Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Aneddoti e curiosità del lunedì: Se7en

Alcune curiosità su Se7en, il film di David Fincher del 1995, che ancora oggi rimane uno dei thriller più sconvolgenti della storia del cinema.
Attenzione l’articolo contiene SPOILER.

Inizialmente il film era stato offerto a Guillermo del Toro, ma il regista rifiutò perché la sceneggiatura, cupa e pessimista, era contraria al suo spirito romantico. Anche David Cronenberg ha rifiutato la regia, ma non è dato sapere il perché.

Denzel Washington ha rifiutato la parte che poi è andata a Brad Pitt, perché secondo lui il film era troppo “oscuro e malvagio”. In seguito ha dichiarato di essersi pentito amaramente della scelta. Anche Al Pacino era stato preso in considerazione, ma dovette rifiutare perché era impegnato nelle riprese di City Hall. Per il serial killer si era pensato a Val Kilmer e a Michael Stipe, il frontman dei R.E.M.

Kevin Spacey fu scelto solo due giorni prima dell’inizio delle riprese e non volle che il suo nome comparisse sui titoli di testa per aumentare l’effetto sorpresa sul pubblico. Scelse di rasarsi a zero per rendere il suo personaggio più ripugnante, e il regista decise di rasarsi anche lui per solidarietà.

All’inizio la Paltrow non era interessata alla parte, perciò il regista chiese a Brad Pitt, che allora era fidanzato con lei, di convincerla a incontrarlo. Alla fine delle riprese Pitt disse che il personaggio di Gwyneth era “l’unico raggio di sole presente nel film”, e non sembra possibile dargli torto.

L’attore che impersona il cadavere in una delle primissime scene è Andrew Kevin Walker, sceneggiatore e soggettista del film.

Durante uno degli inseguimenti sotto la pioggia, Brad Pitt è scivolato facendosi veramente male al braccio, costringendo gli sceneggiatori a modificare la sua parte. Lo vediamo infatti sempre con l’arto fasciato, con la mano in tasca, oppure girato da un lato.

I quaderni che i due detective trovano nell’abitazione del serial killer sono veri manoscritti preparati appositamente per il film. Quando li trovano, Somerset (Morgan Freeman) dice che ci sarebbero voluti due mesi per leggerli tutti. Nella realtà ci sono voluti due mesi di lavoro per completarli e l’intero lavoro è costato 15 mila dollari. Saranno poi riutilizzati per The butterfly effect.

Nella scena del primo omicidio, sette casse piene di scarafaggi furono aperte e riversate sull’attore che interpretava il cadavere. Quest’ultimo usò tappi per orecchie e naso, onde impedire agli insetti di entrarvi. Tuttavia alla fine della ripresa l’attore si trovò gli scarafaggi anche negli slip. Sempre per la stessa scena, fu richiesta la presenza sul set di un esperto entomologo, al fine di evitare al massimo lo stress per gli scarafaggi, infastiditi dalle luci dei riflettori. Non si sa se qualcuno si sia occupato dello stress del povero attore, sommerso dai simpatici animaletti.

Durante una ripresa Morgan Freeman ha estratto la pistola con il dito sul grilletto. Fincher ha dovuto tagliarla perché erano presenti dei poliziotti sul set come consulenti tecnici, ed estrarre l’arma con il dito sul grilletto non fa parte della procedura standard.

Il regista e gli autori della sceneggiatura hanno scelto la pioggia perenne per due motivi: sicuramente aggiungeva un senso di oppressione e malinconia, ma soprattutto permetteva agli autori di non preoccuparsi del maltempo. L’unico momento in cui splende il sole è la scena finale, sia perché si svolge nel deserto, sia perché era fondamentale che si vedessero bene i visi degli attori e le loro espressioni.

I titoli di coda di Se7en scorrono dall’alto verso il basso, al contrario rispetto alla quasi totalità delle pellicole hollywoodiane. Ovviamente il primo nome ad apparire è proprio quello di Kevin Spacey.

I produttori della New Line Cinema (gli stessi che avrebbero voluto cambiare il finale) volevano fare un sequel del film. Fincher ha detto che sarebbe stato più interessato ad avere delle sigarette infilate in un occhio.

Forse nessuno ci ha fatto caso, ma l’unica vittima che John Doe uccide con le sue stesse mani è la moglie del detective Mills, e l’unico omicidio mostrato in diretta è quello compiuto da Brad Pitt.

Il film fu quasi totalmente snobbato agli Oscar, guadagnando una sola nomination per il montaggio di Richard Francis-Bruce. Curiosamente, nella stessa edizione Kevin Spacey e Brad Pitt erano tra i candidati per l’Oscar come miglior attore non protagonista rispettivamente per I soliti sospetti L’esercito delle 12 scimmie.

FONTI: themacguffin.itciakmagazine.it

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

12 pensieri riguardo “Aneddoti e curiosità del lunedì: Se7en”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cucina da Chef

della serie "umiltà prima di tutto ...."

pk 🌍 MUNDO

Blog educativo y diario de aula principalmente. Recopilación de los mejores recursos educativos de la red. Filosofía, escritos, aficiones e inquietudes personales.

Il Teatro dell'Anima

Un balbettio che pian piano diventa linguaggio

Frugal Average Bicyclist

The goal here is to help you keep cycling on a budget.

ChronosFeR2

Fotografia, Literatura, Música, Cultura.

I TESSA

simple pages of relief - to ink on the thought - that much - troubles the mind

Il Cammino per Agarthi

Hollow Earth Society

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Aureliano Tempera

Un po' al di qua e un po' al di là del limite

Postcardsfromhobbsend

Film reviews as you know them only much....much worse

Life target

exploring the right target of life

INDEPENDENT SANA

Positivity and motivation.

Coisas da SIL

Escrevo o que percebo e sinto ao meu redor./ write what I perceive and feel around me.

Mwendia's Blog

Living is balancing good and bad.

Kiran ✨

Reading And Writing is the best Investment of Time ✨ ( Motivational Thoughts) "LIFE IS A JOURNEY"

CarloTomeo Teatro e Teatro

Comunicati stampa e Recensioni Teatrali

Diario di bordo

Poi riflettei che ogni cosa, a ognuno, accade precisamente, precisamente ora. Secoli e secoli, e solo nel presente accadono i fatti; innumerevoli uomini nell’aria, sulla terra e sul mare, e tutto ciò che realmente accade, accade a me.

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Narsulante

"Tutto è uno e accade ora"

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: