Seduzione mortale (1952)

Un classico del genere, un affascinante noir come oggi non se ne fanno più. Il titolo dice già tutto, curiosamente in italiano come in originale (Angel face): c’è una fanciulla, tanto innocente e indifesa all’apparenza, quanto letale nella sostanza, e c’è un giovane, sempliciotto e un po’ ingenuo, come spesso diventano gli uomini in presenza di certe donne, che ne subisce irrimediabilmente il fascino. L’intreccio, di per sé non originalissimo, si avvale di due grandi di Hollywood, qui ancora molto giovani: Robert Mitchum, che qualcuno, non a caso, ha definito l’anima del noir, e un’insolita Jean Simmons nel ruolo della dark lady. Oltre naturalmente alla regia di Otto Preminger che qui sfoggia tutte le sue abilità di messa in scena.

La trama non va svelata, perché se ancora c’è qualcuno che non l’ha visto, dovrebbe davvero correre a recuperarlo, soprattutto se ama le storie torbide, di amore e passione intrecciati col delitto. A grandi linee basterà dire che il protagonista è un semplice autista di ambulanze, che conduce una vita anonima e noiosa, ma tranquilla, finché non incontra una ricca e bellissima ereditiera viziata, che lo irretisce completamente coinvolgendolo nel suo piano criminoso. Dopo la prima metà della pellicola, però, la vicenda offre un colpo di scena non da poco, con un ribaltamento della situazione a tutto vantaggio dell’ingenuo protagonista, che sembra improvvisamente risvegliarsi dall’incantesimo e vedere la realtà per quello che è. Ma il finale di una storia così non può lasciare scampo a nessuno.

È un film coinvolgente, un noir che seduce letteralmente, appassionante negli sviluppi per il romanticismo sentimentale che si fonde perfettamente con il fascino criminale, dando alla morte l’inevitabile ruolo di protagonista. Ma è affascinante anche per la scelta degli attori, qui entrambi in ruoli per loro inconsueti, eppure tutti e due eccezionali nel sostenerli. Mitchum, emblema hollywoodiano dell’uomo forte, l’avventuriero sciupafemmine, spesso violento, qui si trova a interpretare un uomo debole, che si lascia trascinare in un vortice di passione e follia che lo porterà alla rovina; la Simmons invece, che ha interpretato tante incantevoli figure femminili, contraddistinte da grazia e dolcezza, qui nasconde sotto il faccino angelico un’anima corrotta, ed emana un fascino torbido e impuro, che non può che essere fatale. E nonostante questo, riesce a creare un nuovo concetto di dark lady: un personaggio complesso e ricco di sfumature, una spietata calcolatrice, ma anche una ragazza sola, vittima di un bisogno inappagato di amore.

Preminger dirige il tutto da maestro dando corpo alla vicenda, usando inquadrature ad effetto e giochi di sguardi, per sottolineare la danza macabra dei protagonisti, e riuscendo a maneggiare con cura anche le sedute in tribunale, che risultano tutt’altro che noiose.

Il regista intreccia sapientemente la vicenda immagine dopo immagine, con un bianco e nero da favola, inserendo come un vero tocco da maestro, le malinconiche note suonate al pianoforte dalla protagonista, mentre altrove si consuma la tragedia. Ma è sul finale, uno dei più terribili che Hollywood abbia mai partorito, allucinante, folle e imprevedibile, che Preminger si gioca la sua carta migliore.

Oggi il film appare un po’ datato, ma è ancora apprezzabilissimo per gli amanti del bianco e nero, e di quel cinema di una volta, privo di volgarità e di facile ostentazione, in cui la seduzione era ancora affidata all’intensità di uno sguardo e le donne preferivano morire che rinunciare all’amore.

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

29 pensieri riguardo “Seduzione mortale (1952)”

  1. Continuo a starti in scia: l’ho rivisto recentemente, per catturare la bella scena scacchistica per la mia collezione.
    Un’atmosfera splendida, puro noir, anche se certo sono rimasto un po’ deluso da un finale troppo telefonato, avrei preferito qualche guizzo in più, ma comunque non mi lamento. un gran bel classicone.

    Piace a 1 persona

    1. Sai che quando ho rivisto la scena degli scacchi (non me la ricordavo, sinceramente) avevo pensato di darti una dritta, poi sono venuta sul tuo blog a guadare e ho visto che l’avevi già presa. Anche io avrei rallentato un po’ il finale, ma non mi metto a discutere con Preminger… Sai che a lui non piaceva questo film? Lo considerava un “incidente” riuscito bene.

      Piace a 1 persona

  2. Stiamo parlando di Preminger e Mitchum, mica dei fratelli Vanzina, perfetta Jean Simmons nel ruolo della gatta morta, non sono d’accordo sul fatto che noir degni di questo nome non se ne facciano più, ricordo per esempio Suburra splendido noir italiano

    Piace a 1 persona

      1. E’ un concetto quantistico, ma vista l’ora, te lo passo. Penso che andrò a nanna adesso, che domani mi sveglio presto, anche se non vado a lavorare.

        "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...