Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Tony Curtis, a qualcuno piace simpatico

Il suo vero nome era Bernard Schwartz, di nazionalità statunitense ma di origini slovacco ungheresi, nato da genitori immigrati in USA negli anni ’20. Nasce a New York il 3 giugno 1925. Proveniente da un quartiere povero del Bronx, dopo aver studiato arte drammatica a New York, fece alcune esperienze in piccoli gruppi teatrali, poi a Broadway in ruoli secondari, fino a quando venne notato e ingaggiato da impresari della Universal. Fa il suo vero esordio, non accreditato, nel noir Doppio gioco del 1949, con una breve ma incisiva apparizione nel ruolo di un gigolò, e lascia tutti sbalorditi per la grande dimestichezza che offre davanti alle cineprese.

Atletico ed esuberante, faccia da bravo ragazzo, simpatico e di bella presenza, viene subito impiegato per film avventurosi in costume di carattere esotico. Il suo esordio da protagonista avviene nel 1952 ne Il figlio di Alì Babà di Kurt Neumann e l’anno successivo, accanto alla moglie Janet Leigh, interpreta Houdini nel film omonimo diretto da George Marshall.

Il mago Houdini (1953)

Attore eclettico, Curtis ha saputo avvalersi delle sue doti recitative interpretando ruoli sia drammatici che brillanti, e dimostrando che il suo valore professionale non era legato esclusivamente alla prestanza fisica. È stato interprete e protagonista di circa 130 film e la sua naturale simpatia gli ha permesso di conquistarsi un posto di prestigio nelle produzioni cinematografiche hollywoodiane degli anni Cinquanta e Sessanta.

Tra le pellicole drammatiche della sua ricca filmografia vanno ricordati il dramma Piombo rovente, del 1957, e soprattutto La parete di fango, dell’anno successivo, diretto da Stanley Kramer. In particolare questo film gli valse una nomination all’Oscar per il ruolo drammatico di un evaso violento e razzista, compagno forzato di Sidney Poitier in una fuga che li rende alleati.

Lo strangolatore di Boston (1968)

Seguì nel 1968 un thriller secco e incisivo, Lo strangolatore di Boston, basato su una storia realmente accaduta. Interpretando il ruolo complesso di un operaio schizofrenico che, in preda a raptus di follia, uccide una dozzina di donne, Curtis riuscì a rendere con grande efficacia l’inquietante comportamento del personaggio, delineando la contorta psicologia di un serial killer, e a mantenere elevata la tensione emotiva della vicenda.

A qualcuno piace caldo (1959)

A partire dalla fine degli anni ’50, Curtis si distinse invece in alcuni ruoli più leggeri, in cui sfoderò il suo talento brillante.  Fu dapprima un suonatore d’orchestra squattrinato e donnaiolo accanto a Jack Lemmon e Marilyn Monroe, in quello che viene unanimemente considerato un capolavoro del cinema brillante americano, A qualcuno piace caldo, di Billy Wilder. Dello stesso anno, il 1959, è l’irriverente commedia antimilitarista di Blake Edwards Operazione sottoveste, in cui Curtis affianca un maturo ma sempre affascinante Cary Grant, facendogli da spalla seguendo il suo stile brillante e scanzonato.

Quattro anni dopo è a fianco di Gregory Peck in Capitan Newman, un curioso dramma bellico con sfumature psicologiche, a cui Curtis aggiunge un tono leggero e ironico. Diretto nuovamente da Blake Edwards, nel 1965, gira La grande corsa, commedia incentrata su una corsa automobilistica che vide Curtis di nuovo al fianco di Jack Lemmon, questa volta come suo antagonista.

La grande corsa (1965)

Nell’ambito della produzione brillante vanno ricordati anche Chi era quella signora? e Il grande impostore, entrambi del 1960, e Ciao Charlie! di Vincente Minelli, del 1964. Il suo talento versatile, maturato attraverso una vasta gamma di esperienze recitative, portò Curtis ad accettare anche importanti ruoli in film in costume come Spartacus di Stanley Kubrick e I Vichinghi di Richard Fleischer, entrambi accanto a Kirk Douglas.

Sul finire degli anni sessanta, dirotta la sua professione in campo televisivo dove si presenta alla grande in coppia con Roger Moore nella serie Attenti a quei due e successivamente compare anche in C.S.I. – Scena del crimine. Negli ultimi anni della sua carriera Curtis si è trovato sempre più confinato in ruoli di caratterista: è apparso nell’ultimo film di Elia Kazan, Gli ultimi fuochi, del 1976, e poi in Assassinio allo specchio, di Guy Hamilton, nel 1980, accanto ad altre stelle hollywoodiane come Liz Taylor e Rock Hudson; nel ruolo di senatore patriottico ne La signora in bianco di Nicolas Roeg, tratto da un testo teatrale di T. Johnson, in cui si ironizza sulle celebrità statunitensi. Nel 1993 ha pubblicato l’autobiografia, scritta in collaborazione con Barry Paris.
Tony Curtis muore per enfisema polmonare a 85 anni, il 29 settembre 2010.

Sei matrimoni con cinque divorzi: il primo con Janet Leigh dalla quale ha avuto due figlie, oggi attrici affermate, Jamie Lee e Kelly; poi, in ordine di tempo, si è unito all’attrice austriaca Christine Kaufmann, da cui ha avuto altre due figlie, Allegra e Alexandra; dopo la separazione si è unito alla modella Leslie Allen, da cui ha avuto due figli, Nicholas morto di overdose nel 1994 e Benjamin; quindi si è sposato con l’attrice Andrea Savio, in seguito con la giurista Lisa Deutsch e in ultimo con Jill Vandenberg, sposata nel 1998 e rimastagli accanto fino alla morte.  

«Recitare è qualcosa che facciamo tutti nella vita, con i genitori, gli amici, i partner. Ci riaggiustiamo continuamente per essere accettati»

FONTI: Enciclopedia del cinema, Treccani – cinekolossal

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

16 pensieri riguardo “Tony Curtis, a qualcuno piace simpatico”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

𝑃𝑎𝑜𝑙𝑎 𝑃𝑖𝑜𝑙𝑒𝑡𝑡𝑖

Leggo, scrivo, penso, disegno e intanto cresco

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: