Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Scene da un incontro

Siamo nel 1948. Ingrid Bergman, attrice svedese, sposata, residente a Hollywood, vede un film del regista italiano Roberto Rossellini, ne rimane incantata e decide di scrivergli una lettera per proporsi di lavorare insieme. Signor Rossellini, sono una ragazza svedese che vive in America da dieci anni, che parla bene inglese, un poco di francese e sa dire solo “Ti amo” in italiano. Ho visto il vostro film Paisà, ne sono entusiasta e sarei onorata di avere una particina nel vostro prossimo film. Così Rossellini, molti anni dopo, ha raccontato la lettera alla figlia Isabella, nata da quell’incontro.

La lettera di Ingrid è un capolavoro, proprio nella scelta delle parole di finta modestia: sono una ragazza, sarei onorata, come per cancellare l’immagine di quello che in realtà Ingrid già era, cioè una grande attrice molto affermata, una diva che aveva già vinto un Oscar, e soprattutto una donna sposata, non una ragazza. Il finale, poi, con quel ti amo che sembra strategico, è il tocco di genio.

Roberto Rossellini era italiano, era un donnaiolo, affascinante come pochi e aveva già combinato parecchi casini sentimentali. Quando gli arriva la lettera di Ingrid, il regista è ancora legalmente sposato con la costumista Marcella De Marchis, madre di due dei suoi figli, visto che in Italia non esisteva il divorzio, ma è legato sentimentalmente e convive con l’attrice Anna Magnani, monumento nazionale, parte integrante anche del successo del suo cinema.

In seguito alla lettera, Roberto e Ingrid decisero di incontrarsi a Parigi. Un giorno il regista, nella sua abitazione di Roma, stava aspettando con ansia il telegramma in cui lei avrebbe comunicato luogo e orario dell’appuntamento. Disse al portiere che, se fosse arrivato, non avrebbe dovuto metterlo nella casella della posta, ma glielo avrebbe dovuto consegnare personalmente, specificando: «quando mi vedi solo». Evidentemente Rossellini conosceva bene il caratterino della sua compagna.
Il telegramma arrivò, il portiere salì a casa Rossellini-Magnani e disse: «Dotto’, eccolo, non l’ho messo in casella, glielo do appena sta solo».

Rossellini lo guardò spazientito, girandosi verso Anna che stava mescolando la pasta. Un attimo dopo, senza fare domande, ma con la velocità naturale della gelosia, Anna Magnani rovesciò l’intera zuppiera di spaghetti, sulla testa del compagno.
La gelosia arriva sempre per prima. Vince ogni gara, stabilendo ogni record di velocità d’intuizione. E di solito non si sbaglia. Poco tempo dopo, Rossellini la lasciò nel peggiore dei modi: facendo finta di niente, annunciando che sarebbe sceso a portare a spasso i cani, per non tornare mai più.

Nel frattempo il film con la Bergman diventa realtà: è Stromboli, inizialmente scritto per la Magnani, così doppiamente ferita. Venne girato nell’estate del’49. A poca distanza, la Magnani gira un film dal titolo Vulcano diretta da un regista tedesco. I paparazzi circondano i due set nelle Eolie, e quell’estate non si parla d’altro. Ingrid è vista come una peccatrice fedifraga: il primo marito ha chiesto e ottenuto divorzio e l’affidamento della figlia. Anna invece è quella tradita, amata da tutti, in più è a pezzi e non fa niente per nasconderlo.
Nell’inverno successivo, il 2 febbraio 1950, nello stesso giorno della prima di Stromboli, nasce Robertino, figlio di Ingrid e Roberto, cui seguiranno le gemelle Isabella e Isotta due anni dopo.
Nel 1956 la Magnani ha la sua rivincita: vince un Oscar per La rosa tatuata. L’anno dopo Rossellini divorzia dalla Bergman.

Il 3 giugno del 1977 Rossellini si sentì male, stava avendo un infarto. Chiamò in soccorso la prima moglie, Marcella, e morì tra le sue braccia. Tra le prime a telefonarle, Ingrid Bergman: «Questa è stata la morte più bella che avrebbe potuto desiderare. È stato giusto così. Con te».

************

Guardando un’intervista nei contenuti extra del DVD di Stromboli, si apprende un aneddoto non molto lusinghiero che riguarda il regista italiano.
La Bergman all’epoca era già una star internazionale, ma quasi tutti gli altri attori erano scelti fra la gente del luogo, secondo lo stile neorealista del regista. Tra gli altri, il salernitano Mario Vitale, durante una scena, avrebbe dovuto dare un violento ceffone alla Bergman, ma l’effetto non soddisfaceva il regista che pretendeva da lui maggior foga. L’uomo si era sentito fortemente a disagio nel colpire la grande attrice, così famosa, alta e bella, e Rossellini, spazientito dai numerosi ciak, a un certo punto gli disse: “E che, non sei capace di menare una donna?!” mostrandogli lui stesso come fare.
Un episodio sgradevole che certamente nulla toglie alla grandezza del regista e dell’intellettuale, e non intacca la forza del suo legame d’amore con la Bergman, ma lascia intuire una mentalità fortemente maschilista. Per Rossellini, evidentemente, saper menare una donna rientrava nell’ABC delle naturali prerogative e possibilità di un uomo.

FONTI: lagazzettadellosport – vanityfair

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

19 pensieri riguardo “Scene da un incontro”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

pk 🌍 MUNDO

Blog educativo y diario de aula principalmente. Recopilación de los mejores recursos educativos de la red. Filosofía, escritos, aficiones e inquietudes personales.

Il Teatro dell'Anima

Un balbettio che pian piano diventa linguaggio

Frugal Average Bicyclist

The goal here is to help you keep cycling on a budget.

ChronosFeR2

Fotografia, Literatura, Música, Cultura.

I TESSA

simple pages of relief - to ink on the thought - that much - troubles the mind

Il Cammino per Agarthi

Hollow Earth Society

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Aureliano Tempera

Un po' al di qua e un po' al di là del limite

Postcardsfromhobbsend

Film reviews as you know them only much....much worse

Life target

exploring the right target of life

INDEPENDENT SANA

Positivity and motivation.

Coisas da SIL

Escrevo o que percebo e sinto ao meu redor./ write what I perceive and feel around me.

Mwendia's Blog

Living is balancing good and bad.

Kiran ✨

Reading And Writing is the best Investment of Time ✨ ( Motivational Thoughts) "LIFE IS A JOURNEY"

CarloTomeo Teatro e Teatro

Comunicati stampa e Recensioni Teatrali

Diario di bordo

Poi riflettei che ogni cosa, a ognuno, accade precisamente, precisamente ora. Secoli e secoli, e solo nel presente accadono i fatti; innumerevoli uomini nell’aria, sulla terra e sul mare, e tutto ciò che realmente accade, accade a me.

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Narsulante

"Tutto è uno e accade ora"

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: