Rosso d’autunno (1994)

Un efferato delitto sconvolge la vita tranquilla di una piccola provincia americana: marito e moglie uccisi in modo particolarmente violento nella loro camera da letto, e la soluzione del brutale omicidio è nascosta nella mente di un bambino autistico, testimone, o forse autore stesso, del duplice delitto. Al momento dell’aggressione era presente in casa anche la sorella, ma afferma di non ricordare nulla.

Lo sceriffo che deve risolvere il mistero si rivolge ad uno psicologo specializzato nella cura dell’autismo, che con sensibilità e competenza scaverà a fondo nei labirinti della piccola mente, fino ad arrivare all’inattesa soluzione. Naturalmente sarà osteggiato nel suo percorso, già di per sé difficile, da un arrogante collega, presuntuoso e saccente, che pensa di aver capito tutto, mentre è ben lontano dalla verità.

La critica ha accusato il regista di aver messo insieme un gran numero di luoghi comuni, confezionando un giallo banale e scontato. Forse i luoghi comuni ci sono anche, ad uno sguardo superficiale: c’è lo psicologo schiacciato dal senso di colpa per il suicidio di un paziente e c’è il piccolo autistico, richiuso nel suo mondo, che fatica a comunicare con l’esterno; c’è la rivalità tra colleghi, nello specifico tra scuole di pensiero e metodi diversissimi, e c’è la presenza ambigua e sensuale dell’adolescente ninfetta.

Ma guardando più a fondo, si coglie subito l’originalità della figura dello psicologo, che si pone fuori dagli schemi e dai libri di psicologia, e lavora con intelligenza e sensibilità cercando l’approccio giusto per il paziente. Perché lui sa, a differenza del borioso collega, che ogni paziente è diverso. C’è il bambino autistico, ma non è poi così rinchiuso nel suo mondo, anzi in realtà non vede l’ora di poter comunicare, solo che non sa come farlo. O forse sono gli altri che non sanno comprenderlo, e la parte più interessante del film sarà proprio vedere come lo psicologo arriverà a decifrare i suoi messaggi.  E c’è pure la ninfetta adolescente, ma è qualcosa di diverso dalla solita Lolita, e nasconde dietro l’apparente desiderio di sedurre tutto il buio e il freddo della sua anima ferita. E anche qui sarà determinante l’apporto dello psicologo.

Tanta carne al fuoco quindi, tanti elementi, forse non originalissimi, ma interpretati in modo nuovo e singolare; e anche volendo vederlo semplicemente come un giallo, è indubbiamente ben articolato, con una serie di falsi indizi, sparsi qua e là per disorientare lo spettatore, allontanandolo dalla soluzione finale.

Gli attori fanno tutti il loro dovere. Richard Dreyfuss interpreta lo psichiatra sottolineandone autorevolezza e competenza, ma anche i tratti più originali che lo differenziano dal collega, mentre John Lithgow disegna un medico sufficientemente antipatico e pieno di sé da risultare un antagonista perfetto. Linda Hamilton si allontana dalla forte e determinata Sarah Connor di Terminator, per tratteggiare la moglie docile e fin troppo comprensiva dello psichiatra, mentre Liv Tyler, qui al debutto sul grande schermo, disegna un personaggio femminile confuso e sfuggente, in qualche modo vittima della sua provocante sensualità. Anche lo sceriffo è ben caratterizzato da James T. Walsh (Il negoziatore), specializzato in personaggi di solito corrotti o comunque non del tutto onesti. Il bambino, tale Ben Faulkner, nonostante dia prova di buone capacità interpretative, non ha più preso parte ad altri film, almeno fino ad oggi.

Nel complesso è un buon film da rivalutare, interessante soprattutto per chi ama Richard Dreyfuss, che qui fa da mattatore, e per chi vuole scoprire qualcosa di nuovo sulla realtà affascinante e misteriosa dell’autismo. E naturalmente per tutti i fan di Liv Tyler.

SPUNTI DI CINEMA: Cinema e diversità

Alla ricerca di un colpevole

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

2 pensieri riguardo “Rosso d’autunno (1994)”

    1. Anche io!! In genere mi piacciono molto le storie dove ci sono psicologi e bambini, in più Dreyfuss mi ha sempre convinto come attore, e trovo che sia sottostimato. E poi è un buon giallo…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...