Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Corto circuito (1986)

In pieni anni ’80 esce questa favoletta deliziosa, un filmino semplice, fresco, senza pretese, eppure con un suo messaggio tutt’altro che trascurabile. Un film che col tempo diventerà un cult, come spesso succede, e che ora pare debba avere un remake, di cui probabilmente faremmo volentieri a meno.
La storia, a metà tra favola e fantascienza, racconta di un simpatico robottino che, durante la presentazione ufficiale delle sue straordinarie funzionalità, viene colpito da un fulmine e improvvisamente prende coscienza di sé, sviluppa una sua personalità, neanche a dirlo molto simpatica, fa amicizia e quasi si innamora di una ragazza molto carina, e intanto cerca di scappare all’esercito che lo ritiene erroneamente pericoloso per la popolazione e vuole disattivarlo, cioè sopprimerlo.

Il film aveva le carte giuste per piacere: la regia di John Badham, che aveva già a suo attivo La febbre del sabato sera, Tuono blu e soprattutto Wargames, di cui il film riprende in qualche modo le atmosfere; due attori che allora andavano forte, Ally Sheedy, che negli anni ’80 ha vissuto il suo periodo d’oro ed è stata protagonista di pellicole come Breakfast club e St. Elmo’s fire, e Steve Guttemberg, protagonista assoluto della saga di Scuola di polizia e volto simbolo di quegli anni, che rivedremo poi in Tre scapoli e un bebè e il successivo Tre scapoli e una bimba.

È chiaro però che il vero protagonista del film, la novità assoluta, è Numero 5, il piccolo robot che si anima, arricchendosi di sentimenti ed emozioni, interagendo con gli umani da pari a pari. A differenza dei robot di Guerre stellari, interpretati da attori chiusi al loro interno, Numero 5 è un vero robot animato a distanza, da ben 4 persone diverse, che si occupavano ciascuna di una parte differente. Il risultato ovviamente è molto realistico, al punto che il robot riesce a mostrare addirittura espressioni diverse dello “sguardo”, interpretando tutta la gamma dei sentimenti umani, dalla paura al dolore, dalla sorpresa alla gioia, fino all’amore.

E se Numero 5 vi sembra familiare, non sbagliate, perché la Disney si rifà chiaramente a lui nel disegnare Wall-E, più di vent’anni dopo.

L’essenza di creatura costruita in laboratorio riprende il tema di Frankenstein ma con lo spirito infantile di E.T., ed è la risposta pacifista a Terminator, che due anni prima aveva mostrato gli aspetti più nefasti della tecnologia. In realtà, al di là della storiellina, deliziosamente raccontata e infarcita di battute, citazioni cinefile, momenti poetici e perfino romantici, la vicenda ha una sua morale antimilitarista che non va sottovalutata.

Numero 5 infatti, è un robot costruito per scopi bellici, ma quando si anima, in seguito all’incidente col fulmine, è come se improvvisamente si scoprisse una coscienza e si rifiuta di fare quello per cui è stato creato. Così, mentre l’esercito gli dà la caccia temendo che possa essere pericoloso, lui diventa sempre più umano, si auto educa assorbendo quanti più imput può, legge, ascolta musica, guarda la televisione, e tra l’imitazione di John Travolta e quella del Padrino, è pronto a insegnarci quei principi morali che noi umani sembriamo aver dimenticato.

Niente filosofia, però, né noiose prediche o richiami apocalittici. Solo un filmino grazioso e gentile come il suo protagonista, apprezzabile da grandi e piccini, divertente e mai volgare, con un messaggio rassicurante, per dirci che non tutto è perduto, e che nonostante la tecnologia cerchi di annullare l’essenza dell’essere umano, non ci riuscirà mai fino in fondo.
Almeno finché riusciremo a incantarci per il volo di una farfalla.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

39 pensieri riguardo “Corto circuito (1986)”

        1. Al solo ho una specie di coppola, ma fa molto regista discendente da famiglia emigrata negli USA… 😉

          In alternativo, cappellini simil-baseball alla Ron Howard! 😀

          Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

𝑃𝑎𝑜𝑙𝑎 𝑃𝑖𝑜𝑙𝑒𝑡𝑡𝑖

Leggo, scrivo, penso, disegno e intanto cresco

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: