Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

The illusionist (2006)

Il 2006 ha portato sugli schermi due diversi film sugli spettacoli teatrali di magia dell’epoca vittoriana. The Illusionist è uscito solo a qualche mese di distanza da The Prestige di Christopher Nolan: due film che affrontano il rispettivo soggetto in modo totalmente opposto, nella forma e nella sostanza. L’unica analogia è l’ambientazione temporale e il fatto che si parli di trucchi di magia. The Prestige cerca di demistificare la magia, senza esitare a rivelare i trucchi usati dai suoi personaggi; The Illusionist invece conserva il mistero del suo personaggio e ne accresce il fascino circondandolo di un’aura particolare.

Molto diversi anche nella distribuzione: The Prestige sembrava rivolgersi al grande pubblico, mentre The Illusionist ha girato nel circuito d’essai. Come a volte capita nel mondo del cinema, le due pellicole, uscite a distanza di pochi mesi, hanno però sorprendenti convergenze di temi: rivalità riguardanti i maghi del teatro, a cavallo tra ‘800 e ‘900, e rivalità tra due uomini per l’amore di una bella donna; in entrambi i casi la magia serve per creare un’illusione e ingannare il rivale.

Tratto da un racconto scritto dal premio Pulitzer Steven Millhauser, e sceneggiato dallo stesso regista Neil Burger, The Illusionist è innanzi tutto uno splendido affresco dell’epoca vittoriana, girato per lo più nella Repubblica Ceca, anche se la storia è ambientata in Austria. Due giovani adolescenti, divisi dalle differenze sociali, si incontrano e si innamorano. Si ritroveranno quindici anni più tardi, quando lui è ormai un illusionista affermato che si esibisce con i suoi spettacoli di magia nei migliori teatri europei, e lei è promessa sposa del principe Leopold. Decisi questa volta ad assecondare i loro sentimenti, useranno la magia per sfuggire al principe e al suo scagnozzo, l’ispettore Uhl, involontario complice della loro fuga.

Le location e le scenografie sono ricostruite perfettamente e i costumi minuziosamente curati. Tutto il film è illuminato da colori attenuati, in una calda tonalità seppia, che crea un’atmosfera autunnale malinconica e struggente. Non a caso la fotografia di Dick Pope è stata nominata agli Oscar e ha vinto altri prestigiosi premi. Il regista riunisce un cast notevole, a partire dal protagonista, Edward Norton, un illusionista enigmatico e autoironico, che affronta e umilia il principe Leopold senza scomporsi troppo, forte di una superiorità d’ingegno che lo mette al di sopra di qualunque rango sociale.

Al suo fianco la bella Jessica Biel, attrice sempre sull’orlo della grande celebrità, in un ruolo romantico per cui ha il viso giusto, e Paul Giamatti, che pur svantaggiato da una fisicità non al top, brilla per personalità e simpatia, soprattutto quando cerca inutilmente di scoprire i trucchi del mago. E poi l’antagonista, il britannico Rufus Sewell, passato dall’essere solamente un bel viso, all’essere tragicamente sottovalutato, perennemente relegato a ruoli secondari.

Sfruttando tutto quello che aveva a disposizione, dalle location ai costumi, dalle scenografie al cast, senza dimenticare il contributo delle musiche di Philip Glass, il regista non poteva sbagliare. Anche perché, con la sua sceneggiatura, cambia radicalmente il racconto originario, rendendo la storia più ricca di sogno e di mistero. Costruisce dunque un affascinante dramma in costume, trascinandoci in una romantica storia d’amore, osteggiata dai pregiudizi sociali e dalla prepotenza dei potenti, e vorrebbe distrarci, come fanno i prestigiatori, facendoci guardare da una parte, per non vedere quello che accade realmente.

Per riuscire nel suo intento, cura in modo particolare l’estetica del film, conferendogli in effetti un aspetto onirico e arcano, ma trascura la trama, che risente di una certa banalità, ed è appesantita da cliché e falsità storiche vistosamente inventate. In questo modo il trucco non riesce fino in fondo. La storia coinvolge e affascina, ma non sorprende, neppure nel finale. Manca il colpo di scena, perché lo spettatore capisce quasi subito come andrà a finire, anche se ignora il modo in cui ci si arriverà. È un po’ come il vecchio trucco della ragazza tagliata in due nel baule: nessuno si stupisce più, anche se non sa realmente come funziona, perché comunque è prevedibile. Nel complesso quindi il film è molto ben confezionato, curato nei dettagli e sicuramente godibile, uno spettacolo seducente e suggestivo, ma rimane freddo, non riesce ad appassionare più di tanto. Non riesce neppure a farci odiare fino in fondo il principe, che anzi, alla fine, ci fa un po’ pena.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

31 pensieri riguardo “The illusionist (2006)”

      1. A proposito del Salario della paura…
        “Il salario della paura (Sorcerer) è un film del 1977 diretto da William Friedkin, remake del film italo-francese del 1953 ‘Vite vendute’, entrambi tratti dal romanzo di Georges Arnaud Le salaire de la peur del 1950.”
        da Wikipedia

        Piace a 1 persona

      1. Meglio in Schegge di paura, allora, no? Fight Club non mi è piaciuto granché come film (scopro solo ora che è tratto da un romanzo di Chuck Palahniuk) perciò lui manco me lo ricordo. La 25ª ora: anche di quello ho ricordi ormai sfumati. Vabbe’, non sto ad annoiarti con gli altri suoi film che ho visto perché certe sue espressioni per me sono indimenticabili, ma chissà perché me le ricordo e dove le ho “immagazzinate”.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , ♥ Diciassettesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: