Doppia colpa (2018)

Da giugno 2021 tutte le recensioni sono spostate su Solorecensioni.

La trovi qui

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

16 pensieri riguardo “Doppia colpa (2018)”

    1. Potresti spiegare a me il finale? Da qui in poi SPOILER dunque non proseguite se non avete visto il film

      Sinceramente non ho capito perché il personaggio di Brosnan lascia andare quello di Pearce dopo che confessa che la ragazza è morta perché scappava da lui. Va bene che non ha trovato prove e lui si basava esclusivamente su quelle ma ciò nonostante da ” uomo ” non credo sia una reazione naturale la sua che lo lascia andare. Il personaggio di Pearce sul finale vede in un flashback l’altra ragazza ricciolina mora, che per un attimo gli sembra di aver ucciso dopo che facevano sesso in auto, ma che poi si rialza e se ne va, e quindi? Faceva confusione tra le 2 ragazze? Non ha ucciso nessuna delle 2 ma se n’è convinto a causa dello stress
      dei problemi di memoria? Grazie

      Piace a 1 persona

      1. Scusa se rispondo con tanto ritardo, ma i commenti su articoli vecchi non sempre mi arrivano.
        Bisogna partire dal fatto che il professore ha dei problemi psicologici di suo, sensi di colpa nei confronti della moglie per averla tradita in passato, e forse anche altro (ma il film non ce lo dice). Sicuramente ha dei momenti di blackout. Quando lui va in commissiariato a confessare, è realmente convinto di aver ucciso la studentessa, ma anche dal suo racconto si capisce che nella sua testa confonde le due ragazze. Quella mora ricciolina era una studentessa con cui aveva avuto una storia, forse l’aveva messa incinta, e per questo aveva dovuto cambiare città e lasciare il lavoro; così lui trasforma il senso di colpa per quella relazione, con il senso di colpa per l’omicidio che non ha commesso. L’ispettore lo lascia andare perché capisce che non è stato lui: dal referto dell’autopsia infatti si ricava che la ragazza è caduta dalla scogliera, non ha battuto la testa contro le rocce, come invece avevano detto i giornali; inoltre non c’è traccia di rapporti sessuali né di un tentativo di difesa da parte della ragazza, niente sotto le unghie, né fibre, né tracce di DNA estraneo. Perciò il poliziotto capisce che la confessione del professore è un tentativo di superare i suoi sensi di colpa. Può anche darsi, e il film lascia questo dubbio, che il professore abbia desiderato avere un rapporto con la ragazza morta, o che se lo sia immaginato nella sua testa, ma di sicuro non l’ha uccisa. In più, nella sua confessione lui dà particolari che non sono veri, ma che erano stati dati ai giornali proprio per smascherare finte confessioni di qualche mitomane. Si rimane quindi con la delusione perché dopo tanto indagare, alla fine si scopre che la morte è stata accidentale. In fondo il film non è tanto incentrato sul delitto, quanto sui due personaggi dell’ispettore e del professore.
        Spero di essere stata esauriente. Ciao!

        "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: