Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Aneddoti e curiosità del lunedì: Keira Knightley

Nata a Londra da padre inglese e madre con origini scozzesi e gallesi, Keira in realtà non si sarebbe dovuta chiamare così, ma Kiera, ovvero la forma anglicizzata di “Kira” in onore della pattinatrice russa Kira Ivanova, che suo padre ammirava tanto. Tuttavia la madre, al momento della registrazione del nome, fece un errore di spelling scrivendo la “e” prima della “i”, ed ecco che nacque Keira.

Keira ha sempre voluto diventare attrice, tanto che pare abbia chiesto di avere un agente già all’età di tre anni, e a sei anni già lavorava in piccoli ruoli televisivi. Nonostante questo, non ha mai seguito lezioni di recitazione, diventando attrice per pura passione.

Nel 2002, dopo aver incontrato il produttore Andy Harries alla premiere de Il diario di Bridget Jones, Keira decide di abbandonare gli studi e di diventare un’attrice a tempo pieno. E proprio nel 2002, all’età di 17 anni, si fece conoscere al grande pubblico recitando nella commedia inglese a sfondo calcistico Sognando Beckham. Nel giro di un paio d’anni partecipa a un adattamento televisivo de Il dottor Zivago, recita in Love actually, e ottiene la parte per il film che l’ha consacrata come attrice: La maledizione della prima luna. Con il suo primo stipendio da attrice ha acquistato una casa di bambola.

A proposito della saga Pirati dei Caraibi, pare che l’attrice si fosse presa una cotta per Johnny Depp, e annunciò esplicitamente che avrebbe partecipato al sequel nel ruolo di Elizabeth solo se in una delle scene avesse potuto baciarlo. Depp fu molto imbarazzato dalla cosa, perché aveva vent’anni più di lei, ma alla fine entrambi si comportarono da veri professionisti.

Nel 2007, la Knightley ha vinto una causa legale contro il tabloid britannico Daily Mail per diffamazione, dopo che questo l’aveva accusata di aver mentito sul fatto di non soffrire di anoressia nervosa o di qualche altro disturbo alimentare. In seguito alla vittoria della causa, ottenne 3.000 sterline di danni, somma che l’attrice, aggiungendone altre 3000, ha donato all’ente di beneficenza Beat per coloro che soffrono di malattie mentali e disturbi alimentari.

L’attrice non è presente in nessun social media. Nessun tipo di social sembra interessare a Keira che, in realtà, cerca accuratamente di evitarli tutti. Ha ammesso di aver provato una volta ad aprire un account Twitter e di averlo chiuso dopo solo 12 ore perché “le sembrava di essere nel cortile della scuola”.

Da bambina aveva diverse difficoltà nella lettura e nella scrittura. Ha lavorato duro per cercare di risolvere il problema: pare che durante l’adolescenza abbia indossato degli occhiali appositi che potessero aiutarla nella lettura e di aver studiato a memoria diversi libri mediante delle registrazioni, così da essere preparata nella lettura.

Nel 2018 l’attrice ha rivelato di aver avuto un crollo mentale a 22 anni, quando le fu diagnosticato un disturbo da stress post-traumatico di fronte alla sua improvvisa e crescente fama. Keira ha raccontato di essere arrivata al punto di non uscire di casa per tre mesi. Sempre in quel periodo si sottopose a delle sedute di ipnoterapia per prevenire gli attacchi di panico.

Non molto tempo fa ha ammesso di indossare le parrucche da qualche anno, a causa della perdita di numerosi capelli. Lei stessa ha raccontato di aver trattato molto male la sua chioma, tra tinture, acconciature complesse e lavaggi frequenti.

La sua somiglianza con la collega Natalie Portman è piuttosto marcata, tanto che George Lucas la volle come alter ego della Portman per Star Wars Episode I: la minaccia fantasma. Si narra che, dopo la seduta di make up, neanche la madre di Keira fosse in grado di distinguerla dalla Portman.

Da convinta femminista, Keira ha vietato la visione di alcuni film Disney alle figlie. Dal suo punto di vista, alcune principesse Disney, come Cenerentola, non dovrebbero aspettare che l’uomo arrivi a salvarle, ma l’idea dovrebbe essere quella di salvarsi da sé. È dello stesso avviso anche per La Sirenetta, perché Ariel “non può rinunciare alla propria voce per un uomo”.


FONTI: Cinefilos – ciakmagazine – popcorntv

Pubblicità

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

20 pensieri riguardo “Aneddoti e curiosità del lunedì: Keira Knightley”

    1. Concordo su Cenerentola e in generale non mi piace questa tendenza a censurare le favole perché danno un’immagine sbagliata. Sono cresciuta con queste favole e le ho raccontate alle mie figlie, ma né io né loro abbiamo mai aspettato il Principe Azzurro sul cavallo bianco.

      Piace a 1 persona

  1. mi è piaciuta la parte che ha fatto nei pirati dei Caraibi…
    anche lei è cosciente che la bellezza è un’arma a doppio taglio…
    in certi ruoli è importante… in altri ne abbassa la credibilità…
    anche io… sono cresciuta con la favola di cenerentola…
    poi… si sa… che le fiabe… le favole… hanno un significato profondo… in base a chi le legge…. le racconta… a chi le ascolta…
    e… non esiste sempre il lieto fine…
    ciao Raffa…
    buona notte a Te!⭐🌌

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The Risell Chronicle

Poems by Dany D Risell

docufriul | antropologo | Stefano Morandini | Friuli Venezia Giulia | Borders

per afferrare il carattere ingannevole della regione

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

MY-Alborada

Poesía, viajes y fotografías. Poetry, travel and photographs

CRECER CON UNO MISMO

Tu sitio web favorito para temas financieros y de desarrollo personal. ¿Te lo vas a perder?

Poesia&Cultura

Non rovinare quello che hai, desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai, un tempo era tra le cose che speravi di avere. (Epicuro)

Irene T. Lachesi

Tessitrice di Parole e Magie

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla; una voce che parla scrivendo; punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

The Sage Page

Philosophy for today

Linistea mea

Atunci cand simti ca nu mai poti,nu renunta!Ia-ti un moment de liniste si apoi vei prinde puterea sa mergi mai departe.

antonio75

Si va avanti per resistere contro tutti e tutto

Cebu Women Official Blog

Meet and Date Single Philippine Women from Cebu City

alexandr110875

Снисходительны друг к другу, что означает счастливы. Хранить мир, из которого любовь не уходит, на земле можно только так. святой.сайт

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

M.A aka Hellion's BookNook

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , ♥ Diciassettesimo anno ♥    

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

© STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: