Progetta un sito come questo con WordPress.com
Comincia

Hedy Lamarr, non solo bella

Il suo vero nome era Hedwig Eva Maria Kiesler. Nasce a Vienna il 9 novembre 1913, figlia dell’alta borghesia ebraica: il padre era un direttore di banca e la madre una pianista nata a Budapest. Dopo gli studi d’obbligo a Vienna, frequenta la Scuola d’Arte Drammatica sotto gli insegnamenti di Max Reinhardt, il quale la portò con sé a Berlino per farla esordire appena sedicenne a teatro. Rara bellezza, fotogenica come poche altre, era di un intelligenza straordinaria, superiore alla media e con una particolare propensione per le scienze matematiche, ma il fascino e la sensualità predominarono portandola sul grande schermo e facendola definire la donna più bella del cinema. Rinunciò quindi ad iscriversi alla facoltà di ingegneria, come avrebbe voluto, per seguire la carriera cinematografica.

Debutta nel cinema con il nome Hedy Kiesler, che conserverà per diversi anni e appena diciottenne, nel 1933, dà scandalo mostrandosi totalmente nuda nel film cecoslovacco Estasi, primo caso di nudo nella cinematografia di tutti i tempi.

Con l’avvento del nazismo, a cui era assolutamente contraria, si trasferisce in Inghilterra, dopo aver abbandonato il suo primo marito Fritz Mandl, potente mercante d’armi in combutta con il regime nazionalsocialista. A Londra conosce il produttore Louis B. Mayer che la convince a trasferirsi negli USA. A Hollywood firma un contratto con la MGM e nel 1938 lavora nel suo primo film americano, Un’americana nella Casbah. Nel 1941, viene lanciata insieme a due bellezze di Hollywood, Lana Turner e Judy Garland nello stravagante musical Le fanciulle delle follie.

Spesso utilizzata in ruoli esotici, dagli anni ’40 si afferma come dark lady in diversi film neri fra i quali La banda Pellettier, Schiava del male, I cospiratori e Disonorata. Nel 1949, prestata alla Paramount, Cecil B. De Mille ne sfrutta il fascino misterioso di donna fatale affidandole il ruolo ambiguo della protagonista femminile nel biblico Sansone e Dalila, dove indossa il famoso costume, cucito a mano con 1926 piume di pavone, ideato dallo stesso De Mille.

Dopo aver girato con Bob Hope il film comico L’avventuriera di Tangeri del 1951, la carriera cinematografica iniziò a fermarsi. Dagli anni ’50 era iniziato per lei un lento ma inesorabile declino; sempre in film di routine per lo più insignificanti, nel 1954 è presente in una produzione italiana, L’amante di Paride, in cui interpreta Elena di Troia accanto a Massimo Serato, fino all’ultima apparizione in un film più che trascurabile, L’animale femmina, nel 1958.

È importante invece quello che riuscì a fare nella sua vita privata. Infatti insieme all’amico compositore George Antheil aveva lavorato ad un sistema di guida a distanza per permettere ai siluri, al momento del lancio, di sfuggire al controllo radar, attraverso traiettorie che cambiavano continuamente, tali da disorientare il nemico. Questa invenzione all’epoca non piacque né alla marina militare degli Stati Uniti né a Washington, perché ritenuta molto complicata da attuare, ma in futuro sarebbe stata ripresa e avrebbe portato all’invenzione della telefonia mobile e ai sistemi informatici wireless. Dunque è alla straordinaria intuizione di questa donna se oggi si è arrivati agli smartphone.

Affetta da sindrome di shopping compulsivo unita a forme morbose di cleptomania, nel 1966 è arrestata una prima volta per furto in un negozio; prosciolta, ripete lo stesso reato nel 1991, ma questa volta è condannata a un anno di reclusione con la condizionale.

Nel 1967 scrive l’autobiografia Ecstasy and Me, testo ricco di aneddoti, nel quale è ben evidenziato il cammino professionale dell’attrice e tutto quello che derivò nella sua carriera dalla sua discussa prestazione in Estasi.

