Joan Fontaine, bellezza insicura e schiva

Il suo vero nome era Joan Beauvoir De Havilland, sorella di Olivia. Naturalizzata statunitense nel 1943, era nata a Tokyo il 22 ottobre 1917. Giunta in California all’età di due anni, fu spinta, come la sorella Olivia, verso la carriera di attrice dalla madre, che aveva sempre sognato di recitare. Tornata in Giappone per terminare le scuole superiori, tentò poi, sulle orme di Olivia, di avviarsi alla carriera teatrale, ma senza successo.

Joan, a sinistra, con la sorella Olivia

Joan soffrì sempre di un complesso d’inferiorità nei confronti della sorella, con cui era in pessimi rapporti, al punto da cambiare il suo nome per non essere in alcun modo paragonata a lei. Optò quindi per il cinema e, dopo un provino alla Metro Goldwyn Mayer, ottenne un piccolo ruolo nel film No more ladies del 1935 di Edward Griffith e George Cukor. Assunse il nome definitivo di Joan Fontaine solo nel 1937, quando mosse i primi passi decisivi a Hollywood sotto la direzione di George Stevens.

Donne (1939): Joan è quella dietro, con i capelli sulle spalle

Questi, dopo averla fatta recitare, non accreditata, in Dolce inganno, la scelse per Una magnifica avventura e il successivo Gunga Din. Fu però nel film Donne che, grazie alla sensibilità e all’abilità di Cukor, prese forma il suo personaggio indifeso, inesperto e innocente, che continuò a interpretare durante tutta la sua carriera.

Da allora Joan rappresentò prevalentemente personaggi delicati e malinconici, e, soprattutto sotto la sapiente regia di George Cukor, Alfred Hitchcock e Max Ophuls, divenne il prototipo dell’ingenua sottomessa, costretta, da circostanze avverse, da perfide rivali o da uomini inaffidabili, a conoscere i risvolti amari dell’amore o della vita coniugale.

Nei film da lei interpretati, infatti, è spesso oggetto di oscuri raggiri, che possono di volta in volta risultare frutto di menti sconvolte o criminali, come negli hitchcockiani Rebecca, la prima moglie del 1940 e Il sospetto, dell’anno successivo, o addirittura forme involontarie di crudeltà, come ne Il fiore che non colsi, del 1943, o in Lettera da una sconosciuta, di Ophuls, del 1948.

Dopo una prima nomination all’Oscar, nel 1941, come miglior attrice protagonista per Rebecca, ricevette l’ambito riconoscimento l’anno successivo per il rinnovato e sintomatico ruolo di moglie sventurata ne Il sospetto. In questa occasione era candidata in competizione con la sorella, nella medesima categoria. Quando, durante la serata degli Oscar, Olivia le si avvicinò per congratularsi con lei, appena eletta vincitrice della statuetta, Joan, dinnanzi alla platea ammutolita ed esterrefatta, si voltò dall’altra parte, invitandola con il braccio ad allontanarsi.

Il gesto sarà ricambiato nello stesso modo da Olivia, quando nel 1947 vincerà l’Oscar per A ciascuno il suo destino, e Joan le andrà incontro per stringerle la mano. Da qui iniziò il definitivo allontanamento delle due sorelle, da sempre rivali per questioni di invidia reciproca. Il rancore arrivò al punto che Olivia cercò di impedire alla sorella Joan di partecipare al funerale della madre, nel 1975, per non doverla incontrare.

Il valzer dell’imperatore (1948)

Joan Fontaine è stata una delle attrici preferite di Alfred Hitchcock e George Cukor, per i quali ha lavorato in diversi film, ed è la sola star ad aver vinto l’Oscar come miglior attrice in un film diretto da Hitchcock. Se si eccettua la parentesi del divertente Il valzer dell’imperatore, del 1948, diretto da Billy Wilder, in cui Joan riesce a esprimere molto bene un’ironica ilarità, nella maggior parte dei film da lei interpretati si trova sempre al centro di vicende contorte, e ripete spesso il ruolo della ragazza afflitta da mancanza di autostima, che tende per questo a rimanere nell’ombra di fronte ad altri personaggi femminili.

Crossings (1986)

Ciò la spinse a privilegiare la televisione e il teatro, continuando, però, fino agli anni Sessanta, a offrire interpretazioni di rilievo sul grande schermo. Negli ultimi anni e fino al ’94 è apparsa in alcuni serial tv americani; tra questi, Crossings, del 1986, di grande successo.

Sposata quattro volte e altrettante divorziata: il primo matrimonio con un attore, poi con due produttori e infine con un giornalista sportivo.
Muore nel Dicembre 2013, alla veneranda età di 96 anni.

«Mi sono sposata prima di Olivia, ho vinto l’Oscar prima di lei, e se morirò prima, sarà senza dubbio furiosa perché l’ho battuta!»

FONTI: cinekolossal – Treccani, Enciclopedia del cinema

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

10 pensieri riguardo “Joan Fontaine, bellezza insicura e schiva”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Bestprinterhelp

Drivers & Downloads

JaZzArt en València

Faith saved us from the savages that we were, losing faith makes us savages again

PENSER TIMES

Just another WordPress site

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: