Aneddoti e curiosità del lunedì: Al Pacino

Insieme a Robert De Niro, l’attore che meglio incarna la storia di Hollywood del XX secolo è Al Pacino, altro italo-americano, che nel corso della sua lunga carriera ha avuto il privilegio di recitare in tantissimi film cult. Anche lui dal carattere non facile, introverso e riservato sulla sua vita privata, salvo rivelare poi dettagli della sua giovinezza a dir poco imbarazzanti.

In America la maggior parte degli Italiani, in realtà, lo è solo per metà. Lui invece è Italiano al 100%: siciliano ma con un po’ di sangue napoletano. Se i nonni paterni, infatti, provengono da San Fratello (Messina), quelli materni sono originari di Corleone. E il suo nome all’anagrafe è Alfredo James Pacino.

All’inizio della carriera considerò anche di cambiare il suo nome, per evitare di essere pregiudicato per le sue origini italiane; non era attratto dal cinema, ma sognava di diventare un giocatore di baseball e non era particolarmente portato per lo studio: fu bocciato più volte, finché, all’età di diciassette anni, decise di interrompere definitivamente il suo percorso scolastico, motivo per cui la madre lo cacciò di casa. Cresciuto nel Bronx, fu coinvolto in più di una rissa, e a scuola era considerato un poco di buono. Come ha affermato in diverse interviste, la sua più grande scuola fu la strada: svolse numerosi lavori, tra cui il facchino, il lustrascarpe e l’operaio. E ha raccontato che per sopravvivere, in gioventù, si è fatto mantenere da una donna più anziana, offrendo sesso per vitto e alloggio.

Ha iniziato la sua carriera come stand-up comedian: «Quando lo racconto nessuno mi crede» ha confessato. Ed è stato respinto dall’Actors Studio diverse volte prima di riuscire a entrare negli anni ‘60 grazie a Lee Strasberg, il suo maestro.

«Dopo il successo de Il padrino, mi offrivano qualunque ruolo, anche se non ero adatto.» Tra gli altri, gli avevano offerto persino il ruolo di Han Solo in Guerre Stellari. Tanti i ruoli da lui rifiutati: tra i personaggi iconici ci sono il protagonista di Taxi Driver, il personaggio di Kramer contro Kramer grazie a cui Dustin Hoffman vinse il suo primo Oscar, ma anche il miliardario di Pretty Woman e il poliziotto di Die Hard, che lanciò Bruce Willis. Il rifiuto di cui si è pentito maggiormente? Quello a Bryan Singer per I soliti sospetti, cui ha dovuto rinunciare perché stava girando Heat – La sfida.

A proposito de Il padrino, la produzione aveva proposto volti più noti, come Jack Nicholson o Dustin Hoffman: nessuno voleva l’allora semi sconosciuto Al nei panni di Michael Corleone. Nessuno tranne Francis Ford Coppola che, dopo averlo visto a teatro, lottò per scritturarlo fino quasi ad essere licenziato. E Pacino, che aveva paura di non essere all’altezza del ruolo, ha raccontato che a metà riprese stava quasi per essere cacciato perché a quel tempo i dirigenti della Paramount avevano visto soltanto le sue prime scene girate al matrimonio, in cui non faceva nulla di rilevante. Solo quando è arrivata la scena dell’omicidio nel ristorante, hanno cambiato idea su di lui. Poi, però, Pacino boicottò la cerimonia degli Oscar, offeso per essere stato nominato come attore non protagonista, affermando di avere più tempo sullo schermo del co-protagonista Marlon Brando.

Se per il primo lungometraggio l’attore ebbe lo stesso compenso di Robert Duvall, Diane Keaton e James Caan, e cioè 35.000 dollari, con il secondo capitolo la cifra lievitò a 600.000 più il 10% sugli incassi. Per l’ultima parte della trilogia, Pacino provò a contrattare tra i cinque e i sette milioni, ma Coppola per tutta risposta lo minacciò di aprire il film con il funerale del suo personaggio.

Nel secondo capitolo del Padrino, recitarono sia Pacino che De Niro, ma senza condividere alcuna scena. La prima volta insieme fu nel film Heat-La sfida, del 1995, il thriller di Michael Mann in cui De Niro interpreta un rapinatore che decide di organizzare un ultimo grande colpo, e Pacino il poliziotto che gli dà la caccia. Si racconta che prima del faccia a faccia nel ristorante gli attori non fecero nemmeno una prova, per rendere più credibile l’estraneità tra i protagonisti. Il risultato fu epico.

Nonostante sia stato nominato otto volte dall’Academy, ha vinto un solo Oscar, per il film Scent of a woman.

FONTI: Rollingstone.it – inchiostro.unipv.it – noidegli8090.com – ciakmagazine.it

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

14 pensieri riguardo “Aneddoti e curiosità del lunedì: Al Pacino”

  1. a me lui piace molto e ho visto direi quasi tutti i suoi film, lo trovo sempre sul pezzo e anche con quel pizzico di ironia che lo rende grande. forse doveva ricevere più oscar ma si sa che non sempre i premi vanno a chi se li merita! grazie per questa carrellata!! ciaoooooo

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: