Mezzogiorno di fuoco (1952)

È quasi incredibile che un film considerato un classico del cinema hollywoodiano ed entrato a ragione tra i capolavori del genere western, presenti in realtà tutta una serie di elementi che si discostano decisamente dagli stereotipi della categoria. John Wayne, a cui per primo era stato offerto il ruolo dello sceriffo Kane, non solo lo rifiutò, ma in seguito affermò che Mezzogiorno di fuoco era il film più antiamericano che avesse mai visto.

La storia trae origine dal racconto The Tin Star di John W. Cunningham, e Carl Foreman si fece carico di ricavarne la sceneggiatura del film. Siamo in una classica cittadina del west dove lo sceriffo, proprio nel giorno delle sue nozze, viene informato che un criminale da lui arrestato tempo prima, è stato rilasciato e sta arrivando col treno di mezzogiorno con l’intenzione di vendicarsi.

Mentre la giovane moglie, quacchera e quindi contraria alla violenza, gli suggerisce di fuggire, Kane decide di restare e cerca di radunare alcuni volontari che siano disposti ad aiutarlo. Tutti, a cominciare dal vice sceriffo, lo abbandoneranno per i più svariati motivi, principalmente per vigliaccheria ma anche per opportunismo, tanto che troverà solo un ragazzo e un ubriacone disposti ad aiutarlo. La moglie, inizialmente intenzionata ad andarsene e a lasciarlo solo, cambierà idea e alla fine sarà proprio lei a salvargli la vita. Risolta la questione ed eliminato il problema, Kane verrà acclamato dai concittadini, ma rifiuterà con disprezzo la stella di sceriffo, lasciando la città insieme alla sua donna.

Si immagina facilmente come John Wayne possa essere inorridito di fronte all’idea di un eroe del west salvato da una donna, per di più dolcissima e non avvezza all’uso delle armi. Inoltre l’atmosfera del film, quasi immobile e scandita dal ticchettio sempre uguale dell’orologio, è tutto il contrario del ritmo avventuroso che solitamente caratterizza le storie del vecchio west. Per non parlare dell’eroe buono dagli occhi azzurri che passa metà del film a elemosinare aiuto, di fronte a una comunità che gli volta le spalle o gli è, al massimo, indifferente. Ma l’elemento più innovativo e straordinario di questo film è il suo svolgersi nel tempo reale della narrazione: l’esito di tutta la vicenda, la sorte non solo dello sceriffo ma in fondo di tutto il paese, dipende dall’arrivo del treno di mezzogiorno, e lo spettatore è coinvolto nell’attesa, durante tutta la durata del film, dall’immagine dell’orologio che scandisce il passare dei minuti. Poco più di 80, tanto dura il film, in cui la tensione cresce minuto dopo minuto, e l’eroe sembra ad ogni attimo sempre più solo.

Al di là della metafora anti maccartista, dell’uomo giusto lasciato solo contro tutti a lottare per i suoi ideali, quello che rende il film un capolavoro è la raffinatezza di Zinnemann, le sue bellissime inquadrature sugli attori, e certe scelte geniali nel costruire la suspense. I giochi di sguardi, il fischio del treno, l’inquadratura dei binari, tutto montato alla perfezione da Williams e Gerstad che ottennero un Oscar più che meritato.

Perfetta la caratterizzazione di ciascun personaggio, persino del terribile Frank Miller, il fuorilegge tanto temuto, che nonostante appaia solo alla fine, aleggia su tutta la pellicola, quasi come l’incarnazione del male. Il ritmo è quello del cinema d’autore, elegante, non troppo lento, ma neppure veloce, che dà modo di assaporare ogni scena nei particolari. Nel finale poi, in quel duello tanto atteso e temuto, si trattiene letteralmente il fiato. La fotografia è grandiosa, splendida nei toni grigi del bianco e nero, volgarizzata successivamente da un’inutile colorizzazione. La bellissima colonna sonora di Dimitri Tiomkin, che gli valse l’Oscar, accompagna ogni scena, aumentando la tensione dove necessario, con un ritmo martellante che riproduce il ticchettio dell’orologio.

Oscar anche per Cooper, che dà prova di estrema misura nel rappresentare uno sceriffo stanco e rassegnato, e tuttavia ancora sostenuto dal coraggio e dalla certezza di essere nel giusto: un’interpretazione sobria ed equilibrata, mai sopra le righe, eppure molto intensa.
Sulla scelta come protagonista di Cooper, cresciuto nel Montana e già interprete acclamato di ruoli da eroe, non ci fu nulla da dire, mentre qualche polemica suscitò la scelta di Grace Kelly, qui alla prima apparizione importante, nel ruolo della moglie: il problema non è tanto affiancare il duro cowboy all’ingenua fanciulla che risplende di dolcezza e castità, anzi, in questo senso i due si completano perfettamente; più difficile accettare il divario anagrafico tra i due. Grace infatti aveva solo 22 anni all’epoca, contro i 51 di Cooper, troppo giovane per essere credibile come sposina di uno sceriffo prossimo alla pensione. Tuttavia Zinnemann insistette su questa coppia, che alla fine si rivelò azzeccata come tutto il resto del cast.

Antitesi della giovane sposa, la messicana Katy Jurado ha il ruolo della donna vissuta, ex amante dello sceriffo, classica immagine sensuale, tipica di un film western. Per quanto la moglie è bionda, pura e innocente, per quanto l’ex amante è bruna, impudente e passionale. Paradossalmente, sarà lei a convincere la moglie a rimanere a fianco del suo uomo, mentre lei, al momento della verità, lo abbandonerà come tutti gli altri. Da segnalare anche l’esordio sullo schermo di Lee Van Cleef, che aprirà la strada ad una lunga carriera di villain.

Questa pellicola, così innovativa nel panorama del genere western, non solo è diventata nel tempo un classico intramontabile, ma ha fatto scuola per tanti film che sono venuti in seguito, da Quel treno per Yuma del 1957 a C’era una volta il West di Sergio Leone, fino a Il cavaliere pallido di Clint Eastwood. E’ diventato un classico la sequenza iniziale o finale con l’inquadratura della ferrovia, come anche la figura del cavaliere coraggioso che lotta da solo contro i prepotenti e terminata la sua missione si eclissa cavalcando verso il tramonto.

A vederlo oggi, a distanza di quasi 70 anni, il film di Zinnemann rimane un capolavoro di regia classica, suspense e interpretazione, un film datato che è estremamente moderno per come riesce a rendere avvincente il suo ritmo, e sempre attuale nella morale, perché di fronte alle grandi responsabilità della vita, nei momenti più difficili, ci ritroviamo tutti soli, proprio come lo sceriffo Kane.

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

21 pensieri riguardo “Mezzogiorno di fuoco (1952)”

  1. Davvero innovativo come film! Splendida analisi, complimenti! Non sapevo del giudizio di John Wayne, ora che lo so apprezzo ancora di più High Noon, che inizialmente mi colpì per la scelta di fare la storia in tempo reale, ma poi mi conquistò grazie ai suoi mille elementi di interesse che hai giustamente sviscerato nel tuo post!

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Covid, vaccini e green pass. Le verità nascoste

Tutto quello che Governo, Regioni e media vi nascondono sul Covid, vaccini e green pass

Mădălina lu' Cafanu

stay calm within the chaos

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

Paola Pioletti

Ognuno ha la sua cantina d'anima

Mila Detti

"Antes y después el mundo se ha hecho pedazos y hay que nombrarlo de nuevo, dedo por dedo, labio por labio, sombra por sombra." Julio Cortazar.

Luca Maranò Attore

E' bello vedere qualcuno che mi esalta, soprattutto quando recito, perché riesco ad essere me stesso e a dare il meglio di me. Forse non lo sarà per tutti, ma la vera risposta la potranno trovare solo in Dio. Quello che sono capace di fare oggi, è ciò che sono riuscito a costruire e solo grazie al mio Signore Gesù. Se lui mi ha messo al mondo e ha voluto che diventassi suo figlio posso soltanto essere grato a lui di ciò che mi ha donato. So benissimo da dove viene il mio talento, da Dio. E io non voglio recitare soltanto per diventare famoso. Ma per essere un giorno il testimone di Cristo che è morto sulla croce per i nostri peccati. Se c'è un posto in paradiso è grazie a lui che ci aspetta. Questa consapevolezza un giorno vale più di vincere un Oscar.

La Custode della Luna

Segreti e misteri di una strega "lunatica"

uncucchiainodizucchero

consigli di cucina

Sorridi, sii grato e AMA!

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.”

Beautyblog

Instagram @marymignucci

When The Soul Writes

A Place For Readers

Ottavanota

Viaggio alla scoperta delle canzoni

Progresif rock

Rock müziğin temelidir.

ZahraAli

Iraqi news

Penjiri

Where Pen Meets Jiri

Geo Franz

Après moi, le déluge.

Poet The Mirror

Poetry My Religion

IL BLOG DELLO SCRITTORE

Un blog che parla di emozioni e moti dell’animo umano

Costa de Souza

Caricatura | Ilustração

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

Moments of my life

We are different

Yard Sale of Thoughts

Treasured poetry and bargain prose await all who enter here.

Lividi e Musica

La buona musica fa male

Emanuele Cazzaniga

Qualche foto, niente di più...

È pizza 🍕

Pizza & hinterland....

YOUNGREBEL

Blog about life, positivity, selfcare, food and beauty.

LE MONDE DE SOLÈNE

"Si tu ne vas pas dans les bois, jamais rien n'arrivera, jamais ta vie ne commencera, va dans les bois, va."

KAGO WA KIMANI

Tears Of The Pen

SaphilopeS

ne güzel blues, ne güzel karanlık

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

Preghiamo così!

preghiera, amore, speranza, religione

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Nemesys

Il mio modo di esserci

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

HysterEg.com

HYSTER TEAM

Ontologia,Psicoanalisi,Logica.

Logica, filosofia della scienza.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: