Lo specchio scuro (1946)

Quando un uomo viene trovato pugnalato a morte nel suo appartamento, il tenente Stevenson ha il compito di risolvere il caso e dopo aver interrogato una serie di testimoni giunge alla conclusione che la principale sospettata, nonostante abbia un ottimo alibi, sia Terry, un’affascinante giovane donna, dall’apparenza innocua. Ma quando Stevenson fa una visita a Terry nel suo appartamento, scopre che ha una sorella gemella identica, Ruth, e questo complica le cose in quanto significa che i testimoni non possono dire quale delle due fosse la persona che hanno visto lasciare la scena del crimine. Stevenson si reca allora dal dottor Elliott, uno psichiatra che potrebbe essere in grado di usare le sue capacità per capire quale delle sorelle sia l’assassina. Un film sul doppio, non solo perché ci sono due gemelle identiche, ma perché una di loro ha evidentemente una doppia personalità, mostra una faccia in pubblico che non corrisponde al suo “io” interiore.

Per la prima mezz’ora lo spettatore è sconcertato, proprio come il poliziotto, per il fatto che una ragazza dolce come Miss Collins potrebbe essere implicata in un omicidio, ed è confuso dall’esistenza di un alibi di ferro che suggerisce la sua presenza a quattro miglia di distanza dalla scena del crimine. Successivamente, quando tutto sembra chiarirsi per l’esistenza di una gemella identica, si resta comunque disorientati per l’incapacità di comprendere quale sia la sorella colpevole. Tuttavia troppa ambiguità sulle due sorelle sarebbe contraria alla chiarezza della narrativa classica di Hollywood, quindi vengono impiegati vari strumenti per differenziarle, anche se rimane il dubbio sulla loro natura.

Lo specchio scuro è innanzi tutto un film visivamente sbalorditivo, dove l’uso della luce e delle inquadrature è a dir poco spettacolare, soprattutto se si considerano i tempi in cui è stato girato. Il film si apre con inquadrature che indugiano curiosando in una stanza apparentemente vuota e disordinata, mentre la telecamera si avvicina a uno specchio incrinato, simile a una ragnatela, e alla fine inciampa in un cadavere, pugnalato alla schiena. Si concluderà con uno specchio, simbolo di ambiguità che ha dominato tutto il film, finalmente distrutto, le due sorelle separate, con una netta distinzione tra colpevole e innocente, e la normalità ripristinata.

La prima scena si svolgeva nell’appartamento di un uomo, reso caotico e inquietante da una donna, evidentemente pazza. L’ultima scena, invece, mostra l’appartamento di quella donna pieno di uomini che hanno svelato il suo mistero. Questo finale è tipico di quei film di Hollywood degli anni ’40 in cui l’intelligenza femminile era sinonimo di disturbo mentale. Ma nonostante il pregiudizio maschilista che domina la pellicola, è l’interpretazione di Olivia De Havilland che dà luce a tutta la vicenda, in particolare quando le due gemelle appaiono nella stessa scena: in alcuni momenti sono quasi indistinguibili, poi gradatamente emergono dei tratti individuali ben riconoscibili, per cui una sorella appare più sicura e seducente, ma anche dotata di un fascino perverso, mentre l’altra irradia ingenuità e innocenza. Ed è la finezza espressiva della De Havilland che disegna la differenza.

Certo non sono da meno le interpretazioni del veterano dei polizieschi Thomas Mitchell, nei panni del detective, e di Lew Ayres, che lascia i panni del dottor Kildare per vestire quelli dello psichiatra che riuscirà a risolvere l’enigma delle due gemelle. In sostanza la vicenda è tutta imperniata sulle due sorelle, una volta stabilito che una delle due deve essere colpevole, si tratta di riuscire a farla uscire allo scoperto. Se c’è una certa ambiguità all’inizio, a metà percorso è ormai ben chiaro quale sia la gemella buona e quale quella cattiva, una distinzione che diventa sempre più evidente man mano che la vicenda si fa strada verso la sua risoluzione.

Purtroppo il film non presenta colpi di scena né deviazioni dalla trama, se non una scialba parentesi sentimentale, che serve solo ad esaltare le differenze di carattere tra le due donne. L’unico vero colpo di scena è alla fine, e ovviamente non va rivelato, ma la soluzione riserva davvero una bella sorpresa, che forse sarebbe piaciuta anche ad Hitchcock. Peccato perché la regia raffinata, l’ottima fotografia e l’efficace montaggio avrebbero meritato una sceneggiatura migliore, un intreccio in cui il gioco delle simmetrie avesse spazio per svilupparsi, anziché finire, così come era iniziato, sulle scontatissime macchie di Rorschach. Lo sguardo smarrito e indefinibile della De Havilland negli ultimi fotogrammi ricorda il sorriso inquietante di Perkins, ma non riesce a entrare nella leggenda.

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

8 pensieri riguardo “Lo specchio scuro (1946)”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

positivitymonger

write. doodle. express.

Printer Driver

Download Software Driver

Ammartaggio

Consigli di lettura non richiesti ma simpatici

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

LOSPROJM

Losprojm is a creator of content, arts and videos.

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Il ballo dei Zanzoni

altri tempi, altre situazioni, altro modo di vedere

blog viaungarettidue

18-3-2022 ( testi e fotografie dell'autore)

Monica e lo Scrapbooking

Trovate tutorial e suggerimenti per creare con le vostre mani. Tutto sullo Scrapbooking.

Scienziati Matti

Alla ricerca del Bello nella Scienza

Make Yummy Recipes

En lezzetli yemek tariflerine buradan ulaşabilirsiniz.

Volevo fare

Volevo fare tante cose... Alla fine ho scelto di scrivere ciò che mi passa per la testa o che vedo nel mondo

Vita di Speranza

Vivere in Sardegna

Banter Republic

It's just banter

Law that attracted me!

My transition from outwardly rituals to internal mantra of sub conscious mind

Tauty World

Blog Blogging Story Magazine eBook Podcast

Le cose minime

Prendo le cose gravi alla leggera, e le cose piccole molto sul serio.

hindi cool blog2.com

hindi cool blog2.com

ATFK

𝖠𝗇𝗈𝗍𝗁𝖾𝗋 𝖶𝗈𝗋𝖽𝖯𝗋𝖾𝗌𝗌.𝖼𝗈𝗆 𝗌𝗂𝗍𝖾.

Fiorisce nel buio

Poesie, disegni, fotografie, racconti, pensieri ed altre amenità di Carlo Becattini. Tutti i diritti sono riservati.

Tiny Life

mostly photos

GOOD WORD for BAD WORLD

Residieren mit Familie, Job und einem Rattenschwanz

Patricia Furstenberg, Author

Travel through Books

Franaglia

Se ti senti sbagliato non è il posto giusto.

Comodamentesedute

un angolo confortevole dove potersi raccontare

Super Giulia

La felicità è nelle piccole cose che facciamo ogni giorno.

Letture che passione!

Il mio mondo sono i libri!

Driver Printers

Download Printer Drivers and Software

Rtistic

I speak my heart out.

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

BloodRose

Fear is just a limit.

Petali Azzurri!

*I Petali delle Rose...quando cadono...diventano Angeli Silenziosi.*

ARBIND KUMAR BLOG

arbindkumar475151597. wordpress.com

pflkwy

Blog sobre notícias e política com um viés de esquerda, onde os bravos nunca ousaram percorrer e que não espere deste o obsequioso silêncio dos covardes, amortecendo consciências, desarmando resistências que só no fátuo da retórica da ideia, da moral e da ética é que se venera seu oponente evitando a sedição!

介護士サウナーddのlife blog sauna is best

介護の仕事をする人、している人。また、サウナ情報を身につけたい、秋田のサウナを知りたいという方はぜひみてください!!

nginx99.wordpress.com/

Nginx99 design services

Mensensamenleving.me

Mensen maken de samenleving en nemen daarin een positie in. Deze website geeft toegang tot een diversiteit aan artikelen die gaan over 'samenleven', belicht vanuit verschillende perspectieven. De artikelen hebben gemeen dat er gezocht wordt naar wat 'mensen bindt, in plaats van wat hen scheidt'.

Printer Drivers

Download Driver Software

2010: Fuga da Polis

Perché a volte un blog non basta.(A noi ce lo sfoderate parecchio!)

JN通販

満足溢れる買い物を。

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: