Cape Fear (1991)

Come promesso, riparliamo del romanzo The executioners di John MacDonald, nella sua seconda trasposizione cinematografica, dopo Il promontorio della paura (1962). La trama rimane sostanzialmente invariata, anche se con qualche differenza di non poca rilevanza.

Max Cady, il terribile protagonista, è un ex detenuto che dopo aver passato 14 anni in penitenziario è deciso a vendicarsi nei confronti dell’avvocato, colpevole della sua condanna. Si scopre infatti che l’avvocato Bowden, che aveva assunto la sua difesa, in realtà aveva nascosto una prova importante che ne avrebbe determinato l’assoluzione, riuscendo così a perdere volontariamente la causa. Lo aveva fatto per evitare di mettere in libertà un individuo a dir poco pericoloso per la società, ma facendolo, aveva violato tutti i doveri etici e legali di un difensore nei confronti del proprio cliente.

E fin qui abbiamo già due differenze rispetto al film originale: intanto gli anni scontati da Cady sono 14 invece di 8, e questo non può che rendere l’ex galeotto ancora più incattivito e desideroso di vendetta. Inoltre l’avvocato Bowden, che nell’originale era stato un testimone a carico nel processo contro Cady, qui invece è il legale che lo aveva difeso, e ne aveva determinato la condanna con la propria decisiva negligenza.

In sostanza, mentre nell’originale Cady se la prendeva ingiustamente con un testimone che lo aveva fatto condannare, dicendo la verità, nel remake Max Cady, pur essendo indiscutibilmente un personaggio negativo, ha in qualche modo ragione, e cerca vendetta per un’ingiustizia effettivamente subita, il che gli attira, sia pur brevemente, le simpatie dello spettatore. Bowden è contravvenuto all’etica professionale di tutela del cliente: dal suo discutibile punto di vista Cady ha legalmente ragione.

La differenza tra i due film si gioca soprattutto nella scelta degli interpreti. Il Cady di Mitchum era impregnato di quel fascino del male che ha contraddistinto tanti miti del cinema classico, fatto di gesti e sguardi che davano i brividi, sottolineati da una lentezza a volte esasperante, che era già in sé attesa del peggio, e spaventava ancor più nella minaccia che nella realizzazione.

Il Cady di De Niro è un ammasso di muscoli e tatuaggi, che intimorisce certo, spaventa e disgusta, ma lo fa in modo grossolano, con effetti facili e volgari. Mentre Mitchum aveva lavorato sulle sfumature del suo personaggio, De Niro si abbandona ad una più semplice interpretazione violenta e selvaggia.

Bisogna anche tenere conto della censura che all’epoca del primo film ne aveva fortemente condizionato la trama, eliminando tutti i richiami di natura sessuale, presenti nel romanzo di MacDonald. Mitchum aveva quindi dovuto trattenere il proprio personaggio, misurandone smanie e atteggiamenti, mentre De Niro può rappresentare la violenza di Cady in tutti i suoi aspetti più esplicitamente sensuali e brutali.

E qui veniamo ad altre rilevanti differenze rispetto al film del ’62. Mentre la famigliola di Peck era una perfetta famiglia della medio borghesia americana, di cui lui era l’orgoglioso capofamiglia, onesto, saggio e virtuoso al limite dell’inverosimile, la famiglia Bowden del remake di Scorsese è altamente disfunzionale, con una moglie viziata e annoiata e una figlia che non sopporta i genitori e odia i loro continui litigi.

Jessica Lange interpreta tutta la sensualità di questa moglie moderna e indipendente, ben lontana dalla figura femminile tipica degli anni ’60, mentre la vera rivelazione del film è una bravissima e sensualissima Juliette Lewis, che rappresenta tutta la malizia di una moderna adolescente in cerca di guai. Esemplare la scena in cui Cady avvicina la ragazza, fingendosi un insegnante e seducendola in modo inquietante.

Sia la figlia che la moglie di Bowden subiscono il fascino perverso di Cady, frantumandosi tra attrazione e repulsione. Altro episodio che nell’originale non c’era, è lo stupro dell’amante di Bowden, la sua giovane assistente legale, interpretata da una più che convincente Ileana Douglas. Con esso si delinea non solo la personalità deviata e violenta di Cady, ma anche quella di Bowden, che non è solo sleale come avvocato, ma anche come marito, e si rivela quindi un uomo bugiardo e infedele.

In questo senso Nick Nolte dà corpo e volto all’ambiguo personaggio di Scorsese, che si allontana decisamente dalla figura del classico americano medio interpretato da Peck. Mentre quest’ultimo era un eroe ingiustamente perseguitato dal violento ex galeotto, Nolte è sì una vittima, ma molto meno innocente, e dalla coscienza tutt’altro che pulita.

Per il resto il film si snoda, come l’originale, in un crescendo di tensione e violenza, molto più fisica che psicologica, che culmina nel duello finale a Cape Fear, dove il cattivo soccombe in maniera truculenta, ben lontana dalla fine che aveva fatto il suo omologo, che nel film originale veniva consegnato alla giustizia per pagare il fio delle sue colpe. Si può dire in fondo che Cady, pur perdendo, vince, essendo riuscito a smascherare tutta l’ipocrisia e la fragilità di rapporti dei suoi avversari.

Da segnalare che i due grandi protagonisti del primo film, Mitchum e Peck, compaiono anche nel remake in due deliziosi cameo. Invecchiati, ma sempre in gran forma, hanno modo di mostrare tutto il loro intramontabile fascino.

Nel complesso il film di Scorsese è certamente di gusto molto più moderno e innovativo rispetto al classico di Thompson, e forse riesce anche a rispecchiare maggiormente lo spirito del romanzo d’ispirazione, soprattutto grazie alle libertà espressive che la nuova Hollywood concede ampiamente ai cineasti. Sicuramente è anche migliore l’approfondimento dei personaggi di contorno, moglie e figlia di Bowden su tutti, che nell’originale rimanevano decisamente in secondo piano.

In realtà i due film sono troppo segnati dalla differenza dei tempi per essere seriamente confrontati, divisi dal gusto di un’epoca ormai passata e dal desiderio di sperimentazione di Scorsese. Tuttavia il fascino del bianco e nero con le sue atmosfere noir, dal taglio Hitchcockiano nel montaggio e nelle scenografie, per quanto mi riguarda vince decisamente sulla violenza pulp che prende di sorpresa lo spettatore, togliendo però il gusto di una suspense sapientemente dosata. 

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

23 pensieri riguardo “Cape Fear (1991)”

  1. Stuzzicato dal tuo precedente post, finalmente dopo anni di tentennamenti ho iniziato a leggere il romanzo di MacDonald. Sono all’inizio ma è già di uno stile diverso da entrambi i film, anche se più simile al primo. Malgrado sia pelato, Max Cady non posso pensarlo se non con gli occhi crudeli di Mitchum da cui traspare la violenza controllata, malgrado l’attore risultasse comunque più “pulito” rispetto al volgare ex galeotto rozzo del romanzo.
    Ora che hai fatto il confronto fra i due film, dovresti proprio completare l’opera vedendoti “Fatal Instinct” (1993), una commedia a cui sono molto legato e che all’epoca fuse in modo geniale vari successi al botteghino: “Basic Instinct”, “A letto col nemico” con la giovane Julia Roberts e “Il promontorio della paura”. Ti assicuro che James Remar nei panni di Max Cady è assolutamente perfetto ^_^

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Ammartaggio

Consigli di lettura non richiesti ma simpatici

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

LOSPROJM

Losprojm is a creator of content, arts and videos.

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Il ballo dei Zanzoni

altri tempi, altre situazioni, altro modo di vedere

blog viaungarettidue

18-3-2022 ( testi e fotografie dell'autore)

Monica e lo Scrapbooking

Trovate tutorial e suggerimenti per creare con le vostre mani. Tutto sullo Scrapbooking.

Scienziati Matti

Alla ricerca del Bello nella Scienza

Make Yummy Recipes

En lezzetli yemek tariflerine buradan ulaşabilirsiniz.

Volevo fare

Volevo fare tante cose... Alla fine ho scelto di scrivere ciò che mi passa per la testa o che vedo nel mondo

Vita di Speranza

Vivere in Sardegna

Banter Republic

It's just banter

Law that attracted me!

My transition from outwardly rituals to internal mantra of sub conscious mind

Tauty World

Blog Blogging Story Magazine eBook Podcast

Le cose minime

Prendo le cose gravi alla leggera, e le cose piccole molto sul serio.

hindi cool blog2.com

hindi cool blog2.com

ATFK

𝖠𝗇𝗈𝗍𝗁𝖾𝗋 𝖶𝗈𝗋𝖽𝖯𝗋𝖾𝗌𝗌.𝖼𝗈𝗆 𝗌𝗂𝗍𝖾.

Fiorisce nel buio

Poesie, disegni, fotografie, racconti, pensieri ed altre amenità di Carlo Becattini. Tutti i diritti sono riservati.

Tiny Life

mostly photos

GOOD WORD for BAD WORLD

Residieren mit Familie, Job und einem Rattenschwanz

Patricia Furstenberg, Author

Travel through Books

Franaglia

Se ti senti sbagliato non è il posto giusto.

Comodamentesedute

un angolo confortevole dove potersi raccontare

Super Giulia

La felicità è nelle piccole cose che facciamo ogni giorno.

Letture che passione!

Il mio mondo sono i libri!

Driver Printers

Download Printer Drivers and Software

Rtistic

I speak my heart out.

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

BloodRose

Fear is just a limit.

Petali Azzurri!

*I Petali delle Rose...quando cadono...diventano Angeli Silenziosi.*

ARBIND KUMAR BLOG

arbindkumar475151597. wordpress.com

pflkwy

Blog sobre notícias e política com um viés de esquerda, onde os bravos nunca ousaram percorrer e que não espere deste o obsequioso silêncio dos covardes, amortecendo consciências, desarmando resistências que só no fátuo da retórica da ideia, da moral e da ética é que se venera seu oponente evitando a sedição!

介護士サウナーddのlife blog sauna is best

介護の仕事をする人、している人。また、サウナ情報を身につけたい、秋田のサウナを知りたいという方はぜひみてください!!

nginx99.wordpress.com/

Nginx99 design services

Mensensamenleving.me

Mensen maken de samenleving en nemen daarin een positie in. Deze website geeft toegang tot een diversiteit aan artikelen die gaan over 'samenleven', belicht vanuit verschillende perspectieven. De artikelen hebben gemeen dat er gezocht wordt naar wat 'mensen bindt, in plaats van wat hen scheidt'.

Printer Drivers

Download Driver Software

2010: Fuga da Polis

Perché a volte un blog non basta.(A noi ce lo sfoderate parecchio!)

JN通販

満足溢れる買い物を。

Akwafrigeria

Truth to Light

The Godly Chic Diaries

BY GRACE THROUGH FAITH

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: