Cape Fear (1991)

Come promesso, riparliamo del romanzo The executioners di John MacDonald, nella sua seconda trasposizione cinematografica, dopo Il promontorio della paura (1962). La trama rimane sostanzialmente invariata, anche se con qualche differenza di non poca rilevanza.

Max Cady, il terribile protagonista, è un ex detenuto che dopo aver passato 14 anni in penitenziario è deciso a vendicarsi nei confronti dell’avvocato, colpevole della sua condanna. Si scopre infatti che l’avvocato Bowden, che aveva assunto la sua difesa, in realtà aveva nascosto una prova importante che ne avrebbe determinato l’assoluzione, riuscendo così a perdere volontariamente la causa. Lo aveva fatto per evitare di mettere in libertà un individuo a dir poco pericoloso per la società, ma facendolo, aveva violato tutti i doveri etici e legali di un difensore nei confronti del proprio cliente.

E fin qui abbiamo già due differenze rispetto al film originale: intanto gli anni scontati da Cady sono 14 invece di 8, e questo non può che rendere l’ex galeotto ancora più incattivito e desideroso di vendetta. Inoltre l’avvocato Bowden, che nell’originale era stato un testimone a carico nel processo contro Cady, qui invece è il legale che lo aveva difeso, e ne aveva determinato la condanna con la propria decisiva negligenza.

In sostanza, mentre nell’originale Cady se la prendeva ingiustamente con un testimone che lo aveva fatto condannare, dicendo la verità, nel remake Max Cady, pur essendo indiscutibilmente un personaggio negativo, ha in qualche modo ragione, e cerca vendetta per un’ingiustizia effettivamente subita, il che gli attira, sia pur brevemente, le simpatie dello spettatore. Bowden è contravvenuto all’etica professionale di tutela del cliente: dal suo discutibile punto di vista Cady ha legalmente ragione.

La differenza tra i due film si gioca soprattutto nella scelta degli interpreti. Il Cady di Mitchum era impregnato di quel fascino del male che ha contraddistinto tanti miti del cinema classico, fatto di gesti e sguardi che davano i brividi, sottolineati da una lentezza a volte esasperante, che era già in sé attesa del peggio, e spaventava ancor più nella minaccia che nella realizzazione.

Il Cady di De Niro è un ammasso di muscoli e tatuaggi, che intimorisce certo, spaventa e disgusta, ma lo fa in modo grossolano, con effetti facili e volgari. Mentre Mitchum aveva lavorato sulle sfumature del suo personaggio, De Niro si abbandona ad una più semplice interpretazione violenta e selvaggia.

Bisogna anche tenere conto della censura che all’epoca del primo film ne aveva fortemente condizionato la trama, eliminando tutti i richiami di natura sessuale, presenti nel romanzo di MacDonald. Mitchum aveva quindi dovuto trattenere il proprio personaggio, misurandone smanie e atteggiamenti, mentre De Niro può rappresentare la violenza di Cady in tutti i suoi aspetti più esplicitamente sensuali e brutali.

E qui veniamo ad altre rilevanti differenze rispetto al film del ’62. Mentre la famigliola di Peck era una perfetta famiglia della medio borghesia americana, di cui lui era l’orgoglioso capofamiglia, onesto, saggio e virtuoso al limite dell’inverosimile, la famiglia Bowden del remake di Scorsese è altamente disfunzionale, con una moglie viziata e annoiata e una figlia che non sopporta i genitori e odia i loro continui litigi.

Jessica Lange interpreta tutta la sensualità di questa moglie moderna e indipendente, ben lontana dalla figura femminile tipica degli anni ’60, mentre la vera rivelazione del film è una bravissima e sensualissima Juliette Lewis, che rappresenta tutta la malizia di una moderna adolescente in cerca di guai. Esemplare la scena in cui Cady avvicina la ragazza, fingendosi un insegnante e seducendola in modo inquietante.

Sia la figlia che la moglie di Bowden subiscono il fascino perverso di Cady, frantumandosi tra attrazione e repulsione. Altro episodio che nell’originale non c’era, è lo stupro dell’amante di Bowden, la sua giovane assistente legale, interpretata da una più che convincente Ileana Douglas. Con esso si delinea non solo la personalità deviata e violenta di Cady, ma anche quella di Bowden, che non è solo sleale come avvocato, ma anche come marito, e si rivela quindi un uomo bugiardo e infedele.

In questo senso Nick Nolte dà corpo e volto all’ambiguo personaggio di Scorsese, che si allontana decisamente dalla figura del classico americano medio interpretato da Peck. Mentre quest’ultimo era un eroe ingiustamente perseguitato dal violento ex galeotto, Nolte è sì una vittima, ma molto meno innocente, e dalla coscienza tutt’altro che pulita.

Per il resto il film si snoda, come l’originale, in un crescendo di tensione e violenza, molto più fisica che psicologica, che culmina nel duello finale a Cape Fear, dove il cattivo soccombe in maniera truculenta, ben lontana dalla fine che aveva fatto il suo omologo, che nel film originale veniva consegnato alla giustizia per pagare il fio delle sue colpe. Si può dire in fondo che Cady, pur perdendo, vince, essendo riuscito a smascherare tutta l’ipocrisia e la fragilità di rapporti dei suoi avversari.

Da segnalare che i due grandi protagonisti del primo film, Mitchum e Peck, compaiono anche nel remake in due deliziosi cameo. Invecchiati, ma sempre in gran forma, hanno modo di mostrare tutto il loro intramontabile fascino.

Nel complesso il film di Scorsese è certamente di gusto molto più moderno e innovativo rispetto al classico di Thompson, e forse riesce anche a rispecchiare maggiormente lo spirito del romanzo d’ispirazione, soprattutto grazie alle libertà espressive che la nuova Hollywood concede ampiamente ai cineasti. Sicuramente è anche migliore l’approfondimento dei personaggi di contorno, moglie e figlia di Bowden su tutti, che nell’originale rimanevano decisamente in secondo piano.

In realtà i due film sono troppo segnati dalla differenza dei tempi per essere seriamente confrontati, divisi dal gusto di un’epoca ormai passata e dal desiderio di sperimentazione di Scorsese. Tuttavia il fascino del bianco e nero con le sue atmosfere noir, dal taglio Hitchcockiano nel montaggio e nelle scenografie, per quanto mi riguarda vince decisamente sulla violenza pulp che prende di sorpresa lo spettatore, togliendo però il gusto di una suspense sapientemente dosata. 

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

23 pensieri riguardo “Cape Fear (1991)”

  1. Stuzzicato dal tuo precedente post, finalmente dopo anni di tentennamenti ho iniziato a leggere il romanzo di MacDonald. Sono all’inizio ma è già di uno stile diverso da entrambi i film, anche se più simile al primo. Malgrado sia pelato, Max Cady non posso pensarlo se non con gli occhi crudeli di Mitchum da cui traspare la violenza controllata, malgrado l’attore risultasse comunque più “pulito” rispetto al volgare ex galeotto rozzo del romanzo.
    Ora che hai fatto il confronto fra i due film, dovresti proprio completare l’opera vedendoti “Fatal Instinct” (1993), una commedia a cui sono molto legato e che all’epoca fuse in modo geniale vari successi al botteghino: “Basic Instinct”, “A letto col nemico” con la giovane Julia Roberts e “Il promontorio della paura”. Ti assicuro che James Remar nei panni di Max Cady è assolutamente perfetto ^_^

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Covid, vaccini e green pass. Le verità nascoste

Tutto quello che Governo, Regioni e media vi nascondono sul Covid, vaccini e green pass

Mădălina lu' Cafanu

stay calm within the chaos

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

Paola Pioletti

Ognuno ha la sua cantina d'anima

Mila Detti

"Antes y después el mundo se ha hecho pedazos y hay que nombrarlo de nuevo, dedo por dedo, labio por labio, sombra por sombra." Julio Cortazar.

Luca Maranò Attore

E' bello vedere qualcuno che mi esalta, soprattutto quando recito, perché riesco ad essere me stesso e a dare il meglio di me. Forse non lo sarà per tutti, ma la vera risposta la potranno trovare solo in Dio. Quello che sono capace di fare oggi, è ciò che sono riuscito a costruire e solo grazie al mio Signore Gesù. Se lui mi ha messo al mondo e ha voluto che diventassi suo figlio posso soltanto essere grato a lui di ciò che mi ha donato. So benissimo da dove viene il mio talento, da Dio. E io non voglio recitare soltanto per diventare famoso. Ma per essere un giorno il testimone di Cristo che è morto sulla croce per i nostri peccati. Se c'è un posto in paradiso è grazie a lui che ci aspetta. Questa consapevolezza un giorno vale più di vincere un Oscar.

La Custode della Luna

Segreti e misteri di una strega "lunatica"

uncucchiainodizucchero

consigli di cucina

Sorridi, sii grato e AMA!

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.”

Beautyblog

Instagram @marymignucci

When The Soul Writes

A Place For Readers

Ottavanota

Viaggio alla scoperta delle canzoni

Progresif rock

Rock müziğin temelidir.

ZahraAli

Iraqi news

Penjiri

Where Pen Meets Jiri

Geo Franz

Après moi, le déluge.

Poet The Mirror

Poetry My Religion

IL BLOG DELLO SCRITTORE

Un blog che parla di emozioni e moti dell’animo umano

Costa de Souza

Caricatura | Ilustração

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

Moments of my life

We are different

Yard Sale of Thoughts

Treasured poetry and bargain prose await all who enter here.

Lividi e Musica

La buona musica fa male

Emanuele Cazzaniga

Qualche foto, niente di più...

È pizza 🍕

Pizza & hinterland....

YOUNGREBEL

Blog about life, positivity, selfcare, food and beauty.

LE MONDE DE SOLÈNE

"Si tu ne vas pas dans les bois, jamais rien n'arrivera, jamais ta vie ne commencera, va dans les bois, va."

KAGO WA KIMANI

Tears Of The Pen

SaphilopeS

ne güzel blues, ne güzel karanlık

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

Preghiamo così!

preghiera, amore, speranza, religione

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Nemesys

Il mio modo di esserci

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

HysterEg.com

HYSTER TEAM

Ontologia,Psicoanalisi,Logica.

Logica, filosofia della scienza.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: