (e anche Zeffirelli era narciso nel suo iperlusso calligrafico), così come quello di Olivier, mi “scompaiono” un po’, per irrazionale preferenza, rispetto a quello di Branagh…
        …e a me è piaciuto anche l’Hamlet 2000 di Alereyda!
        E superbamente Hamlet è anche il Re Leone della Disney!
        Inoltre è anche vero che, l’Hamlet di 5h di Branagh è un tour de force che, forse, rappresenta una “filologia” molto stramba, quella del testo conflated: si sa che la luce nei theaters elisabettiani non durava più di due ore (e il prologo di Romeo & Juliet parla proprio di 2h di racconto) per cui che recitassero per 4 è forse assurdo… quindi Zeffirelli, che segue, nel suo testo (anche nell’ordine delle scene), uno dei «bad quartos» (che si presume, nonostante non ci sia purtroppo alcuna prova, essere desunti, o copiati in modo quasi stenografico, o incollati da parti staccate dei singoli attori piratate e riincollate insieme, o dati alle stampe da singoli attori) più corti, forse è più effettivamente “scenico”…
        …ma non riuscirei mai a definire l’Hamlet di Zeffirelli come “definitivo”, vista anche la vicinanza a Olivier, da cui quasi dipende…
        ma un Hamlet “definitivo” non riuscirei neanche a dire quello di Branagh, e non riuscirei a dirne nessun altro, come non riuscirei a indicare neanche una “traduzione” definitiva…
        Mica per nulla Hamlet è qualcosa di “assoluto”, non riducibile a nulla!

        Piace a 2 people

      2. Non ho parole davanti al tuo commento. Non ho proprio gli strumenti per risponderti, io sono solo una cinefila amatoriale. Se leggi il mio blog te ne accorgerai… Grazie per il tuo intervento, mi ha aperto un mondo.

        Piace a 1 persona

      3. WordPress mi ha mangiato la conclusione sui Bad Quartos: cioè che l’appellarsi a un Branagh “migliore” di Zeffirelli perché “completo” è futile poiché forse (come ci indicano i Bad Quartos su cui Zeffirelli e Olivier si basano) l’Hamlet, in scena in 4 ore non c’è mai andato ai tempi di Shakespeare e forse è andato in scena come lo inscenano Olivier e Zeffirelli (visto che ci sono teorie che i Bad Quartos sia in qualche modo desunti da rappresentazioni)

        Piace a 2 people

  3. Questo post che parla di Glenn Close spunta come titolo: “Helena Bonham Carter” e dunque mi chiedo: ” dove sarà il tuo post su Helena? Devo cercare sul nome Glenn Close per trovarla? 😆

    Piace a 1 persona

      1. Ah ok bè volevo solo informarti che allora manca un post solo per Helena ( anche per Tilda Swinton a dirla tutta) mia attrice preferita, e quindi se puoi scriverla sarebbe una cosa carna. Grazie 😊

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

Inbiancomoltonero

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: