I segreti di Filadelfia (1959)

Uno dei ruoli più convenzionali di Newman, ma anche uno dei maggiori successi commerciali nella prima fase della sua carriera. È strano come un film che all’epoca ha ricevuto molta pubblicità e suscitato polemiche, sia poi stato praticamente dimenticato. Le polemiche erano incentrate sul fatto che il romanzo originale di Richard Powell fosse stato maltrattato nel suo adattamento cinematografico. La maggior parte dei critici che avevano effettivamente letto il libro, concordavano sul fatto che la versione cinematografica, nonostante la sua lunga durata, fosse solo un’ombra pallida e annacquata del romanzo, che non riusciva a rendere nessuna delle questioni sociali sollevate da Powell.

Ma dimenticando per un attimo il romanzo, il film di Sherman sorprende piacevolmente, sia per il carisma degli interpreti, sia per la regia raffinata e la confezione elegante di una storia che mantiene alto l’interesse per tutta la sua durata. Newman interpreta il giovane rampollo di una grande famiglia di Filadelfia. Ha il difetto di essere illegittimo, anche se nessuno sa chi sia il suo vero padre, pertanto è osservato con sospetto dalla società bene, ed è costretto a farsi largo a gomitate. E’ furbo, simpatico, ambizioso e arrampicatore quanto basta e disposto a parecchi compromessi, perciò riesce a farsi un nome come avvocato. Tuttavia ha anche stoffa, e, nonostante le apparenze, ha un rigido codice morale.

Perciò quando un amico d’infanzia gli chiede aiuto, lo difenderà da un’accusa di omicidio, anche se questo significherà mettersi contro tutti. Un melodramma oggi molto datato, sia nei temi che nel taglio dei personaggi, eppure è una storia di ambizione e romanticismo che ancora cattura, innegabilmente suggestiva. Non a caso il film dura più di due ore, perché la vicenda parte da un antefatto, prima ancora della nascita del protagonista, che poi si rivelerà importante in un momento cruciale della storia, e ha bisogno di tempo e spazio per dipanarsi in tutta la sua complessità.

È affascinante anche vedere come in queste pellicole degli anni ‘50 venissero trattati argomenti tabù quali l’omosessualità, di cui allora non si poteva parlare apertamente, e tuttavia, in casi come questo, erano essenziali per la storia. Il film inizia infatti con la prima notte di nozze della giovane Kate che scopre improvvisamente l’omosessualità del marito. Il matrimonio era stato combinato dalla madre per motivi sociali, ma la povera Kate non poteva certo prevedere quello che il marito le avrebbe rivelato. Da qui, la fuga per disperazione tra le braccia dell’ex fidanzato, che guarda caso la mette in cinta al primo colpo.

Salto temporale con dissolvenza, e troviamo il giovane frutto di quell’unica notte di passione a farsi strada come può in una società che non lo accetta di buon grado. E quando finalmente sembra essere riuscito a trovare il suo posto nel mondo, affermandosi per le sue reali capacità, rischia di perdere tutto per aiutare un amico d’infanzia. Il lieto fine è d’obbligo, ma ci sarà spazio per sudore e lacrime prima di arrivarci.

Sherman riesce a raccontare la storia di almeno due generazioni senza soluzione di continuità, senza forzature o sbavature. Il film inizia come una storia romantica, si evolve in un racconto di formazione con risvolti sociali, terminando poi come un dramma giudiziario, e Sherman riesce a tessere tutti i fili di questa trama complessa creando un insieme del tutto coerente che non appare mai frammentario. Il filo conduttore della narrazione è il personaggio del protagonista, la sua lotta per essere accettato, la sua ricerca continua del prestigio e dell’affermazione che a volte lo portano a scendere a compromessi.

Tony impara a sue spese che una certa spietatezza è necessaria per salire la scala sociale, e tuttavia riesce a mantenere un suo codice morale, che lo eleva al di sopra di tutti. Il capitolo finale in tribunale raccoglie poi tutte le complessità accumulate nella sua vita. Il ritmo si mantiene costantemente vivace, tanto che non annoia mai, a dispetto della notevole lunghezza.

L’intero cast trasforma il film in un lavoro superlativo: Newman in particolare si rivela particolarmente adatto al ruolo di un avvocato di buona qualità, ma con qualche macchia, ruolo che avrebbe ricoperto di nuovo, con risultati ancora migliori, molti anni dopo, ne Il verdetto. Accanto a lui c’è un’ampia rappresentanza di grandi dell’epoca, da Barbara Rush a Brian Keith, da Dianne Brewster a John Williams, ma sugli altri spiccano Alexis Smith che, pur in un piccolo ruolo, lascia un segno indelebile con la sua sensualità, e soprattutto Robert Vaughn, che ottenne la nomination agli Oscar come miglior attore non protagonista. Il film tra l’altro fu nominato anche per la fotografia e per i costumi.

Incredibilmente quasi dimenticato, è un classico da riscoprire, convincente e coinvolgente, che può piacere anche a un pubblico moderno, se non altro come testimonianza di una società in cui il buon nome della famiglia aveva ancora un valore e doveva essere difeso a qualunque costo.

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

20 pensieri riguardo “I segreti di Filadelfia (1959)”

      1. Mah, le antipatie a pelle esistono, così come le simpatie. A volte non c’è una ragione ma una persona ti piace subito, altre volte ti sta subito sulle balle, senza motivo. E con gli attori è ancora più facile.

        Piace a 1 persona

  1. Può essere interessante. Andrò a vedere se lo trovo.
    In questi giorni, a proposito di classici, su consiglio di un amico ho ripescato “La donna del ritratto” (F. Lang, 1944): concordo con l’amico, che lo giudica piuttosto moderno per l’epoca. Ne hai già parlato qui?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Bestprinterhelp

Drivers & Downloads

JaZzArt en València

Faith saved us from the savages that we were, losing faith makes us savages again

PENSER TIMES

Just another WordPress site

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: