Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

River Phoenix, bello e dannato

Considerato il James Dean degli anni ’90, si è distinto per un talento non comune e una maturità espressiva incredibile per la sua giovane età; ribelle nello sguardo e nella gestualità, proprio come Dean, ha purtroppo condiviso con lui il triste destino di una prematura scomparsa.
River Jude Phoenix, nasce il 23 agosto 1970 a Madrus, in Oregon; figlio di una coppia di hippies, trascorse i primi anni di vita viaggiando tra il Messico e il Venezuela, insieme alla setta religiosa di cui i genitori facevano parte, Children of God.

La sua era una famiglia decisamente anticonvenzionale: la madre abbandona il marito e un impiego da assistente a Manhattan per fuggire a Los Angeles, dove chiede casualmente un passaggio in macchina al futuro papà di River, John Lee Bottom. I novelli sposi vissero nelle comunità hippie, dove cambiarono il cognome da Bottom in Phoenix, in riferimento all’Araba Fenice, creatura mitologica che rinasce dalle proprie ceneri. In seguito i due decisero di diventare missionari a favore della setta religiosa Children of God, che operava in giro per il mondo.

A sinistra Joaquin, a destra River

Quando nasce il loro primo figlio, lo chiamano River, che significa fiume e si ispira al corso d’acqua della vita del romanzo Siddharta di Herman Hesse. Come secondo nome aggiungono Jude, dal brano dei Beatles, Hey Jude. A lui si aggiungeranno tre sorelle, Liberty, Summer e Rain, e un fratello, Joaquin, che più tardi farà parlare molto di sé. Dopo aver scoperto che la setta inganna e sfrutta i propri discepoli, i Phoenix la abbandonano e si stabiliscono in America nel 1977, dove la mamma è assunta come assistente nell’emittente televisiva NBC.

Explorers (1985)

Sommersi da problemi economici e vedendo nei figli buone doti artistiche, li spingono a partecipare a concorsi di recitazione. I ragazzini vengono così notati da Penny Marshall, conoscente di un caro amico di famiglia, che scrittura River per la Paramount. Dopo aver esordito in un paio di serie televisive, nel 1985 approda al cinema con Explorers di Joe Dante, avventura fantascientifica che mette subito in evidenza le sue doti. Al fianco di un Ethan Hawke in erba, interpreta un ragazzino geniale che insieme a due compagni costruisce un’astronave per entrare in contatto con gli alieni.

Stand by me (1986)

L’anno successivo buca lo schermo incarnando abilmente l’adolescente problematico Chris Chambers, nel commovente Stand by me – Ricordo di un’estate di Rob Reiner, basato su un soggetto di Stephen King. Nello stesso anno recita accanto a Harrison Ford in Mosquito Coast, mentre due anni dopo si confronta con Sidney Poitiers in Nikita – Spie senza volto.

Mosquito Coast (1986)

Ottiene poi un grande successo con Vivere in fuga, film in cui seppe dar vita a un giovane travagliato, scisso tra il desiderio di crescere e il timore di vedere i genitori latitanti catturati. Diretto in questo film da Sidney Lumet, ottiene la nomination all’Oscar e al Golden Globe.

Vivere in fuga (1988)

Ormai considerato un attore a tutto tondo, nonostante la giovane età, viene scelto da Steven Spielberg per rappresentare la giovinezza del suo eroe più celebre, nel film Indiana Jones e l’ultima crociata, del 1989, ruolo che gli calza a pennello. Dopo la commedia di Lawrence Kasdan Ti amerò… fino ad ammazzarti, nel 1990, l’anno successivo Phoenix partecipò al film più importante della sua breve carriera, Belli e dannati.

Belli e dannati (1991)

Qui offrì un saggio esemplare della sua maturità espressiva con il personaggio di Mike Waters, giovane tossicomane gay e narcolettico, tormentato dalla ricerca di sé stesso e della madre scomparsa, e ridotto dalla necessità alla prostituzione. La sua interpretazione gli valse la Coppa Volpi alla Mostra del cinema di Venezia. L’eccezionale talento naturale unito a un’espressione sensuale di creatura angelica e maledetta, fanno di lui una stella planetaria, amata dal pubblico e contesa dai maggiori produttori.

I signori della truffa (1992)

Ormai lanciato, fece parte del cast stellare de I signori della truffa, nel 1992, per poi lavorare con Peter Bogdanovich nel film sentimentale Quella cosa chiamata amore, del 1993. Sempre in quell’anno River interpreta con particolare intensità un giovane sconvolto dalla morte dell’adorata moglie nel film di Sam Shepard Silent Tongue, e inizia le riprese di Dark Blood, film che rimane incompiuto per l’improvvisa scomparsa di Phoenix.

Silent Tongue (1993)

Brillante, intelligente, ma anche romantico e sognatore, a un certo punto della sua vita l’attore si trova intrappolato nel tunnel della droga. Nella notte di Halloween del 1993, il divo si reca con Rain e Joaquin al Viper Room, locale di proprietà dell’amico Johnny Depp. Dopo essere stato visto a colloquio con alcuni spacciatori, River esce dal locale in condizioni preoccupanti, mentre Depp sta suonando sul palco insieme a Flea, bassista dei Red Hot Chili Peppers; River avrebbe dovuto esibirsi con loro (tra le altre cose era anche un valente musicista) e quando non lo vedono rientrare i due si precipitano fuori, trovando l’amico sul marciapiede in preda a convulsioni. La sorella Rain cerca di praticargli la respirazione bocca a bocca, mentre il fratello Joaquin chiama il 911. Purtroppo i soccorsi non arrivano in tempo e, quando l’ambulanza giunge sul posto, River è in arresto cardiaco. La corsa all’ospedale e i tentativi di rianimazione sono inutili: River Phoenix è dichiarato morto all’1:51. Aveva 23 anni. L’autopsia rivelò in seguito un’overdose di eroina e cocaina, sotto forma di speedball, oltre a tracce di cannabis. Le sue ultime parole rivolte a un reporter che tentò di aiutarlo furono “Niente paparazzi, voglio l’anonimato”. Ma quel desiderio non gli è stato concesso. La telefonata al Pronto Intervento fatta dal fratello viene diffusa in tutte le radio e tv. Come se non bastasse, durante il funerale, un cronista irruppe a casa Phoenix, immortalando le sue ceneri: la foto è stata venduta al National Enquirer per la somma di cinquemila dollari. Le sue ceneri sono ora sparse in Florida, nella fattoria di famiglia.

L’ingresso del Viper Room dopo la morte di Phoenix

L’attore è ricordato anche per i suoi interventi umanitari e ambientalisti. In tempi in cui non faceva notizia come ora, Phoenix aveva acquistato 800 acri di foresta pluviale in Costa Rica, per salvarla dalla distruzione. Dopo la sua morte, la famiglia ha proseguito il suo impegno. E 10 anni fa è stata costituita una Onlus che porta il suo nome e che si occupa di sensibilizzare sui temi della pace e della sostenibilità globale.
Il 23 agosto di quest’anno, giorno che avrebbe segnato il suo cinquantaduesimo compleanno, la madre lo ha ricordato pubblicando su Instagram un breve messaggio, e una bellissima foto che li ritrae insieme.


«Anche se non posso fermare la crudeltà verso tutte le creature del pianeta, posso essere gentile con ogni creatura vivente che incontrerò nella mia vita»

FONTI: Enciclopedia del cinema, Treccani – mymovies – iodonna.it

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

15 pensieri riguardo “River Phoenix, bello e dannato”

    1. Io credo che, al di là dell’ambiente (considerando la famiglia in cui è cresciuto era tutt’altro che inaspettato il suo interesse per le droghe), il problema è sempre la volontà individuale. Difficile aiutare chi non vuole essere aiutato.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il Cammino per Agarthi

Hollow Earth Society

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Aureliano Tempera

Un po' al di qua e un po' al di là del limite

Postcardsfromhobbsend

Film reviews as you know them only much....much worse

Life target

exploring the right target of life

INDEPENDENT SANA

Positivity and motivation.

Coisas da SIL

Escrevo o que percebo e sinto ao meu redor./ write what I perceive and feel around me.

Mwendia's Blog

Living is balancing good and bad.

Kiran ✨

Reading And Writing is the best Investment of Time ✨ ( Motivational Thoughts) "LIFE IS A JOURNEY"

Il Gazzettino Virtuale

Due passi nella blogosfera

CarloTomeo Teatro e Teatro

Comunicati stampa e Recensioni Teatrali

Diario di bordo

Poi riflettei che ogni cosa, a ognuno, accade precisamente, precisamente ora. Secoli e secoli, e solo nel presente accadono i fatti; innumerevoli uomini nell’aria, sulla terra e sul mare, e tutto ciò che realmente accade, accade a me.

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Narsulante

"Tutto è uno e accade ora"

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα  ♥ Diciassettesimo anno ♥    

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: