Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Prisoners (2013)

Diciamo subito che non è un film facile, e non è sicuramente un film per tutti. Le tematiche affrontate sono angoscianti, e i risvolti della vicenda rasentano in alcuni punti l’orrore puro. Ma ha un pregio a mio parere grandissimo, rispetto ad altri film che giocano con la violenza, ed è quello di suscitare emozioni profonde e inaspettate nello spettatore, una sorta di reazione istintiva e violenta contro la violenza stessa.

La storia si apre in maniera quasi banale, con due famiglie riunite per festeggiare il Ringraziamento, in un’atmosfera volutamente serena e spensierata. Improvvisamente il dramma più cupo si abbatte sulle loro vite, con la sparizione delle due figliolette più piccole, apparentemente rapite.

I sospetti si concentrano subito su un balordo ritardato che era stato visto nelle vicinanze della casa a bordo di un camper, poi sparito. Da qui inizia un incubo inimmaginabile per tutti i protagonisti della vicenda, prigionieri, come dice il titolo, molto più delle due bambine rapite. Prigionieri della paura, dell’impotenza, della rabbia, dell’odio, dell’impossibilità di avere giustizia, dell’incapacità di ragionare e comprendere. Verranno alla luce vecchi casi e morbosità sepolte, e la soluzione finale avrà il volto malato della follia.

C’è molto di più, ed è quello che differenzia questa pellicola da tante altre che in vario modo hanno parlato di rapimenti, di violenza sui più piccoli e di malattia mentale. C’è l’orrore della follia, ma anche l’orrore della “normalità”, della giustizia fai-da-te, che pretende di sostituirsi ad una giustizia altrimenti non ottenibile. C’è la tortura psicologica di chi aspetta senza poter fare nulla, e c’è la tortura fisica, quasi insostenibile anche per chi guarda.

Non c’è la solita banale volontà di fare del dolore un facile spettacolo, c’è invece un tentativo di introspezione profonda degli aspetti più umani del dramma. La fotografia di un paesaggio plumbeo e battuto da una pioggia incessante rende ancora più cupo il susseguirsi lento dei minuti e delle decisioni dalle quali può dipendere la sopravvivenza delle due vittime.

Il risultato è un thriller psicologico di grandissima intensità, dove la tensione rimane sempre alta, e nonostante la durata insolitamente lunga di quasi due ore e mezza, il film scorre senza momenti di stanchezza, fino all’epilogo che ovviamente non va svelato.

Meravigliosamente scolpiti i due personaggi di maggior risalto, il detective Loki, interpretato da un Jake Gyllenhaal insolitamente maturo, e Keller Dover, il padre di una delle due ragazzine rapite, che ha il volto e la fisicità di Hugh Jackman. Mentre il primo, esperto di rapimenti, procede cauto e un po’ indeciso nelle ricerche, il secondo, guidato dalla cieca furia paterna, avanza sicuro e determinato nelle sue certezze, mettendo a tacere dubbi e coscienza. Qualche punto in più sicuramente per Gyllenhaal, rinchiuso nella sua rassegnazione malinconica di fronte alle miserie umane, mentre Jackman ricorda un po’ troppo da vicino Wolverine.

Di rilievo anche l’interpretazione di Paul Dano nel ruolo di Alex, il sospettato numero uno, che ha la sua buona dose di segreti e di orrori da rivelare, ma solo al momento giusto, ribaltando di colpo la prospettiva di tutta la vicenda. L’attore riesce a rappresentare in maniera vivida l’immagine di un uomo fuori dal tempo, un disadattato con il quoziente intellettivo di un bambino. Perfetto per essere facilmente sospettabile, ma anche per rivelarsi qualcosa di completamente diverso.

Nel complesso è un film che va vissuto come un’esperienza di totale immedesimazione, per chi ama esplorare le emozioni più profonde e cercare di comprendere la realtà oltre le apparenze. Un’ultima cosa. Dopo aver sapientemente ribaltato più volte la storia, con un discreto numero di colpi di scena, il finale del film riesce ancora a sorprendere negli ultimi fotogrammi. E lo fa con classe.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

33 pensieri riguardo “Prisoners (2013)”

  1. colplimenti! hai fatto una analisi del film davvero direi perfetta! e’ proprio ccme hai scritto e devo dire che mi ha segnato un po’, ci ho ripensato spesso anche nei giorni dopo averlo visto e anche se cerchi di non farlo ti immedesimi ci entri dentro e ne diventi parte. sicuramente un film che eplora le parti più oscure di noi e ce le fa emergere con forza! da vedere! bravissima e grazie

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il Cammino per Agarthi

Hollow Earth Society

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Aureliano Tempera

Un po' al di qua e un po' al di là del limite

Postcardsfromhobbsend

Film reviews as you know them only much....much worse

Life target

exploring the right target of life

INDEPENDENT SANA

Positivity and motivation.

Coisas da SIL

Escrevo o que percebo e sinto ao meu redor./ write what I perceive and feel around me.

Mwendia's Blog

Living is balancing good and bad.

Kiran ✨

Reading And Writing is the best Investment of Time ✨ ( Motivational Thoughts) "LIFE IS A JOURNEY"

CarloTomeo Teatro e Teatro

Comunicati stampa e Recensioni Teatrali

Diario di bordo

Poi riflettei che ogni cosa, a ognuno, accade precisamente, precisamente ora. Secoli e secoli, e solo nel presente accadono i fatti; innumerevoli uomini nell’aria, sulla terra e sul mare, e tutto ciò che realmente accade, accade a me.

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Narsulante

"Tutto è uno e accade ora"

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα  ♥ Diciassettesimo anno ♥    

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: