Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Bob Hoskins, un piccolo grandissimo attore

Robert William Hoskins nasce a Bury St Edmunds, nel regno Unito, il 26 ottobre 1942: sua madre, una gitana, abitava a Londra, ma per via dei bombardamenti che colpirono la città fu costretta a evacuare nel Suffolk, dove partorì.
Da giovane, dopo l’istruzione obbligatoria, fece un po’ di tutto, dall’aiuto pompiere al mangiatore di fuoco in un circo, dallo spazzacamino al raccoglitore di frutta in un kibbutz, fino al marinaio su un mercantile norvegese, vivendo in pratica di espedienti. Poi la passione per la recitazione esplose in lui, spingendolo a frequentare la Central School of Speech and Drama di Londra che, alla fine del traguardo scolastico, lo fece entrare di diritto nelle compagnie del Royal National Theatre e dell’Old Vic Theatre di Londra, portando sulle scene Shakespeare, Čechov e Shaw.

Entrato nel cinema fin dai primi anni ‘70, il primo ruolo di una certa importanza lo riveste nel film indipendente Il pornografo, nel 1974, ma si è rivelato al pubblico inglese nel ruolo del piccolo gangster di Quel lungo venerdì santo, del 1979. In questa interpretazione emerge quella che sarà una tipica caratteristica della sua recitazione: traspare sempre un senso di violenza repressa che sembra portare il personaggio sul punto di esplodere. A partire da questo momento, i registi se lo contendono.

Gli anni ‘80 sono un periodo d’oro per Hoskins che si trova nel cast di Cotton Club, nel 1984, Brazil, l’anno seguente, e Sweet Liberty, nel 1986. Ma gran parte del suo successo la dovrà alla pellicola Mona Lisa, del 1986, in cui interpreterà un candido ex galeotto, autista di una prostituta di lusso. Il ruolo gli farà vincere la Palma d’Oro al Festival di Cannes, il BAFTA e il Golden Globe, oltre a una meritata nomination all’Oscar, sempre nella stessa categoria: miglior attore protagonista.

Preoccupato di cadere nello stereotipo del piccolo malavitoso di umili origini, ha cercato ruoli in grado di esaltare la sua versatilità: dall’emigrante irlandese di La segreta passione di Judith Hearne, del 1987, al prete cattolico di Una preghiera per morire, dello stesso anno, fino al poliziotto con il cuore di un avvocato nero in Un fantasma per amico, nel 1990. Avrebbe dovuto interpretare Al Capone ne Gli intoccabili, ma De Niro accettò il ruolo con entusiasmo e Hoskins si consolò, nel 1988, con il film che lo ha celebrato definitivamente, Chi ha incastrato Roger Rabbit?, dove interpreta un detective implicato in un mistero molto più grande e oscuro di quanto immaginasse. Un cult-capolavoro che gli portò la nomination ai Golden Globe.

Successivamente si è fatto notare in alcuni ruoli secondari come in Sirene, nel 1990, accanto a Cher, e in alcune grandi produzioni hollywoodiane come Hook ‒ Capitan Uncino di Spielberg, nel 1991, e Super Mario bros. nel 1993, interpretando un ruolo che sembrava disegnato su di lui. È tornato poi a imporsi all’attenzione del pubblico e della critica con il magistrale ritratto del grassoccio e timido serial killer de Il viaggio di Felicia, di Atom Egoyan, del 1999.

Nel 2001 interpreta Il nemico alle porte, di Jean-Jacques Annaud e l’anno successivo è nel cast della commedia Un amore a cinque stelle. Nel 2003 viene in Italia per recitare nella fiction Il papa buono di Ricky Tognazzi, in cui interpreta Papa Roncalli.  Negli ultimi anni ha partecipato a produzioni più o meno fortunate tra cui La fiera della vanità, nel 2004, Danny the dog e The Mask 2, nel 2005, Doomsday, nel 2008, A Christmas Carol, di Zemeckis, nel 2009, fino a We want sex, del 2010.  

Con la stessa disinvoltura è capace di calarsi nei panni di Dotto, uno dei sette nani della fiaba dark Biancaneve e il cacciatore, nel 2012, la sua ultima apparizione sul grande schermo. Nell’agosto 2012 arriva l’annuncio del ritiro dalle scene: affetto dal morbo di Parkinson, Hoskins va in pensione con una brillante carriera alle spalle. Si spegnerà il 29 aprile 2014, a 71 anni, a causa di una polmonite.
Due mogli e quattro figli: aveva sposato la prima moglie Jane Livesey, nel 1967, da cui ha avuto Alex e Sarah; divorziato nel 1978, si era risposato con Linda Banwell nel 1982, che gli ha dato altri due figli, Rosa e Jack, e gli è rimasta accanto fino alla fine.

«Ciò che facciamo non definisce chi siamo. Quello che davvero ci definisce è come ci rialziamo dopo un fallimento»

FONTI: Enciclopedia del cinema, Treccani – mymovies – cinematografo.it

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

15 pensieri riguardo “Bob Hoskins, un piccolo grandissimo attore”

  1. cavolo, in Italia non mi sembra ci siano scuole così prestigiose da farti ammettere subito in importanti compagnie teatrali!
    ora che leggo la filmografia devo averlo visto o sentito dire in molti più ruoli di quanto non pensassi; so che il suo Super Mario ha floppato malissimo ma Chi ha incastrato Roger Rabbit è un cult :=)

    Piace a 1 persona

    1. Non mi intendo molto di scuole di recitazione, ma so che parecchi attori italiani sono usciti dal laboratorio di Gigi Proietti. Non credo che sia una questione di prestigio, credo che se hai l’insegnante giusto e il talento, ti possono capitare le occasioni.

      "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , ♥ Diciassettesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: