Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Crocevia della morte (1990)

Nel 1990, due grandi epopee gangster hanno monopolizzato l’attenzione della critica e del pubblico. Era obiettivamente difficile trovare posto tra i Bravi Ragazzi di Scorsese e l’ultima parte della saga di Francis Ford Coppola. Eppure questo terzo film dei fratelli Coen riesce a reinventare il genere e allo stesso tempo a trovare una sua collocazione. Crocevia della morte è soprattutto un film cerebrale, che difficilmente si perde in bagni di sangue. La violenza è certamente presente, ma si esplicita in forme molto più sottili. I pochi turbolenti scontri a fuoco sono tra i momenti clou del film, ma la tensione psicologica si rivela ancora più formidabile.

Siamo negli anni ’20: Johnny Caspar, capo della mafia italiana, sospetta di essere stato truffato da Bernie Bernbaum, un piccolo bookmaker ebreo. Perciò va a lamentarsi da Leo, capo della mafia irlandese, potente padrone della città. Ma questo si rifiuta di far uccidere Bernie, perché innamorato della sorella di lui, Verna. Tom Reagan, braccio destro di Leo, a sua volta innamorato di Verna, osserva da lontano la situazione, cercando di consigliare sia Leo che Caspar, per evitare spargimenti di sangue inutili, e salvare la vita a Bernie. Ma in breve l’intera città sarà immersa in una guerra tra bande da cui sarà difficile uscire vivi.

Una volta che lo spettatore ha preso coscienza della complessa rete di personaggi, la tensione diventa palpabile e la situazione diventa sempre più imprevedibile. Contrariamente ad altri film di questo genere, soprattutto i due già citati, questa pellicola ha un ritmo lento, che centellina le scene d’azione, quasi a voler assaporare con calma l’incredibile lavoro di scrittura che i fratelli Coen hanno messo nella loro sceneggiatura, basata su due romanzi di Dashiell Hammett, Piombo e sangue e La chiave di vetro. È sicuramente una delle più complesse che abbiano mai scritto.

La parte migliore dello spettacolo è proprio cercare di collegare tutti i fili della storia e gustarsi l’intensità unica dei dialoghi. Da un lato questo film segue la nobile tradizione di molti noir degli anni Quaranta, che controbilanciavano la complessità della trama con uno stile scarno e privo di elementi decorativi superflui; dall’altra parte è chiaramente leggibile la firma dei fratelli Coen, quell’ironia insolita che in qualche modo destabilizza lo spettatore e sembra prendersi gioco del genere, senza però mancargli di rispetto.

Una confezione elegante per una storia davvero complicata, che parla di lealtà e doppio gioco in maniera diversa dal solito, e sicuramente avvincente e affascinante. Per realizzarla i fratelli Coen sono ricorsi ad un cast molto variegato: Gabriel Byrne, Albert Finney e Frances McDormand, quest’ultima in un piccolo ruolo, erano certamente già conosciuti e affermati, mentre Marcia Gay Harden, John Turturro e Steve Buscemi, anche lui in un piccolo ruolo, non erano proprio nomi molto familiari in quel momento.

Ma il film può contare anche sulla suggestiva fotografia di Barry Sonnenfeld e sulla colonna sonora di Carter Burwell, che lasciano il segno. Entrambi avevano già collaborato proficuamente con i Coen dai tempi di Blood Simple e Arizona Junior. Nel complesso questo gangster movie è un puzzle complicatissimo che conduce abilmente lo spettatore sempre ad un passo dalla soluzione, portandogliela via da sotto il naso all’ultimo momento. Proprio come il vento quando porta via il cappello a qualcuno, costringendolo a rincorrerlo.

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

6 pensieri riguardo “Crocevia della morte (1990)”

  1. Buscemi , che deve molto ai Coen, è diventato uno dei miei attori preferiti proprio grazie al ruolo in cui l’ho visto la prima volta, in un film che mi è piaciuto fin dalla prima visione nonostante fosse tanto diverso da qualsiasi altro film avessi mai visto prima: sto parlando di Fargo naturalmente ( anche in questo una fantastica McDormand).😊👍

    Piace a 1 persona

    1. Buscemi è un attore particolare, che riesce sempre a calarsi alla perfezione nel personaggio, e non si è fossilizzato nel tempo, ma ha saputo rinnovarsi. La McDormand è favolosa.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , ♥ Diciassettesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: