Un lampone poco gradito

Anche i grandi attori sbagliano e quando lo fanno il loro tonfo fa un rumore più assordante degli altri. Film sbagliato, giornata storta, un regista che li dirige male, un ruolo poco chiaro, un pessimo copione o magari un tono completamente fuori misura, sono alcune delle motivazioni che possono causare un’interpretazione pessima. E come viene premiata un’ottima interpretazione, è giusto che riceva un “premio” anche la défaillance di un grande attore.

È quello che deve aver pensato il giornalista statunitense John J. B. Wilson nel 1981, quando istituì i Golden Raspberry Awards, i premi che vengono assegnati annualmente a Los Angeles ai film e agli interpreti peggiori della stagione cinematografica precedente.

Il premio si chiama Lampone d’oro, per la sua forma, che riproduce appunto un lampone su un nastro Super 8, ma è detto anche Razzie Award, dal verbo to razz, che significa farsi beffe di qualcuno. Il premio consiste in una statuetta in oro del valore complessivo di 4,97 dollari.

Si tratta di riconoscimenti ironici che vengono assegnati annualmente a Los Angeles in concomitanza con la cerimonia degli Oscar. Le categorie sono complessivamente 14. Si va dal peggior attore, al peggior film, passando per la peggior sceneggiatura e colonna sonora. Insomma, lo specchio degli Oscar, soltanto al negativo.

L’atmosfera nel corso delle cerimonie di premiazione dei Razzie Awards è comunque sempre stata molto goliardica e ironica. Nell’albo d’oro di questi premi sono presenti anche tanti grandi attori e registi che sono incappati in una stagione negativa dal punto di vista professionale e hanno ricevuto almeno una statuetta. A volte è capitato che lo stesso attore abbia ricevuto l’Oscar per un film e il Razzie per un altro, il tutto nello stesso anno, a riprova che un errore può capitare a tutti, e che non ci si dovrebbe offendere nel ricevere questo “premio”, che rimane però poco ambito.

Diversi sono i primati e le curiosità relative a questi premi. Ad esempio, dal 1980 ad oggi solo due volte ci sono state candidature sia per l’Oscar che per i Razzie per uno stesso film: nel 1982 con James Coco in Solo quando rido e nel 1984 con Amy Irving in Yentl. In entrambi i casi i candidati non vinsero né l’uno né l’altro premio.

Con 31 nomination e 10 premi, Sylvester Stallone è l’attore più premiato nella storia dei Razzie e condivide con Madonna il premio di “peggior interprete del ventesimo secolo”.

Un altro primato appartiene ad Arnold Schwarzenegger che nel 2004 ricevette 8 nomination ai Razzie senza vincere nemmeno un premio e ricevendo il riconoscimento di “perdente dei perdenti”.

Eddie Murphy, Adam Sandler, Tyler Perry, David Spade e Dom DeLuise sono gli unici attori maschi che hanno vinto il premio come peggior attrice.

Gli unici attori padre e figlio ad aver vinto per lo stesso film sono stati Will Smith e suo figlio Jaden Smith: peggior attore protagonista, peggior attore non protagonista e peggior coppia per il film After Earth. Jaden ha anche un altro primato: è l’attore più giovane ad avere ricevuto un Razzie.

Altro record è quello di Sandra Bullock che nel 2010 ha vinto un Razzie come peggiore attrice in A proposito di Steve e l’Oscar come migliore attrice per The Blind Side. Molto spiritosamente li ha ritirati entrambi.

Il film più premiato di sempre ai Razzie è, invece, Jack e Jill del 2011, giudicato il peggior film in assoluto nella storia del cinema: ha vinto il premio Razzie per il peggior film, peggior attore, peggior attrice (entrambi Adam Sandler), peggior attore non protagonista (Al Pacino), peggior attrice non protagonista (David Spade), peggior cast, peggior coppia, peggior regista (Dennis Dugan), peggior sceneggiatura, peggior sequel, prequel o remake.

L’unico attore ad aver vinto sia il premio come peggiore attore che come peggiore attrice è stato proprio Adam Sandler, che nell’edizione del 2011 ha vinto entrambi i premi grazie alla doppia interpretazione in Jack e Jill.

FONTI: wired – sky.spettacolo – screenweek

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

29 pensieri riguardo “Un lampone poco gradito”

    1. Di nuovo non riesco a commentare sul tuo blog, come l’altro giorno. Volevo solo dirti che probabilmente è giusta la tua interpretazione di “lucci” al posto di “lenzuoli”, visto che si riferisce alla moltiplicazione dei pani e dei pesci… Simpaticissima la storia!

      Piace a 1 persona

  1. I Razzie Awards sono premi che mi hanno sempre divertito anche se a volte non “premiano” certi film davvero aberranti. Questo perché di solito si tengono i riflettori puntati su certi film. Ma se si scava leggermente più a fondo si può scoprire un mondo di veri orrori.

    Piace a 1 persona

    1. Forse si concerntarno su film che hanno la pretesa di essere presentabili e invece non lo sono, tralasciando quelli davvero improponibili. Anche perché c’è più gusto a premiare Al Pacino che un illustre sconosciuto

      "Mi piace"

  2. sarebbe da capire se questi premi vengono fisicamente consegnati al vincitore, e le reazioni dei vincitori di fronte a questi premi.
    vengono accettati più o meno volentieri, come il tapiro di striscia, oppure si arrabbiano?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...