Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

George Sanders, il fascino inquietante dell’ambiguità

Il suo nome completo era George Henry Sanders. Nasce il 3 luglio 1906, a San Pietroburgo, nella Russia zarista, da genitori britannici. Eccellente interprete di drammi e film in costume, emerge nel cinema grazie alla imponenza del proprio fisico, a un portamento finemente elegante, e all’ironia sferzante della sua mutevole maschera espressiva, che gli permette di ricoprire ruoli diversi dandone sempre un’ottima caratterizzazione.

A dieci anni, sfugge alla Rivoluzione d’Ottobre e ripara in Inghilterra con tutta la famiglia. Nei primi anni ’30 esordisce in teatro e nel 1936 si trasferisce a Hollywood dove lavora alternativamente per la RKO, la Fox e la MGM. Dopo varie prove di buon livello in film secondari e dopo aver interpretato Simon Templar in due detective-movie del 1939, viene scelto come antagonista di Laurence Olivier nel celebre Rebecca, la prima moglie di Alfred Hitchcock, del 1940, e, nello stesso anno, è nel cast di un altro lavoro del maestro del brivido, Il prigioniero di Amsterdam.

È in un ruolo perverso ne Il ritratto di Dorian Gray, del 1945, e cinico ne Il disonesto, del 1947. Negli anni ’40 è presente in film noir e drammatici sempre con eccellenti interpretazioni e nel 1950 raggiunge il culmine della notorietà con Eva contro Eva, dove il ruolo, particolarmente congeniale al suo naturale e raffinato distacco, dello sprezzante e malevolo critico teatrale, gli consegna il solo Oscar vinto in una prolifica carriera ricca di oltre 120 film.

Raffinato e affascinante, con il suo naturale atteggiamento di aristocratica noncuranza interpretò personaggi per lo più caratterizzati da una moralità ambigua, nei quali il cinismo e la freddezza si fondono con la signorile eleganza dei modi. Sul finire degli anni ’40 e per tutto il decennio successivo, con sorprendente successo, prende parte a numerosi film in costume (Ambra, Sansone e Dalila, Ivanhoe, Riccardo Cuor di Leone, Annibale e la vestale, Il covo dei contrabbandieri, Il ladro del re e Salomone e la regina di Saba).

Nel 1954 fu particolarmente efficace nel restituire un’inquieta atmosfera matrimoniale, segnata dall’incomprensione e dal rancore, con la sua interpretazione del gelido e indifferente marito protagonista del drammatico Viaggio in Italia di Roberto Rossellini, accanto a Ingrid Bergman. Ma dagli anni ’60, si presta a produzioni europee per film di basso contenuto. Alterna quindi la sua attività di attore cinematografico con quella di interprete televisivo, ma il risultato non cambia.

Tuttavia, riesce ancora ad esprimersi a buon livello sul grande schermo, soprattutto con Il villaggio dei dannati, nel 1960, Uno sparo nel buio del 1964, Quiller Memorandum del 1966 e Lettera al Kremlino del 1970. Nel 1967 aveva doppiato, con voce morbida e insinuante, la perfida tigre Shere Khan nel film di animazione della Disney Il libro della giungla.

Nel 1972, in preda alla depressione, muore suicida in un albergo di Barcellona, in Spagna, a 66 anni. Le circostanze del suo suicidio, annunciato molti anni prima all’attore David Niven, sembrano essere sinistramente in linea con il suo personaggio cinico e noncurante: sul tavolo lasciò alcune ironiche righe indicando nella noia il motivo del suo gesto.

Nel 1960 aveva scritto un’autobiografia, tradotta anche in italiano, dal titolo Memorie di un mascalzone professionista, dove riporta aneddoti della sua vita artistica e i turbinosi rapporti con le donne, i colleghi e l’ambiente cinematografico.

Sposato quattro volte con tre divorzi; inizialmente con Susan Larson, poi con le attrici Zsa Zsa Gabor, Benita Hume (la cui morte di cancro nel 1967 diede inizio al suo progressivo disfacimento psichico) e, ultima, Magda Gabor, sorella di Zsa Zsa, matrimonio durato quattro mesi. Non ha avuto figli.

«Caro Mondo, me ne vado perché sono annoiato. Sento di aver vissuto abbastanza a lungo. Ti lascio con le tue preoccupazioni in questa adorabile fogna. Buona fortuna.»

FONTI: cinekolossal – Enciclopedia del cinema, Treccani

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

15 pensieri riguardo “George Sanders, il fascino inquietante dell’ambiguità”

  1. Ciao Raffa come attore non .lo ricordo molto bene anche se un paio di titoli da lui interpretafi li ho visti. L.o sconvokgente è il suicidio con la frase che ha lasciato!!! Anche l’averci tutto alle volte non è sufficiente al non cadere nel baratro…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cucina da Chef

della serie "umiltà prima di tutto ...."

pk 🌍 MUNDO

Blog educativo y diario de aula principalmente. Recopilación de los mejores recursos educativos de la red. Filosofía, escritos, aficiones e inquietudes personales.

Il Teatro dell'Anima

Un balbettio che pian piano diventa linguaggio

Frugal Average Bicyclist

The goal here is to help you keep cycling on a budget.

ChronosFeR2

Fotografia, Literatura, Música, Cultura.

I TESSA

simple pages of relief - to ink on the thought - that much - troubles the mind

Il Cammino per Agarthi

Hollow Earth Society

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Aureliano Tempera

Un po' al di qua e un po' al di là del limite

Postcardsfromhobbsend

Film reviews as you know them only much....much worse

Life target

exploring the right target of life

INDEPENDENT SANA

Positivity and motivation.

Coisas da SIL

Escrevo o que percebo e sinto ao meu redor./ write what I perceive and feel around me.

Mwendia's Blog

Living is balancing good and bad.

Kiran ✨

Reading And Writing is the best Investment of Time ✨ ( Motivational Thoughts) "LIFE IS A JOURNEY"

CarloTomeo Teatro e Teatro

Comunicati stampa e Recensioni Teatrali

Diario di bordo

Poi riflettei che ogni cosa, a ognuno, accade precisamente, precisamente ora. Secoli e secoli, e solo nel presente accadono i fatti; innumerevoli uomini nell’aria, sulla terra e sul mare, e tutto ciò che realmente accade, accade a me.

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Narsulante

"Tutto è uno e accade ora"

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: