Festa in casa Muppets (1992)

Ennesima versione cinematografica del racconto di Dickens, a 4 anni di distanza dal più chiassoso Sos fantasmi, questo film è una riuscitissima fusione di pupazzi animati e attori in carne ed ossa.

La storia ricalca esattamente l’originale, così come l’ambientazione storica, ma si avvale della travolgente presenza dei Muppets, che con la loro divertente ironia ricca di battute pungenti e sarcastiche animano la trama, arricchendola di personaggi di contorno che affiancano i protagonisti, senza mai essere di troppo.

Scrooge è interpretato da un Michael Caine assolutamente fantastico, che non solo canta e recita senza difficoltà, ma interagisce da grande professionista con i colleghi di pezza, facendoci dimenticare che sono solo pupazzi, e tenendosi volutamente in disparte per dare spazio alle loro fulminanti gag.

Ovviamente il film piacerà in particolare ai bambini, ma è molto gradevole anche per chi bambino non è più, ed è quindi perfetto da vedere tutti insieme in famiglia, per sorridere, commuoversi, e naturalmente riflettere un po’, che non fa mai male. Nonostante la presenza dissacrante dei Muppets, il film conserva lo spirito originale del racconto di Dickens, grazie ad una ricostruzione accurata dell’ambiente e del periodo storico, ad una sceneggiatura che fonde con delicatezza la poetica dell’autore ottocentesco con l’irriverenza dei pupazzi di Henson, sufficientemente tenuta a freno dal regista, e ad un piacevolissimo clima di fiaba natalizia.

Tra l’altro c’è una novità assoluta rispetto ad altre trasposizioni del racconto, ed è il fatto che la storia è narrata direttamente dall’autore, Charles Dickens, impersonato da Gonzo il formichiere, il quale, già di per sé spiritoso, si accompagna qui a Rizzo il ratto, una new entry del mondo dei Muppets, molto divertente, con cui dà vita a spassosissimi dialoghi che si alternano ai momenti clou della storia, commentandone argutamente lo svolgimento, senza mai essere invadenti.

Da segnalare anche una colonna sonora molto curata, perché il film è un vero e proprio musical, che si avvale delle musiche originali di Miles Goodman, vincitore del Golden Globe per la colonna sonora de La Bamba.

Considerando che troppo spesso le varianti del racconto di Dickens commettono l’errore di calcare la mano sull’aspetto sentimentale dell’opera, o la trasformano in pura parodia, la versione dei Muppets ha il pregio di tenersi a una giusta distanza sia dalla farsa, che potrebbe svilire il significato profondo dell’opera, sia dal sentimentalismo più patetico.

Nel complesso la versione di Henson è una delle migliori, in cui l’atmosfera è particolarmente equilibrata, le contaminazioni di modernità sono ben contenute e soprattutto il messaggio, che è la parte più importante, arriva forte e chiaro.

SPUNTI DI CINEMA: A Christmas carol: un classico senza tempo

Autore: Raffa

Appassionata di cinema e di tutte le cose belle della vita. Scrivo recensioni senza prendermi troppo sul serio, ma soprattutto cerco di trasmettere emozioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...