Tre anni prima di morire, nel 1997, ricevette l’autorevole riconoscimento ´EFF Pioner´, creato dalla Electronic Frontier Foundation, quindi la medaglia Kaplan, la più prestigiosa onorificenza austriaca per un inventore, nell’ottobre 1998. In suo onore, il 9 novembre, la data del suo compleanno, fu proclamata la Giornata dell’Inventore in Germania, Austria e Svizzera.  

Muore a 85 anni, nel 2000, per cause naturali. Assecondandone la volontà, il figlio Anthony Loder porta in Austria le sue ceneri e le disperde nella Selva Viennese. Nel 2014 è stata inserita nel National Inventors Hall of Fame statunitense per il suo brevetto.

«Ogni donna può essere affascinante. Tutto quello che deve fare è rimanere immobile e sembrare stupida»

FONTI: Enciclopedia del cinema Treccani – cinekolossal – ciakhollywood

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

45 pensieri riguardo “Hedy Lamarr, non solo bella”

      1. Anch’io di lei non conoscevo che il nome, ma il fatto che sia stata una ricercatrice, una scienziata mi ha stupita soprattutto per il periodo in cui è vissuta. Mi fa meno stupore Geena Devis che, ho scoperto anni fa, è una matematica. Ma di lei hai mai scritto qualcosa?

        Piace a 2 people

Rispondi a Luca Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Postils

- loitering on odds and ends -

CL Interprete e traduttrice

Viaggio alla ricerca delle giuste parole

Site Title

the live mentor

MORADA DEL ESCRIBA

«Marcos G. Cruz»

Stupori felini

"a cat must have THREE DIFFERENT NAMES" T.S. Eliot

Primo non Sprecare

Una genovese in cucina

SOLO PICCOLI PENSIERI

Paola Pioletti

Come cerchi nell'acqua

ogni pensiero, azione, parola si propaga nello spazio....

Saimon

(La Mia Visione della Vita)

Matematica Vedica

Imparare è quasi sempre SCOPRIRE!

masks and tales

bunch of atoms, with a bunch of masks and tales

Etidea

#Etidea, #Percorso, #Equazionedeltutto, #Crescita #crescitapersonale, #evoluzionespirituale, #romanzidiformazione, #psicologia, #filosofia, #libri, #lettrici, #lettori, #conoscenza

Anaklarah's alive words

Onde as palavras ganham vida própria!

Conversando con mi alma

Me gusta escribir, liberar mis pensamientos y dejar plasmado toda mi imaginación sobre la hoja y así lograr entrar al corazón de todos los lectores.

Laws and Claws

Like you, but with claws.

Stil unic!

Stilul face diferența!

Sabius

relatos y reflexiones alrededor de una copa

Parole, pensieri e pennelli

Parliamo di emozioni

Keep Calm and Drink Coffee

Keep Calm & Drink Coffee

albertocroce

I want what I want

Print Test Page

Check Your Printer Quality

Come foglie in autunno

Si cade per rialzarsi e rinascere

Vita da Estetista🤯

Estetista esaurita 😩

魅力的になって人生楽しむ!りゅうブログ

「魅力的な自分を育て、人生を輝かせるためのヒントが満載。りゅうブログで素敵な人生を手に入れよう!」

Il Pensator Cortese

Penso quindi so(g)no, tra un bicchiere di vino, una canzone e un libro

Happy Roundtrip

Travel, Discover, Enjoy!

equilibri

«Leggere è un cibo per la mente e tutto quello che ha a che fare con il cibo dev'essere per forza buono» (Snoopy)

TORINO NELLA RETE

Le fotografie inaspettate di Luigi Bacco

Parliamo di emozioni

Museo Casa di Zela

Casa di Zela: la cultura che respira

Kiran Iyengar's

Technical Communication Specialist | Digital marketing Specialist | Poet | Fiction Writer

❤️ Up & down

elmejorviajedelmundo

Venus

Dragostea pentru un barbat este asemena unei opera de arta netermintata, doar muza poate termina piesa.

Laura’s blog

Light is within - La luce è in se stessi

Crossroads of feelings

"Not sure I'll quench this fire, guess it's what I'm made of"

Opinión y actualidad

LO MEJOR ESTÁ AL CAER - Opinión sobre asuntos de actualidad

demlidemli.wordpress.com/

Aktüel İçerik Paylaşım Sitesi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: