Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

9 settimane e ½ (1986)

Un film che ha fatto epoca e che ora fa sorridere. Ora che abbiamo scoperto le cinquanta sfumature di grigio, quei due giovani amanti un po’ folli che si baciavano sotto la pioggia per le vie di New York, ci fanno tenerezza. Ma allora, quando il film uscì, fece scandalo e solleticò le pruriginose fantasie di milioni di spettatori. Una specie di ultimo tango in versione patinata, perché vi comparivano scene di sesso quasi esplicito, che qualcuno si è preso la briga di calcolare in ben 15 minuti totali, su quasi due ore di film.

Già questo rende l’idea di come la pellicola sia stata in realtà una enorme montatura pubblicitaria, costruita a tavolino contando su due attori (allora) molto sensuali ed esteticamente più che apprezzabili, un regista con un occhio particolarmente tagliato per l’erotismo (è lo stesso di Attrazione fatale e Proposta indecente), una fotografia splendida e un’ottima colonna sonora.

La trama si riassume in poche parole, anche se si sviluppa in quasi due ore di incontri e scontri, tenerezze da adolescenti e amplessi furiosi: John ed Elizabeth si incontrano per caso, si piacciono a pelle, e si impegnano in una relazione che diventa ben presto morbosa, caratterizzata da una dinamica di esclusività, per cui i due si annullano l’uno nell’altro, e tutto il resto, lavoro e affetti, perde per loro ogni valore. Per tutto il film si sbizzarriscono in svariate acrobazie erotiche, fantasiosamente proposte da lui e subite volentieri da lei, fin quando lei crede di essersi innamorata, lui crede di averla conquistata, invece tornano ad essere due perfetti sconosciuti, inghiottiti nella folla della metropoli, sconfitti da un gioco pericoloso che è andato troppo oltre.

Un film ad altissima carica erotica, ma anche elegante, patinato, sensuale ma senza mai cadere nella volgarità, come succede invece nel più recente 50 sfumature di grigio, dove le scene di sesso sono selvagge e violente. In 9 settimane e ½ non c’è mai violenza fisica, tutt’al più una sudditanza psicologica ed emotiva che determinerà la fine della relazione e il ritorno alla normalità per entrambi.

E se il film vi è sembrato sconcertante o addirittura sconvolgente, sappiate che il regista tagliò numerosissime scene, perché riteneva che il pubblico non fosse pronto. Tra le scene tagliate, una in cui compare della droga, il reciproco patto suicida tra i due e la scena finale in cui risulta evidente il crollo psichico ed emotivo della protagonista, al termine della lunga agonia a cui il partner la sottopone.

La scelta degli attori non fu casuale: entrambi emergenti e poco conosciuti, lei una bellezza sensuale ma non volgare, impreziosita da una freschezza quasi adolescenziale, lui intrigante e dallo sguardo ambiguo, seducente più che bello, dotato di un fascino perverso e dominante che non ispira ribellione, ma sottomissione.

Il regista fece in modo di tenere i due protagonisti separati fino all’inizio delle riprese, in modo che fossero due perfetti sconosciuti anche nella realtà, e durante la lavorazione del film cercò di evitare il più possibile i contatti tra di loro al di fuori del set, vietando di comunicare o socializzare in qualsiasi modo. Inoltre i copioni venivano consegnati all’ultimo momento, in modo che i due attori venissero a conoscenza delle scene da girare solo poco prima delle riprese. Certamente anche questi accorgimenti contribuirono ad aumentare la tensione erotica, e non solo, tra la Basinger e Rourke. Lei, in particolare, ricorda l’esperienza come imbarazzante e non molto piacevole, per certi versi traumatica, soprattutto per una certa sgradevolezza di modi del partner, pare molto rozzo nei rapporti interpersonali, e poco delicato nelle scene di sesso.

Nonostante tutti questi accorgimenti, il film fu un flop in America e censurato in molti paesi, ricevette ben 3 candidature ai Razzie Awards, tra cui quella per la peggior attrice a Kim Basinger. Ottenne invece un insperato successo a livello mondiale, soprattutto in home video. In Italia è stato vietato ai 14 anni al cinema e trasmesso in televisione in versione opportunamente tagliata per la prima serata.

A distanza di 34 anni il film ha ancora un suo fascino, è sicuramente un film intrigante, che si lascia guardare, ma ha perso quasi del tutto la sua connotazione scandalosa di fronte a un pubblico ormai troppo smaliziato. I tempi sono cambiati.

Cosa resta di questo cult che ha fatto sognare un’intera generazione? È entrato nella leggenda il cubetto di ghiaccio che scivola malizioso sulla pelle di lei, e rimarrà per sempre nell’immaginario collettivo la sequenza dello spogliarello di Kim in contro luce, sulle note di Joe Cocker.

Dei due protagonisti resta il pallido ricordo di quello che erano, affogato in un mare di silicone che ne ha irrigidito i lineamenti.
E anche questo è il segno che i tempi sono cambiati.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

35 pensieri riguardo “9 settimane e ½ (1986)”

  1. Pensando ai film come questo, mi chiedo come faccia l’attore maschile a fingere soltanto (d’altronde, si tratta di recitazione) senza avere una eccitazione fisica, che sarebbe molto naturale.
    Beve una tazza di bromuro un’ora prima?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , ♥ Diciassettesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: