Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

La stanza del figlio (2001)

Per me non è facile parlare di questo film, ma è talmente bello che non ho potuto evitarlo. Premetto che non amo particolarmente Moretti: come regista ha realizzato ottimi lavori, ma come attore trovo che abbia la stessa espressività di Keanu Reeves, recitazione monocorde, a cui si aggiunge una voce abbastanza sgradevole. Almeno Reeves è doppiato…

All’epoca non mi posi nemmeno il problema se andare a vederlo o no. La risposta era un no secco, anche perché vedere un film che parla del dolore più grande che un essere umano possa provare, sinceramente non mi attirava per nulla. Allora avevo ancora paura del pianto. Fu mio padre a consigliarmelo, come era solito fare con libri o film che gli erano piaciuti molto, e di cui voleva condividere le emozioni con me.

Così l’ho guardato e mi è piaciuto tantissimo. Ed è stato l’ultimo film di cui ho discusso con mio padre.

E’ diviso in due parti ben distinte. Nella prima c’è la presentazione della famiglia, le dinamiche abbastanza banali tra i vari membri, la vita quotidiana con i suoi piccoli momenti che rappresentano abitudini calcificate nel tempo. Un equilibrio perfetto, raggiunto, si capisce, in anni di lavoro continuo e costante, con cura e attenzione ai particolari. Tutto fuorché una famiglia disfunzionale. Poi, improvviso e imprevedibile, arriva il dramma, l’evento doloroso insopportabile che provoca la spaccatura di quell’unità apparentemente perfetta. E niente sarà più come prima.

E’ un film doloroso, impossibile nasconderlo, ma affronta il tema della perdita con una dignità rara, senza eccessi melodrammatici, quasi senza lacrime, se non in alcuni momenti in cui il dolore si fa talmente lancinante da intenerire le pietre. Ma superate le poche scene di strazio dell’anima, in cui devo ammettere che persino Moretti si avvicina alla definizione di attore, il film diventa un lungo processo di elaborazione del lutto, in cui tutta la famiglia deve affrontare il cambiamento dovuto alla perdita.

Non è tanto il momento straziante della chiusura della bara, né il funerale, con tutto quello che comporta; la parte difficile è il dopo, il silenzio del vuoto, la sofferenza del ricordo, l’assenza fisica a cui non c’è rimedio.

Il padre, uno psicanalista, oppresso dai sensi di colpa per aver, sia pure involontariamente, causato la morte del figlio, scaricherà la responsabilità sul paziente che lo ha momentaneamente distratto dagli affetti familiari, covando verso di lui un rancore profondo, e non riuscendo più a svolgere la sua professione nel migliore dei modi.

Pian piano le sue certezze crolleranno, e tutto intorno a lui gli sembrerà frantumarsi, mentre quello che all’apparenza sembrava perfettamente equilibrato, si rivelerà sul punto di andare in pezzi, come la vecchia teiera incollata, a prima vista intatta ma in realtà così fragile.

E’ chiaro che lo spettatore tende inevitabilmente a immedesimarsi nelle figure dei due genitori, ma il sentimento che prevale non è tanto lo sconforto di fronte alla disgrazia, quanto la desolazione, quel senso di angoscia e di abbandono di fronte al vuoto che rimane dopo la scomparsa.

Anche la madre (un’intensa Laura Morante) si chiude nel suo dolore, incapace di manifestarlo a se stessa e di condividerlo con gli altri familiari, mentre la sorella del ragazzo, abbandonata a se stessa, affronta il tutto con la rabbia tipica dell’adolescenza. L’intera famiglia è annientata nella sua stessa essenza da un dolore che non riesce a superare ma che non può cancellare. Un dolore che divide, anziché unire.

Fino a quando non interviene un elemento esterno e imprevisto, una figura separata dal gruppo familiare che si unirà ad esso nell’affrontare la perdita. Una coetanea del ragazzo, ignara della sua prematura scomparsa, gli scrive manifestando i propri sentimenti, e quella lettera, finita nelle mani della madre, diventa veicolo e tramite per una nuova rinascita del nucleo familiare, portando persino una risata in quei visi impietriti dalla sofferenza. Uno spiraglio di speranza per ricominciare a vivere.

La regia di Moretti è disciplinata e asciutta, come sempre attenta ai dettagli, sia negli interni, in quelle stanze che possono essere rifugi ma anche trasformarsi in prigioni, sia nelle riprese esterne, dove la città diventa teatro inconsapevole delle nostre tragedie private. La macchina da presa, quasi immobile, si avvale di lunghi silenzi che pesano come macigni, alternandoli sapientemente alle splendide musiche di Nicola Piovani.

Nel complesso il film è indubbiamente una gran bella prova di Nanni Moretti che riesce senza fatica a liberarsi dai temi del suo solito cinema per una insolita e struggente riflessione sul dolore, molto meno facile e scontata di quanto possa apparire a prima vista, raggiungendo una maturità artistica decisamente inconsueta per un regista, come lui, da sempre controcorrente.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

18 pensieri riguardo “La stanza del figlio (2001)”

      1. Sarà, ma non conosco nessuno che non parli male di qualcuno/qualcosa, che pensi male di qualcuno/qualcosa, quindi mi sembra solo che abbia scoperto l’acqua calda…

        "Mi piace"

    1. Immaginavo che non l’avessi visto, per il tema. Come ho scritto, non l’avrei visto neanch’io. Non immaginavo invece che potesse piacerti Moretti, con quella sua aria di supponenza e di superiorità da falso intellettuale, sempre come se fosse l’unico ad avere tutte le risposte, e gli altri non capissero nulla. Sarà anche colto e intelligente, ma lo trovo insopportabile. Ha un grande pregio: si è sempre circondato di attori bravissimi, molto più bravi di lui.

      "Mi piace"

      1. Adoro le persone intelligenti, non è un ipocrita, dice che da che parte sta, ed alcune battute sono bellissime.
        Credo di aver visto quasi tutti i suoi film.
        Politicamente non la penso come lui, ma gli riconosco coerenza.
        Antipatico, fa bene non sopporto quelli che vogliono essere simpatici a tutti.
        Tu sei simpatica e intelligente.

        Piace a 1 persona

        1. Non mi devi niente, voglio che sia chiaro. A me fa piacere se fa piacere a te, ma se ti crea qualunque problema, anche tecnico, lascia perdere. E non mi offendo in nessun caso.

          "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

𝑃𝑎𝑜𝑙𝑎 𝑃𝑖𝑜𝑙𝑒𝑡𝑡𝑖

Leggo, scrivo, penso, disegno e intanto cresco

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: