Jean Simmons, grazia e fascino senza tempo

Il suo nome completo era Jean Merilyn Simmons. Nasce a Londra il 31 gennaio 1929.
Debutta sullo schermo a quindici anni, e s’impone ben presto tra i nomi di spicco della cinematografia inglese, divenendo all’inizio degli anni Cinquanta, dopo il trasferimento a Hollywood, una delle dive più richieste. Dai lineamenti minuti e delicati, appare intensa, enigmatica e perfino dura nei ruoli drammatici, ma anche spiritosa ed effervescente come interprete di commedie.

Proprio agli inizi della sua lunga e fortunata carriera, per il ruolo di Ofelia nell’Amleto di Laurence Olivier, ottenne la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile alla Mostra del cinema di Venezia, e una nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista. Dopo aver interpretato ancora in Gran Bretagna film di buon successo come La gabbia d’oro, nel 1950, e il thriller Cielo tempestoso, sempre nello stesso anno, a Hollywood sorprese pubblico e critica con la difficile parte della giovane squilibrata Diane, che uccide prima la madre, poi un suo innamorato e infine si suicida, in Seduzione mortale, di Otto Preminger, del 1953.

Pur trattandosi della sua migliore interpretazione, in cui mostrò tutto il suo talento drammatico, i produttori statunitensi vollero utilizzarla principalmente come interprete di film in costume, impedendole di sfruttare le sue interessanti potenzialità e di fatto limitando la sua carriera. Fu quindi una dolce Lavinia in Androclo e il leone, nel 1952, e l’anno dopo interpretò la giovane regina Elisabetta I ne La regina vergine, accanto a Stewart Granger, con il quale fu sposata dal 1950 al 1960.

Ottenne poi un grande successo nel ruolo di Diana, destinata al martirio nel Colosseo, ne La tunica, sempre nel 1953. Nello stesso anno era stata la prima scelta di William Wyler per il ruolo da protagonista femminile in Vacanze romane, ma il produttore Howard Hughes, nel periodo in disputa legale con l’attrice, non la concesse alla Paramount. E così fu sostituita dall’allora sconosciuta Audrey Hepburn.

Riuscì quindi a sfuggire temporaneamente ai film storici, interpretando l’attrice Ruth Gordon nel film L’attrice, di George Cukor, ma tornò a indossare tuniche e veli nel 1954 per Sinuhe l’egiziano, e abiti stile impero in Désirée, sempre dello stesso anno, in cui è l’amore di gioventù di Napoleone, impersonato da Marlon Brando; con quest’ultimo successivamente duettò nel musical Bulli e pupe, del 1955, di Joseph L. Mankiewicz, in cui è una rigida esponente dell’Esercito della salvezza destinata a lasciarsi conquistare dall’amore.

Interpretò poi una maestra, coraggiosa e determinata, ne Il grande paese, di William Wyler, girato nel 1958 con Gregory Peck e Charlton Heston, per poi affiancare, l’anno successivo, Rock Hudson ne La mia terra di Henry King. Nel 1960, dopo essere stata sorella Sharon ne Il figlio di Giuda, diretto da Richard Brooks (che avrebbe sposato di lì a poco), tornò a interpretare un film ambientato nell’antica Roma, questa volta sotto la regia di un grande maestro, Stanley Kubrick, che le affidò lo splendido ruolo dell’appassionata schiava Varinia in Spartacus, al fianco di Kirk Douglas.

Rivelò quindi tutto il suo talento di attrice brillante nella bella commedia L’erba del vicino è sempre più verde, con Cary Grant, Robert Mitchum e Deborah Kerr. Negli anni ’60 interpreta diversi film, per lo più melodrammi, ad eccezione di un godibile western con venature di commedia, Due stelle nella polvere, del 1967.

Dagli anni ’70, all’infuori di sporadici interventi in qualche film minore, depressa per mancanza di ruoli, si rifugia nell’alcolismo, ma ne esce molto bene, rivolgendo tutta la sua energia alla televisione, dove prende parte a numerose serie di successo: La signora in giallo, Poirot, e Perry Mason. Vince anche un Emmy Award nel 1983 per la partecipazione a Uccelli di rovo.

In ultimo, torna con una certa assiduità al cinema, come narratrice o doppiatrice, o anche in ruoli di contorno, come ne Gli anni dei ricordi del 1995.
Da tempo malata di tumore al polmone, muore a 80 anni, il 22 Gennaio 2010, nella sua casa di Santa Monica in California.
Due matrimoni seguiti da altrettanti divorzi con personaggi di spessore del cinema americano: prima con l’attore Stewart Granger, da cui ha avuto un figlio, poi con il regista Richard Brooks, da cui ha avuto una figlia.

«Ogni attrice deve saper affrontare il fatto che ci saranno sempre intorno a lei donne più giovani e più belle: una volta accettato questo, sarà in grado di scegliere il ruolo più giusto per sé»

FONTI: Enciclopedia del cinema, Treccani – cinekolossal

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

8 pensieri riguardo “Jean Simmons, grazia e fascino senza tempo”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Bestprinterhelp

Drivers & Downloads

JaZzArt en València

Faith saved us from the savages that we were, losing faith makes us savages again

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: