Aneddoti e curiosità del lunedì: Emma Stone

È una delle giovani attrici con più talento, più umorismo e più fascino di Hollywood. Dotata di una voce particolare, profonda e sensuale, che purtroppo si perde nel doppiaggio, e occhi immensi, è anche una donna molto intelligente e impegnata, con una forte personalità. Nonostante la giovane età, ha già una discreta filmografia a suo attivo, è una delle star più pagate della sua generazione, e ha già vinto un Oscar.

Il suo nome vero è Emily Patricia Jean Stone. All’età di 16 anni ha scoperto che un’altra Emily Stone era registrata presso lo Screen Actor’s Guild, il sindacato statunitense che riunisce gli attori di cinema e televisione, e decise di chiamarsi Riley. Dopo circa sei mesi si è resa conto che proprio non riusciva ad abituarsi ad un nome così diverso dal suo, capitava che le persone la chiamassero, e lei non rispondesse. Così decise di ripiegare su Emma, più simile al nome a cui era abituata.

Aveva quattordici anni quando si è seduta intorno a un tavolo con i suoi genitori per spiegare quanto fosse importante la recitazione nella sua vita. Voleva a tutti costi convincerli a lasciarla andare a Los Angeles per studiare recitazione, ma temendo di non riuscire ad affrontare un discorso così difficile senza scoppiare a piangere, aveva preparato un’accurata presentazione PowerPoint per illustrare le sue motivazioni e far capire che non si trattava di un capriccio.

Siamo abituati a vederla in un rosso incantevole, ma in realtà Emma è bionda naturale. L’idea di tingere i capelli non è stata sua: è stato un produttore cinematografico, Judd Apatow, a consigliarle di fare una prova e da allora raramente è tornata indietro.

Emma Stone non ama particolarmente i tatuaggi, infatti ne sfoggia pochissimi. Quello a cui è più affezionata riproduce delle zampe d’uccellino, e lo condivide con sua madre. Il disegno è ispirato alla canzone Blackbird dei Beatles, molto amata da entrambe, ed è stato creato da Paul McCartney in persona, dietro sua richiesta.

Il suo primo lavoro è stato cucinare dolcetti per cani in una panetteria per animali.

Si è rotta entrambe le braccia contemporaneamente quando faceva ginnastica da bambina.

A scuola ha studiato la lingua dei segni e sa ancora utilizzarla.

Ha due grandi fobie: una, abbastanza comune, riguarda gli aghi, mentre la seconda è la paura di essere sollevata di peso da qualcuno fin sopra la testa, cosa che si è verificata durante le riprese di Crazy, stupid love e che a quanto pare non è stata per lei una bella esperienza.

Ha fatto coppia al cinema con l’attore Ryan Gosling per ben tre volte, l’ultima in La la land, dimostrando che tra loro era presente una chimica straordinaria. Tuttavia non è scoccata alcuna scintilla nella vita reale, e i due sono rimasti solo ottimi amici.

Diversamente è successo invece con Andrew Garfield, suo partner in The Amazing Spiderman; conosciutisi sul set, si sono messi insieme, lasciati e successivamente ripresi più volte, tra il 2011 e il 2015, quando hanno dichiarato definitivamente chiusa la loro relazione.

Nel 2020 Emma ha sposato il regista Dave McCary, conosciuto mentre era ospite di un episodio del Saturday night live, diretto proprio da McCary. Nel marzo 2021 hanno avuto la prima figlia, a cui Emma ha dato il nome dell’amatissima nonna, Louise Jean.

Come molte altre celebrità del cinema, anche Emma Stone non frequenta Instagram e non fa alcun uso dei social media. A tale proposito ha dichiarato in un’intervista: “Sembra che tutti coltivino le loro vite su Instagram o sui diversi social media. Non capisco quel bisogno di essere visti e di essere approvati, in un certo senso, da qualcuno che non conosci.

FONTI: donnamoderna.com – cinefilos.it – movieplayer.it – stardust.it dilei.it

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

11 pensieri riguardo “Aneddoti e curiosità del lunedì: Emma Stone”

  1. quella del biondo la sapevo anche io, quella del nome nop; mi ricorda Katy Perry che ha scelto il cognome materno per non essere confusa con la grandissima Kate Hudson

    e sapevo anche di Garfield, anche se i filmati dei fan fanno notare come forse ci sia ancora un amore/interesse unilaterale

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Bestprinterhelp

Drivers & Downloads

JaZzArt en València

Faith saved us from the savages that we were, losing faith makes us savages again

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: