Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Safe (1995)

Ambientato nel 1987, il film è incentrato sulla vita apparentemente perfetta di Carol White, una casalinga molto benestante, le cui giornate si consumano tra lezioni di aerobica, shopping con le amiche e sesso occasionale quanto noioso con un marito distratto ed egoista. Le cose si complicano improvvisamente quando inizia a sperimentare strani sintomi. Tosse improvvisa e incontrollabile mentre è in autostrada, il naso che sanguina mentre si fa la permanente dal parrucchiere. Un attacco di convulsioni in lavanderia, finché durante una riunione a casa di amiche, improvvisamente, non riesce più a respirare.

Si sottopone quindi a numerosi controlli medici, ma tutti i test risultano negativi. Il medico di fiducia le consiglia uno psichiatra e le dice di abbandonare la sua dieta a base di frutta. Alla fine le viene diagnosticata una sorta di sensibilità chimica multipla, o “malattia del XX secolo”, una specie di reazione allergica a tutte le sostanze chimiche immesse in qualunque modo nell’ambiente.

Questo la porterà ad un auto isolamento in casa, cercando di rendere il proprio ambiente più asettico possibile, evitando contatti con il mondo esterno, e quindi anche con le persone. Ridotta in uno stato fisico e mentale ormai al limite, cercherà rifugio a Wrenwood, in una clinica isolata nel deserto.

Qui Peter, un guru in perfetto stile new age, guida sessioni di terapia di gruppo utilizzando la dottrina del pensiero positivo: la colpa non è dei prodotti chimici, ma sono i pazienti stessi responsabili della loro malattia, e l’amore per se stessi è la cura.

In un primo momento sembra che il ritiro possa darle un po’ di sollievo. Ma ben presto Carol si rende conto di essere ancora isolata, anche se è circondata da persone che più o meno hanno il suo stesso malessere. Il finale, anche volendo, non si può spoilerare, perché il regista non sceglie nessun finale: non c’è guarigione, miglioramento o peggioramento, c’è solo una bravissima, incommensurabile Julianne Moore, che ci mostra tutta la devastante solitudine del suo personaggio di fronte a uno specchio che rimane il suo unico interlocutore.

Quando usci, Safe era un film forte, crudo e visionario, tanto che richiamava in alcuni momenti le atmosfere inquietanti di Cronenberg, anticipando in tempi non sospetti, il mondo che ancora doveva venire e che oggi è quello in cui viviamo, ci muoviamo e nel quale ci ammaliamo.

Il film può essere letto secondo me in diversi modi: come vicenda fine a se stessa, la storia di Carol e della progressiva agorafobia che la divora, o come metafora dell’incapacità di accettare la vita contemporanea. O ancora vi si può intravedere un messaggio ecologista, una critica impietosa alla società consumistica, ripiegata su se stessa e indifferente ai danni che arreca al pianeta. Per certi versi può essere anche un film dell’orrore, solo che il mostro che minaccia non è visibile né individuabile, e quindi ancor più temibile.

Il film è diviso in due parti abbastanza distinte: nella prima, più narrativa, il regista descrive la quotidianità tranquilla e noiosa dell’alta borghesia americana, e la freddezza dei rapporti tra Carol e il marito, mentre nella seconda ci mostra il calvario della protagonista, che sperimenta tutte le possibili cure psicologiche e farmacologiche cercando invano di guarire. Il regista crea magistralmente un’atmosfera gelida, infondendo in ogni scena un senso di disagio, per evidenziare come anche la cosa più banale in qualche modo rappresenti una minaccia per la protagonista. Aumenta l’effetto anche l’uso di luci e colori molto freddi.

I personaggi sono per lo più inquadrati in campo lungo, con riprese lunghe e statiche, a sottolineare la distanza emotiva tra loro e accentuando l’isolamento di Carol, nella sua bellissima ma gelida casa alla moda. E la colonna sonora alterna silenzi prolungati e inquietanti rumori dissonanti. Insomma un film disturbante in ogni senso, ma a mio avviso emozionante, non fosse altro per l’interpretazione sofferta e maestosa della Moore, che trasmette perfettamente l’angoscia del suo personaggio, incarnandone la progressiva disintegrazione fisica e psicologica.

Un film particolare, sicuramente fuori dagli schemi, che allora poteva essere visto come una curiosità, quasi un film di fantascienza, e oggi è tragicamente attuale.

Complimenti a Paol1 di Un futuro per i nostri figli, Matilde di Cucinando poesie, Jo di Film Serial, OmbreSulCuore, e Austin Dove di Il Blog di Tony che hanno indovinato.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

17 pensieri riguardo “Safe (1995)”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il Cammino per Agarthi

Hollow Earth Society

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Aureliano Tempera

Un po' al di qua e un po' al di là del limite

Postcardsfromhobbsend

Film reviews as you know them only much....much worse

Life target

exploring the right target of life

INDEPENDENT SANA

Positivity and motivation.

Coisas da SIL

Escrevo o que percebo e sinto ao meu redor./ write what I perceive and feel around me.

Mwendia's Blog

Living is balancing good and bad.

Kiran ✨

Reading And Writing is the best Investment of Time ✨ ( Motivational Thoughts) "LIFE IS A JOURNEY"

CarloTomeo Teatro e Teatro

Comunicati stampa e Recensioni Teatrali

Diario di bordo

Poi riflettei che ogni cosa, a ognuno, accade precisamente, precisamente ora. Secoli e secoli, e solo nel presente accadono i fatti; innumerevoli uomini nell’aria, sulla terra e sul mare, e tutto ciò che realmente accade, accade a me.

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Narsulante

"Tutto è uno e accade ora"

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα  ♥ Diciassettesimo anno ♥    

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: