Aneddoti e curiosità del lunedì

Per creare l’urlo di Tarzan, Johnny Weissmuller, primo famosissimo Tarzan dello schermo, ha sempre dichiarato di essersi ispirato all’arte dello yodel, il canto tipico dell’area alpina. Gli MGM Studios, produttori del primo film su Tarzan, sostengono che quell’urlo era stato ottenuto rielaborando il suo canto con l’aggiunta di suoni di animali. Altri produttori cinematografici sostengono invece di avere usato un tenore lirico per registrare quel particolare timbro, altri ancora che si tratti della voce di un soprano registrata al contrario.

∞●∞●∞

Il linguaggio dei Minions, i buffi omini gialli lanciati dal film Cattivissimo me, è costituito da una mescolanza di vari idiomi, tra cui italiano, spagnolo, inglese, francese, cinese, coreano, hindi, giapponese e indonesiano.

∞●∞●∞

Forse non molti sanno che nel film E.T. – L’extraterrestre recitarono anche Harrison Ford e Debra Winger. Reduce dal successo di Guerre stellari, Harrison Ford, all’epoca compagno della sceneggiatrice di E.T. Melissa Mathison (che avrebbe sposato nel 1983), partecipò alle riprese nei panni di un insegnante di Elliott. Il regista decise poi di tagliare la scena in quanto avrebbe distratto il pubblico dalla storia. La Winger invece si trovava sul set per dare voce al pupazzo di E.T. durante le riprese, e appare travestita da mostro nella scena della festa di Halloween; successivamente, però, il piccolo extraterrestre fu doppiato da Pat Welsh, che in gioventù aveva recitato in soap opere radiofoniche, e poiché fumava due pacchetti di sigarette al giorno, aveva un timbro di voce rauco e profondo, perfetto per il piccolo alieno. Per la sua voce particolare, in seguito fu chiamata a doppiare anche un personaggio minore di Guerre stellari.

∞●∞●∞


Il topolino che recita ne Il miglio verde era un vero animale ammaestrato e fu selezionato fra più di 30 roditori, regolarmente provinati, esattamente come gli attori. Per permettergli di compiere il suo difficile lavoro, sul set veniva seguito un protocollo molto speciale. L’animalino camminava infatti nella direzione in cui era stata posta una ciotola rossa con del cibo, rispettando così, in maniera impeccabile tutte le scelte del regista. Per le scene un po’ più ostiche, come quella in cui John Coffey resuscita il topo calpestato dalla guardia, si è però deciso di utilizzare la computer grafica. E anche quando Mr. Jingles doveva stare sulla spalla di Tom Hanks, perché pare che l’attore si sia rifiutato di girare la scena. Per tutta la durata del film tra l’altro, la American Humane Association, un’organizzazione per i diritti degli animali, si è accertata delle condizioni di lavoro del topo e che non venisse in alcun modo maltrattato.

FONTI: bintmusic.it – corriere.itcinema.everyeye.it

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

15 pensieri riguardo “Aneddoti e curiosità del lunedì”

  1. Per Tarzan io avevo letto parecchi anni fa che si trattava della sovrapposizione di più suoni, tra cui un ruggito.

    Non sapevo del topolino ammaestrato. Non credo che avrei avuto paura di girare una scena con un topolino, strano che Hanks ne avesse paura.

    Piace a 1 persona

      1. Quand’ero bambino entravo nel granaio dei miei nonni e c’erano alcuni topolini grandi pochi centimetri, e io non ne avevo alcuna paura ed anzi i miei cugini – più grandi di me di alcuni anni – mi facevano vedere come prenderli in mano senza nessun timore.

        Piace a 1 persona

Rispondi a unallegropessimista Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

B A B I L O N I A

appunti disordinati

scatti di vita

Emozioni, fotografie, poesie, sensazioni e riflessioni per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

La solitudine del Prof

E’ arrivato il momento di giocare i tempi supplementari …

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

EMOZIONI A MATITA

di paola pioletti

M.A

Interviews, reviews, marketing for writers and artists across the globe

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

Premier Tech Studios

You press Digital, We Do The Rest

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

Buds of Wisdom

READING-WRITING-SPEAKING-LISTENING @ONE PLACE

30 anni di ALIENS

Viaggi nel mondo degli alieni FOX

Yelling Rosa

Words, Sounds and Pictures

The best for me

That I like

Walter Esposito

Fotografia d'arte

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

Sciorteils

Mi garba scrivere racconti brevi. Dove meglio di qui, che non rompo i coglioni a nessuno?

www.credevodiaveretempo.com

''E' dai piccoli dettagli, che giungiamo alle conclusioni'' direbbe S. Holmes.

STORIE SELVATICHE

STORIE PIU' O MENO FANTASTICHE DI VITA NEI BOSCHI

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

mammacamilla.blog

TUTTO CIÒ CHE RUOTA INTORNO AD UNA ❤ MAMMA

Maristella Nitti

psicologa psicoterapeuta

Il fruscio delle pagine

«Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono» (Snoopy)

Iannozzi Giuseppe - scrittore e giornalista

Iannozzi Giuseppe aka King Lear -scrittore, giornalista, critico letterario - blog ufficiale

Eliane Mariz

Li - teratura

alessandro sini

opinioni inutili

Poemas del Alfalfa

escritos en el corazon

Ely cambio di prospettiva

Trova la soluzione cambiando prospettiva

Paolo Perlini

Incastro le parole

TrailerCode

Cinema Corti ed altro per voi

Moonraylight

Enjoy the silence.

Ilmondodelleparole

Una parola è un respiro

elena gozzer

Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele, e al tempo stesso di una divina bellezza. Dipende dal nostro temperamento credere che cosa prevalga: il significato, o l'assenza di significato. (Carl Gustav Jung)

PrestaBlogs Updates.

The Home OfPresent And Future Music Stars

Olivia2010kroth's Blog

Viva la Revolución Bolivariana

The Khair Media

A Lifestyle Blog In Nigeria | This is where I share my thoughts in a unique way | Read and explore the beautiful world of Khair

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: