Keir Dullea, figlio delle stelle

Alto, snello, affascinante e dall’aspetto fanciullesco, caratterizzato da due splendidi occhi azzurri, che sanno essere innocenti o inquietanti a seconda dei ruoli, ha dato una svolta decisiva alla sua carriera, che lo ha fatto entrare nella leggenda, quando Stanley Kubrick l’ha scelto come protagonista della sua Odissea nello spazio.

Keir Atwood Dullea, nasce a Cleveland, in Ohio, il 30 maggio 1936, e cresce nel Greenwich Village di New York, dove i genitori avevano una libreria.  Debutta nel 1960 nel film per la televisione La signora Miniver, nel quale interpreta il ruolo di un pilota tedesco. Arriva al cinema l’anno dopo con Le canaglie dormono in pace, dove interpreta un disadattato, membro di una gang. I ruoli da lui ricoperti, da allora in poi, sembrano avere tutti problemi emotivi e la sua apparente versatilità, in così giovane età, lo porta a una serie di altri ritratti di personaggi psicologicamente poco equilibrati.

Spesso si trova a interpretare uomini più giovani di quanto non fosse in realtà, come l’adolescente innamorato di David e Lisa, del 1962, quando aveva già 26 anni. La sua interpretazione di questo ragazzo mentalmente disturbato gli vale il Golden Globe come miglior attore esordiente.  Nel 1964, nel dramma bellico La sottile linea rossa, interpreta un soldato sconvolto dalla guerra che viene spinto sull’orlo dell’omicidio da un brutale sergente.

L’anno dopo, in Bunny Lake è scomparsa, Dullea interpreta un giovane problematico, morbosamente attaccato alla sorella. Nel 1966 si fa notare anche in Madame X, accanto a Lana Turner e l’anno dopo recita nel ruolo del misterioso intruso che si insinua tra due donne, nel film La volpe, rivoluzionario esempio di storia d’amore lesbico.

L’apice della sua carriera cinematografica, tuttavia, è arrivato nel 1968, con il suo ruolo da protagonista nell’epico film di fantascienza di Stanley Kubrick, nei panni dell’astronauta Dr. David Bowman. A proposito dell’esperienza con Kubrick, l’attore ha raccontato che il regista era molto riservato riguardo il finale del suo film, e non aveva confidato neppure a loro quali fossero le sue intenzioni, per timore che qualcosa trapelasse. Dullea riprenderà lo stesso ruolo nel 1984, nel sequel del film, 2010: L’anno del contatto, diretto da Peter Hyams. In seguito difficilmente riuscirà a replicare un tale successo, almeno al cinema.

Si fa notare ancora nei panni del marchese De Sade, nel film omonimo, del 1969, e poi è accanto a Stefania Sandrelli nel thriller italiano Il diavolo nel cervello, nel 1972. Interpreta successivamente l’horror Un Natale rosso sangue, nel 1974, e tre anni dopo Demonio dalla faccia d’angelo, ma gli vengono dati ruoli sempre meno importanti.
Nonostante ciò, avrà una lunga carriera come attore teatrale, sui palcoscenici di New York. Nel 1983 fonda il Theater Artists Workshop of Westport.

Appare sul piccolo schermo nella miniserie Il mondo nuovo (1980), dal celebre romanzo distopico di Aldous Huxley, in cui interpreta il ruolo del padre del selvaggio John. Nel nuovo millennio, Keir è apparso in diversi film, tra cui l’avventura fantascientifica Cacciatore di alieni (2003), The Good Shepherd- L’ombra del potere (2006), insieme a Matt Damon e Angelina Jolie, per la regia di Robert De Niro; la commedia romantica Un marito di troppo (2008) con Uma Thurman, e il toccante dramma sociale con Mark Ruffalo Teneramente folle (2014).

Nel 2012, con notevole autoironia, ha doppiato un corto di fantascienza, HENRi, in cui dà la voce al computer di un’astronave, alla deriva nello spazio, che acquista gradualmente la consapevolezza di esistere. In quell’occasione l’attore ha commentato dicendo che in fondo HENRi era una versione sana di HAL.
In televisione ha partecipato a serial popolari come Law & Order, Castle e Damages ed è stato visto nel ruolo ricorrente del leader di un culto religioso, nell’affascinante serie The Path del 2016.

The Path (2016)

Si è sposato quattro volte: dal 1960 al 1968 con l’attrice Margot Bennett; nel 1969 con Susan Schloss Lessans; nel 1972 con Susan P. Fuller, con cui è rimasto fino alla morte di lei, nel 1998; dal 1999 è sposato con l’attrice Mia Dillon.

«La mia carriera ha molto a che fare con le scelte che ho fatto nella mia vita. Ho scelto il teatro e seguo i miei progetti: non vivo più la mia vita aspettando che il mio telefono squilli per poter lavorare»

FONTI: imdb – film.it – notiziecinema

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

14 pensieri riguardo “Keir Dullea, figlio delle stelle”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: